APRI
IL
MENU'
Musica
Pesaro - Al via il Festival “Prospettive per un nuovo Rinascimento”
Vuole essere un invito alla resilienza collettiva
Articolo di Vito Piepoli
Pubblicato in data 30/06/2021

Si comincia il 4 luglio a Vallefoglia (PU) con la prima edizione del Festival “Prospettive per un nuovo Rinascimento” organizzato dall’Associazione Culturale “Distretto della Musica” sede di Vallefoglia, con lo spettacolo inaugurale “Il soffio della Nuova Vita” di Roberta Arduini del Quartetto OASI (Roberta Arduini, autrice e voce recitante, Paride Battistoni, violino, Jacopo Mariotti, violoncello, Alceste Neri, pianoforte) che si terrà a Sant’Angelo in Lizzola (Vallefoglia, PU), in Piazza IV novembre alle ore 21 con ingresso libero.

Anacleto Gambarara, presidente del “Distretto della Musica”, sassofonista e musicista affermato, nonché direttore artistico del Festival, così si è espresso: “con la nostra nuova sede di Vallefoglia, che si occupa dell’organizzazione dell’evento, abbiamo voluto lanciare un segnale positivo alla comunità dopo un anno difficile. Il Festival, che si ispira al Rinascimento, inteso anche in senso simbolico, vuole essere un invito alla resilienza collettiva”.

E allora, innanzitutto i fatti, perché il Rinascimento è in primo luogo un fatto, una serie di eventi, uomini e circostanze che, come tali, possono ancora ripetersi e noi ancora incontrare.

Perché chiamarlo Rinascimento? Vuol dire che era morto qualcuno se si tratta di rinascere? Cos’è che era morto? L’uomo. Lo facciamo rinascere o per lo meno, tentiamo, ma nella sua vera essenza.

Che caratteristiche ha questo uomo che è frutto e seme della modernità, della disgregazione della coscienza umana? Nei secoli, fino ad arrivare ai giorni nostri, l’ideale umano è cambiato. La riuscita dell’uomo per il Medioevo nello scopo per cui è venuto al mondo era l’essere santo. Il santo è l’uomo riuscito, è l’uomo che è in nesso con il destino e realizza il compito per cui il destino lo ha voluto, realizza compiutamente sé nel rapporto con l’assoluto.

Questa idea pian piano sparisce per lasciare il posto non più al santo ma al  divo, cioè a colui che per un proprio talento riesce, cioè emerge. Con tutte le conseguenze di ciò. La riuscita e il successo in un particolare settore della vita, qualunque esso sia, per lo sportivo, per l'intellettuale, per il giornalista, diventano il criterio. La parola che definisce la riuscita di un uomo nella vita è il successo, in una o in più attività, in più aspetti della vita. Non è più l’umiltà dei suoi limiti, ma l’orgoglio che pensa e si illude di farsi da sé.

C’è quindi bisogno ora,  specie dopo l’esperienza disarmante della malattia Covid, di un nuovo e vero Rinascimento, e Roberta Arduini autrice del testo de “Il Soffio di una Nuova Vita”, ci aiuta in questo, con la sua opera di parole e musica, riportando l’essere umano alla sua essenza, a quella vera e originale.

“La musica crea ponti, la musica unisce, la musica è un potentissimo mezzo creativo” dice Gambarara, ed in effetti l’Arduini, nella parte di Madre Terra, con le sue parole e la sua scelta delle musiche che le accompagnano, crea in questo spettacolo un ponte che vuole riportare l’essere umano alle sue origini, per crearlo di nuovo, ricrearlo, non solo dopo l’esperienza post Covid, ma dopo una qualsiasi esperienza di dolore, di distruzione e di impotenza umana che si verificasse, nella vita di qualsiasi uomo.

“E io Madre Terra, voglio accompagnarti verso la liberazione da quel frenetico mondo di illusioni che ti ha impedito di essere vero con te stesso, con gli altri e con la vita. Questo terremoto emotivo, ti ha lasciato esposto alla tua vulnerabilità….(…) Ma che prova incredibile la vita ti ha offerto in quei momenti che sembravano infiniti. Pensa che ti ha dato… (…) la tua vera immagine e di partorirti nuovamente…..(…) Perché la tua crisi, può partorire tutta la creatività di un figlio che non sapevi neppure di avere. E perché in fondo la vita, non è che un pezzetto di tempo per imparare ad amare”.

E così Roberta Arduini e i rinomati musicisti del quartetto OASI, con il suo spettacolo, si appresta ad inaugurare una nuova serie di eventi, per la seconda volta. Era la sera di giovedì 28 maggio di un anno fa, quando questo suo spettacolo (ne ha creati altri tre) è andato in onda su Fano Tv inaugurando la serie di trasmissioni “Colli al Metauro riparte dalla Bellezza”, dal piccolo borgo di Bargni (PU), riscuotendo un ampio successo di pubblico e di consensi positivi di gente comune e anche di personalità dello spettacolo.

