APRI
IL
MENU'
Cronaca Internazionale
Vaccinazioni: un decesso ogni 700 vaccinati in Francia e nel mondo, mostra un'analisi di correlazione. (fonte: FranceSoir)
Vi proponiamo una esauriente sintesi
Articolo di Civico20News Redazione
Pubblicato in data 16/05/2021

Il 13 maggio 2021, l'ingegnere Philippe Pradat e la tossicologa Véronique Malard hanno scritto ai senatori un'analisi della correlazione tra l'aumento del numero di decessi etichettati covid e l'aumento del numero di vaccinati.

La loro conclusione è semplice: “Per ogni 700 nuove persone vaccinate, ci sarebbe una morte. "Questa analisi di correlazione è stata effettuata prima a livello di Francia, poi replicata a livello di dati in tutto il mondo. I risultati sono identici.

Gli autori della lettera si permettono di concludere: Alla luce di questi fatti è urgente sospendere la vaccinazione e bloccare l'istituzione del passaporto sanitario, che oltre ad essere liberticida sarà inutile, perché i vaccinati sono portatori del virus e della diffusione. "Nota: questa analisi dovrà essere senza dubbio seguita da vicino e seguita nel tempo per completarla e dimostrarne la rilevanza, se ce n'è una.

Le agenzie sanitarie hanno finora attribuito poca o nessuna causa di morte al vaccino tranne in casi "molto rari", tuttavia le agenzie nazionali norvegese e danese sono state più attente nella loro scelta sospendendo e poi interrompendo il vaccino: Astra Zeneca o Johnson.

Ricordiamo che in India l'autorità di regolamentazione aveva richiesto ulteriori informazioni alla Pfizer per le specificità della popolazione indiana - il laboratorio Pfizer aveva di conseguenza ritirato la sua domanda di commercializzazione.

Negli Stati Uniti sono iniziate le sperimentazioni sui vaccini sui bambini. La posizione della FDA (Federal Drug Administration) è quindi cambiata dalla dichiarazione del suo ex direttore Dr. Stephen Hahn Oncologo e radioterapista che ha detto: "La FDA non autorizzerà o approverà un vaccino che non ci sentiamo di somministrare alle nostre famiglie. A nome degli oltre 17.000 dipendenti della FDA, desidero oggi assumere i seguenti impegni nei confronti del pubblico americano e di questa commissione. La FDA non autorizzerà o approverà alcun vaccino COVID-19 fino a quando non avrà soddisfatto le rigorose aspettative dell'agenzia in termini di sicurezza ed efficacia.

Le decisioni di autorizzare o approvare tali vaccini o terapie saranno prese dal personale dedicato alla carriera della FDA. Le nostre decisioni saranno guidate dai nostri processi di controllo e dalla scienza. La FDA non permetterà a nessuno di fare pressioni per cambiare questa situazione. Combatterò per la scienza, signor presidente. Lotterò per l'integrità dell'agenzia e metterò gli interessi del popolo americano al di sopra di ogni altra cosa."

Nel dicembre 2020, il dottor Hahn è stato messo sotto pressione dal presidente Trump su Twittter "Tira fuori i vaccini ora, Dr Hahn @SteveFDA", "Smetti di giocare e inizia a salvare vite !!! Da allora, il suo sostituto, Janet Woodcock, direttore ad interim, ha assunto una posizione completamente diversa: "L'estensione da parte della FDA dell'autorizzazione per l'uso di emergenza del vaccino COVID-19 Pfizer-BioNTech agli adolescenti di età compresa tra 12 e 15 anni è un passo importante la lotta alla pandemia COVID-19 ”.

In Francia, il governo è impegnato in una corsa frenetica alla vaccinazione utilizzando come misura dell'efficacia il rischio relativo (miglioramento del 95%) che è apparentemente importante, ma contestato, perché alcuni, tra cui il professor Raoult, sostengono che questa cifra sarebbe più vicina al 50% o addirittura al 30%. Utilizzando la misura dell'efficacia del rischio assoluto individuale (miglioramento inferiore all'1%), alcuni si chiedono se il paziente prenderebbe la stessa decisione di essere vaccinato vedendo questo numero.

Alcuni degli organismi scientifici francesi si stanno persino prestando alla disinformazione sui vaccini mentre cittadini e medici lavorano per comprendere il vero equilibrio rischio-beneficio mettendo in discussione i rischi reali di questa malattia per coloro che hanno meno di 50 anni. Tutto ciò costituisce la base per la validità del consenso informativo che viene messo in discussione dal dottor Umlil e spiegato nelle sue interviste.

