APRI
IL
MENU'
Tecnologia
I videogiochi di nuova generazione
Photo by Pixabay
Articolo di Civico20News Redazione
Pubblicato in data 05/01/2022

Alla scoperta dell’universo ludico dei giorni nostri

Sarà anche una frase fatta, eppure la tecnologia odierna ha cambiato tutto! Di sicuro ha cambiato il nostro modo di trascorrere il fine settimana, quando possiamo finalmente godere di un po' di meritato tempo libero. Quando disponiamo di alcune ore da dedicare a noi stessi, possiamo sì, come 25-30 anni fa d’altronde, darci ai videogiochi. Peccato però che i videogiochi di oggi siamo tutt’altro rispetto a quelli di ieri. Una volta una cartuccia da inserire all’interno di una console sapeva regalarci di sicuro una bella storia che però dovevamo un po' “immaginare”, visto che grafica e giocabilità non erano il massimo, mentre nel 2022 un qualsiasi titolo è infatti un mini-mondo dove quasi tutti i limiti sono stati aboliti! Se non ci credete prendete World of Warcraft: una volta scelto il personaggio da impersonare, sia esso un mago oppure un guerriero, facente parte o dell’Alleanza o dell’Orda, ecco che abbiamo solo l’imbarazzo della scelta su cosa combinare. Volendo, possiamo giocare in solitaria compiendo una o più quest nell’ordine che preferiamo; possiamo entrare in una gilda e lanciarci in qualche raid; possiamo infine “skillare” (come direbbero i più giovani) le nostre abilità, tra cui quelle legate alle professioni. WoW è solo un esempio, tra i tanti possibili, che ci fa capire come è cambiato l’universo ludico dei giorni nostri, all’interno del quale adesso prosperano i videogiochi di nuova generazione, che permettono agli appassionati di vivere la vita virtuale che vogliono. Grazie alle patch, o se preferite agli aggiornamenti, il prodotto ludico destinato a farci compagnia nel weekend cambia (e migliora) in continuazione. Questo non era possibile negli anni ’90, quando inserendo una cartuccia NES non potevi fare altro che schiacciare i due pulsanti presenti sul joypad e seguire una storyline preimpostata.

VR e realtà aumentata

I videogiochi di nuova generazione non sono solo quelli che permettono al player di turno di vivere un'avventura unica ed eccezionale, essendo personalizzabile in ogni suo aspetto, dalle azioni che è possibile mettere in atto agli oggetti che è possibile raccogliere. No, c’è molto di più, e questo di più si chiama VR e realtà aumentata, migliorie del mondo attuale che ci offrono l’imperdibile opportunità di varcare quel confine, sempre esistito, che divide il reale dal virtuale. Indossando gli occhiali VisionAR oppure gli occhiali Oculus Rift la finzione videoludica non è più tale, perché è come se il nostro corpo fosse proiettato lì, nel mondo dedicato ai più piccini di Reenbow Mirabo, oppure là, nel mondo dedicato ai più grandi di Minecraft Earth. Tentare di spiegare a parole quella sensazione per cui è quasi possibile toccare con mano ciò che non esiste non è per nulla semplice. Ecco perché vi consigliamo di vivere in prima persona i videogiochi di nuova generazione, facendo vostra questa esperienza che di sicuro vi cambierà l’esistenza. Un’esagerazione? Forse no: provare per credere.

Attenzione a non esagerare

Photo by Pixabay

Se i videogame di cui vi abbiamo parlato finora hanno indubbiamente caratteristiche che li rendono unici, è anche vero che bisogna fare attenzione. Mai esagerare con il loro utilizzo: anche se si ha tanto tempo a disposizione nel fine settimana, la cosa migliore è non stare attaccati tutto il giorno allo schermo approfittando di capolavori come Dota 2 o League of Legends, videogiochi talmente belli da rientrare nella categoria degli eSport. Insomma, come ricorda un vecchio detto popolare “il troppo stroppia”, anche quando siamo di fronte a passatempi così ben progettati come i videogiochi di nuova generazione.

Il vintage va ancora oggi di moda

C'è infine una cosa da dire, ed è molto importante: non tutte le aziende specializzate in videogiochi puntano oggi sulla realtà virtuale. Alcune di loro preferiscono infatti realizzare prodotti che strizzano l'occhio al vintage. L'idea alla base di questa scelta è intercettare quell'ampia nicchia di gamer non più giovanissimi che hanno voglia di rivivere un passato videoludico all'insegna di semplicità e immediatezza. Non proprio stile Super Mario Bros in salsa 8 bit, ma poco ci manca!  

COMMENTA L'ARTICOLO
Altre notizie di
Tecnologia