Il “Distretto della musica” negli anni ha attivato prestigiose collaborazioni con l’Università degli Studi di Urbino “Carlo Bo”, l’Istituto Musicale “G. Lettimi” di Rimini, il Conservatorio “Arrigo Boito” di Parma, l’autore Mogol, il Maestro Angelo Valsiglio e il Maestro Micheal Rosen.

 

Nel 2016 ha ricevuto l’incarico da parte del Comune di Pietrarubbia (PU) di gestire l’antico Castello rivitalizzandone i musei (Museo “Arnaldo Pomodoro”, Museo delle Ceramiche Ritrovate, Complesso Siderurgico Medievale) e l’offerta artistico-culturale in genere. Il Castello di Pietrarubbia, nel 2020, ha ospitato la prima edizione del “Festival del Montefeltro”, rassegna di musica, canto, teatro, cinema e pittura che ha visto il coinvolgimento di oltre 50 artisti e migliaia di spettatori. Il “Distretto della Musica” al momento è all’opera per la seconda edizione del Festival che sarà inaugurata il 17 luglio p.v.

 

Per informazioni sul Festival “Prospettive per un nuovo Rinascimento” e sui corsi attivi nelle 6 sedi di Vallefoglia, Pietracuta, Pietrarubbia, Rimini, Novafeltria e San Clemente è possibile contattare il “Distretto della Musica” al 3922033951 o all’indirizzo: segreteria@ddmv.it, o seguendo le pagine Facebook e i siti: www.ddmv.it e www.pietrarubbiacastello.eu.

Vito Piepoli

Programma Festival “Nuove Prospettive per un Nuovo Rinascimento”:

 

Questo il programma dettagliato degli eventi, tutti a ingresso libero: Domenica 04 luglio 2021, ore 21.00, Evento inaugurale, "Il soffio della nuova Vita" di Roberta Arduini a Sant'Angelo in Lizzola - Vallefoglia (PU), Piazza IV Novembre, con il Quartetto Oasi (Roberta Arduini, autrice e voce recitante, Paride Battistoni, violino, Jacopo Mariotti, violoncello, Alceste Neri, pianoforte.; Giovedì 15 luglio 2021, ore 17.00-19.00, "Ri-Tratti" a Montecchio - Vallefoglia (PU), presso la Biblioteca Comunale, Via Leonardo Da Vinci 26, Laboratorio artistico per bambini e ragazzi dai 6 anni in su a cura di Ittico Art Lab,  due turni: 17.00-18.00 e 18.00-19.00, Prenotazione obbligatoria - tel. 0721 498961; Lunedì 19 luglio 2021, ore 16.30-18.30 , "Alice tra le Farfalle" a Rio Salso (PU), Centro di Aggregazione Giovanile, Strada Provinciale Feltresca 118, Laboratorio artistico per bambini e ragazzi dai 6 anni in su a cura di Ittico Art Lab, due turni: 16.30-17.30 e 17.30-18.30, Prenotazione obbligatoria - tel. 339 347 9305, Lunedì 26 luglio 2021, ore 17.00-19.00,  "Libri a forma di palazzo" a Morciola - Vallefoglia (PU), Biblioteca Comunale, Via Nazionale 138, Laboratorio artistico per bambini e ragazzi dai 6 anni in su a cura di Ittico Art Lab, due turni: 17.00-18.00 e 18.00-19.00, Prenotazione obbligatoria - tel. 0721 495261; Domenica 01 agosto 2021, concerto Alba Rosa a Belvedere Fogliense (PU),  "Dal belcanto allo swing" (Rosanna Lidoni, soprano pop, Mauro Montanari, tenore, Enrica Menghi, violino, Anacleto Gambarara, sassofoni, Roberto Giulietti, pianoforte); Sabato 07 agosto 2021, ore 21.00 a Carpegna (PU), Pieve di San Giovanni Battista, Ensemble "Florum Flos" (Monica Sarti, soprano, Enrico Scavo, violone, Alessandro Casali, organo); Domenica 22 agosto 2021, ore 21.00, al Castello di Pietrarubbia (PU), TerreRare - "Le Marche: Scienza, Poesia e Musica" (con Olivia Nesci, Laura Valentini, Lorenzo Carnevali, Massimo Brizigotti, Stefano Baiocchi); Venerdì 27 agosto 2021, ore 21.00 a Colbordolo (PU), Centro Culturale "G. Santi", Via Roma, "Le anime del liuto - Dialoghi concertanti" (Daniele Canu, liutaio,  Pier Luigi Colonna, liutista).

 

 


 

COMMENTA L'ARTICOLO
Altre notizie di
Musica