La Francia ha avviato da alcuni mesi un'intensa campagna di vaccinazione contro il Covid e vogliamo avvisarvi degli effetti di questa campagna di vaccinazione. Innanzitutto, va ricordato che gli studi clinici di fase 3 sono in corso e non saranno completati fino al 2022 o addirittura al 2023. La sicurezza dei vaccini Covid non è quindi ad oggi nota.

Per quanto riguarda gli effetti a lungo termine, è impossibile sapere quali potrebbero essere le conseguenze della vaccinazione. Va ricordato che nessun vaccino basato sull'RNA messaggero o sulla costruzione genetica in un adenovirus è mai stato iniettato su larga scala in una popolazione sana. D'altra parte è possibile analizzare i primi risultati delle vaccinazioni già effettuate. 

I rapporti settimanali dell'ANSM (Accueil - ANSM (sante.fr)) identificano gli effetti negativi a breve termine delle vaccinazioni. L'analisi dei dati mostra che si verificano tre decessi ogni 100.000 vaccinazioni, un numero significativamente superiore a quanto osservato in passato per una vaccinazione "intera popolazione". Inoltre, ad oggi, 31.893 effetti avversi sono stati causati dalla vaccinazione, ovvero 148 / 100.000 vaccinati. Tra questi effetti collaterali, il 25% è dichiarato grave, ovvero 37 su 100.000 vaccinati.

 

Sapendo che nella popolazione di 0-39 anni ci sono stati 322 decessi dall'inizio della pandemia, ovvero 1 / 100.000 persone (The demography of deaths by COVID-19 - France (ined.fr)), sembra ovvio che è criminale vaccinare il più giovane. In sintesi, il rapporto rischio / beneficio non è assolutamente a favore della vaccinazione.

 

Il numero di morti covid in Francia è proporzionale al numero di persone vaccinate. Ogni volta che 700 persone vengono vaccinate, un'altra persona muore a causa di Covid. Se vaccinassimo l'80% della popolazione francese (l'obiettivo di raggiungere la cosiddetta immunità collettiva), più di 76.500 morti saranno deplorate. Questa osservazione aiuta a capire perché il numero giornaliero di morti di Covid è rimasto stabile in Francia intorno a 250 / giorno per settimane.

 

La stessa analisi può essere fatta a livello globale. Alla luce di questi fatti, è urgente sospendere la vaccinazione e bloccare l'istituzione del passaporto sanitario, che oltre ad essere liberticida, sarà inutile, perché i vaccinati sono portatori del virus e lo diffondono.

 

Colpisce infine la rilettura della dichiarazione del Ministro della Salute del 31/03 al Figaro: Perché il Consiglio di Stato si è appena rifiutato di deconfinare immediatamente le persone vaccinate. I ceppi sudafricani e brasiliani "possono in particolare causare re-infezioni in persone che sono già state infettate da Covid-19, oltre al rischio di fuga del vaccino", ha detto il ministero. "L'efficacia dei vaccini è solo parziale", ha aggiunto: "dalla fase di sperimentazione [...] non vi era quindi alcuna garanzia di immunità" per i vaccinati.

 

I vaccini sono anche "meno efficaci" contro le varianti e permangono incertezze sulla protezione offerta dalle dosi contro la trasmissione del virus a terzi. Inoltre, le persone vaccinate "sono anche quelle più esposte a forme gravi e morte", se il vaccino non funziona o in caso di "reinfezione post-vaccinazione".

 

"Le persone vaccinate possono sviluppare forme lievi, o addirittura non essere sintomatiche, e continuare a diffondere il virus", ha osservato il ministero. Ogni differenziazione sarebbe "prematura": "non vi è alcuna giustificazione per esentare le persone vaccinate" dalle restrizioni in vigore, ha concluso. Hai letto correttamente…. le persone vaccinate "sono anche quelle più esposte a forme gravi e morte", se il vaccino non funziona o in caso di "reinfezione post vaccinazione". E anche “Le persone vaccinate possono ancora diffondere il virus”. Essere vaccinati presenta dei pericoli, è lo stesso ministro che lo dichiara ...

 

Possiamo dunque chiederci quale sia la motivazione dell'andare per continuare questa campagna mortale in modo implacabile. La tessera sanitaria che consente alle persone vaccinate di andare ovunque senza vincoli è pericolosa e va sospesa con urgenza. È oltraggioso immaginare che così tanti giovani sani andranno a farsi vaccinare per poter andare ai concerti o assistere a un evento sportivo. Infine, per salvare vite umane, potrebbero essere utilizzati trattamenti molto efficaci e non tossici.

 

Autori: Philippe Pradat e Véronique Malard, per FranceSoir

COMMENTA L'ARTICOLO
Altre notizie di
Cronaca Internazionale