La smascherata e lo stravolto
foto © D.DeMartis/PHOS

I mille personaggi dei giochi-di-ruolo si svelano nei fotoritratti di Davide De Martis, in mostra al Centro Phos di Torino fino al 10 marzo

D. De Martis (DeFuntis), 'Cosplayers', 2013-2016, fotocolor © aut./PHOS

Uno, nessuno, centomila. Personalità e personaggio, individuo ed individualità. Si svelano reciprocamente. Da Nembokid, cioè Superman, a Catwoman, da Wolverine a Joker, dalla Sirenetta a Freddy Krueger, dalle fate agli zombie, a vampiri e vampiresse, diavoli e diavolesse, insieme alle altre infinite incarnazioni concrete di protagonisti virtuali di fiction, saghe tivù o cinematografiche e specialmente diffusi videogame da console o internet, sulla Terra-di-Mezzo o a Narnia, i vari dottor Jekyll e mister Hyde, sosia, cloni o avatar, le proteiformi creature concepite e partorite dalle menti (malate?...) degli sceneggiatori si materializzano in donne e uomini di tutti i giorni: è il popolo dei cosplayer. Giocatori-di-ruolo.

Volti stravolti? Sguardi penetranti, assatanati, con occhi fuori dalle orbite? Trucchi. Costumi, appunto. Corpi e abiti, animi e gesti. Attori mancati in cerca di notorietà? Fuga dalla realtà?... A ciascuno la sua motivazione o movente e movenze. Passati attraverso lo specchio d'Alice dell'ottica lenticolare dell'obbiettivo, i loro colori e caratteri, simili maschere straordinarie, chiare o tenebrose, allegre o spaventose, sempre grottesche ed eccessive, fantastiche, sì, ma magari più vere di quelle indossate normalmente recitando in famiglia o sul posto-di-lavoro, figurano - o sfigurano - in posa nella serie di intriganti, espressivi ed introspettivi fotoritratti, d'impeccabile precisione ed efficacia tecnico-luministica, che Davide De Martis (o DeFuntis), in consonante prosecuzione ai precedenti Socialportraitsdedica a questo genere di passione "interpretativa" ed esistenziale di semplici cittadini italiani d'ogni età ed estrazione, forse sintomo della frustrazione della spesso poco esaltante vitaccia corrente: già esibite a Torino Comics nel 2013 e adesso in mostra al Centro Polifunzionale Phos di via Vico, le immagini evocano tante storie sommerse di chi probabilmente non vuole arrendersi alla noia quotidiana e tenta di redimersi, di affrancarsi dall'anonimo grigiore dell'insignificanza massificata, dell'aberrante banalità convenzionale dell'alienazione consuetudinaria, immedesimandosi nei propri eroi, aderendo a tali riti e miti preconfezionati, ad ideali inventati da abili maestri della comunicazone consumistica globale, eppure creativamente adottati, adattati, traslati e calati su di sé, a mo' di seconda pelle. Per divertirsi (si badi all'etimo).

Opere. Abbagli. Lampanti. Forti contrasti. O sottili sfumature. E tonalità accese. A tinte fosche. Assolute. Sbucano dal nulla. OscureComparse dal buio. Al nero.

(c.s./e.s.l.)


D. De Martis (DeFuntis), 'Cosplayers', 2013-2016, fotocolor © aut./PHOS

Davide De Martis

"Cosplayers"

Mostra fotografica personale

   

Fino al 10 marzo 2017


foto © aut./PHOS

© PHOS

PHOS

Centro Polifunzionale per la Fotografia

e le Arti Visive

diretto da Enzo Obiso

Via Vico, 1 – Torino

 

Orario: dal martedì al venerdì

dalle 15,00 alle 19,30

 

Info: 011-7604867 

phos@phosfotografia.it

www.phosfotografia.it

www.phosfotografia.com/inaugurazione-sede

www.phosfotografia.com/demartis

 

www.davidedemartis.it


 

 

Le immagini a corredo del testo dell'articolo:

sotto il titolo, entro o in calce allo scritto

e qui sopra, a destra

sono riprodotte da fotografie della serie "Cosplayers" (2013-2016)

di Davide De Martis (alias DeFuntis);


qui a lato, scorcio dell'atrio della nuova sede del Centro Phos

in via Vico a Torino


© aut. / PHOS - Centro Polifunzionale per la Fotografia e le Arti Visive

 

 

 

 


 

link al precedente articolo
Una sventagliata orientaleggiante ombreggiata dal Sollevante
relativo alla mostra collettiva All'ombra del ventaglio
presso il Centro PHOS di Torino : 

link all'articolo Ombre di luce
relativo alla mostra personale di Jacob Aue Sobol
presso il Centro PHOS di Torino : 

link all'articolo Sfocando controluce
relativo alla mostra personale di Michael Ackermann
presso il Centro PHOS di Torino : 

 

© 2017 CIVICO20NEWS - riproduzione riservata

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 04/02/2017