Juve male in Coppa Italia

Sconfitta per 2-1 a opera delle Fiorentina. Ora l'approdo in finale Ŕ a rischio

Che alla Juventus non interessi la Coppa Italia, anche se ufficialmente non lo si dice, è ormai evidente dal momento che, pur essendo passati circa vent'anni dall'ultima conquistata, i vari allenatori, da Conte ad Allegri, mettono in campo la formazione rimaneggiata, lasciando fuori i pezzi da novanta.

E pensare che con un piccolo sforzo si potrebbe essere la prima squadra a vincere la decima Coppa Italia, ma a quanto pare ormai nei progetti della Società bianconera rientrano solo Campionato e Champions League.

Considerando, tuttavia, che di scudetti se ne sono già vinti parecchi e di questi quasi quattro consecutivi e che conquistare il podio europeo della Champions League non è obiettivo così facile da raggiungere, ecco che l'obiettivo "facile" della Coppa Italia dovrebbe essere cosa da non sottovalutare nelle strategia juventiune.

Quella di ieri è stata una Juventus dal gioco fiacco, con molti ritocchi in campo, tra cui Pepe e Coman che praticamente non giocano mai, con una difesa fatta da Storari, Padoin e Ogbonna, anch'essi considerati riserve e non a caso, e con un centrocampo in cui, forse per mancanza degli stimoli giusti, Pogba e soprattutto Marchisio si sono rivelati la brutta copia di ciò che solitamente si vedono in Campionato.

Sulla Fiorentina il giudizio si può quasi definire "non pervenuto" dal momento che i due gol non sono stati costruiti dal gioco dei Viola, ma semplicemente regalati, uno da un baricentro della squadra che sullo zero a zero è risultato troppo alto tanto da far trovare poco al di qua del centrocampo un incolpevole Padoin a tu per tu con un missile come Salah, e l'altro per uno svarione allucinante di Marchisio.

Per il ritorno, previsto tra un mese all'Artemio Franchi, i bianconeri dovranno fare gli straordinari per segnare due reti senza prendere gol e soprattutto bisognerà vedere se Allegri metterà in campo l'artiglieria pesante oppure lascerà naufragare il passaggio di turno.

Lunedi prossimo, nel posticipo, i bianconeri incontreranno in casa il Sassuolo e c'è da domandarsi se Allegri abbia tenuto fuori dal gioco i tanti titolari per paura di una partita di "cartello" come Juventus-Sassuolo o se, cosa più probabile, le ambizioni della dirigenza non abbiano ancora una volta deciso che la Coppa Italia (che ormai è diventata TIM Cup come se fosse un triangolare estivo tipo Trofeo Birra Moretti) non sia quel granché da meritare attenzione.





Marco Pinzuti


Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 06/03/2015