Pianeta Juve - Bianconeri inarrestabili: 3 punti anche a Cagliari

L'Analisi di Marco Rabellino

Per mantenere la distanze invariate con le inseguitrici, la Juventus deve affrontare al Sant'Elia il Cagliari. Partita che sulla carta sembra semplice ed infatti per tutti i 90 minuti si nota la superiorità bianconera.

Poche emozioni e poche azioni interessanti. Tanti lanci per gli attaccanti bianconeri che vengono disinnescati dai difensori avversari. La prima azione pericolosa della Juventus porta al gol dell'1-0.

Marchisio passa filtrante per Higuain, scattato sul filo del fuorigioco, controllo del Pipita che esegue uno pallonetto e supera il portiere in uscita. Al 46' Higuain, vicino all'area bianconera, recupera palla, serve Cuadrado che parte in contropiede, sulla trequarti passa a Dybala.

L'argentino serve Higuain in corsa dalla retroguardia che controlla ed incrocia siglando il 2-0. al 62' il Cagliari effettua il primo tiro in zona porta con Isla che però spara alto. Minuto 70, rimessa laterale rossoblu, Murru lancia in area dove trova la ribattuta dei difensori juventini, la palla termina sui piedi di Pisacane, tiro al volo e parata di Buffon.

Al 71' cross in area cagliaritana e Mandzukic anticipa di testa il difensore rossoblu e mette a lato di poco. All'86' ancora Mandzukic di testa anticipa il difensore del Cagliari, stavolta fallosamente, e conclude nuovamente a  lato. Al 90' Mandzukic di testa centra la traversa, pallone di nuovo in campo, Dybala si butta e di testa la rimanda verso la porta ma trova la reazione da gatto del portiere rossoblu che nega alla Joya il gol.

Come nelle ultime 5 partite la Juventus non subisce gol e non lascia la possibilità agli avversari di avvicinarsi alla porta. Ottima la difesa, tralasciando i passaggi sbagliati di Bonucci in alcune occasioni che grazie alla non qualità degli avversari non sono state trasformate in occasioni potenziali. Il centrocampo ha trovato la sua quadra, sia con Marchisio che con Pjanic, effettuando le due fasi senza allungare troppo la squadra.

Mandzukic continua ad essere importante nel gioco bianconero grazie alla sua altezza e alla fisicità che lo fanno arrivare per primo sui palloni alti e fungere da torre per i compagni. Un plauso speciale è doveroso farlo ad un super Higuain che segna due gol splendidi e di difficile fattura. Un giocatore con il senso della porta fuori dal comune che trasforma in oro gli assist dei compagni. Dopo il gol al Crotone e questo di domenica a Cagliari, lo si può paragonare ad una bottiglia di vino pregiato che col passare del tempo migliora nel gusto. Infatti da inizio stagione è maturato ed ha fatto il salto di prestazione a gennaio quando è entrato a pieno nel gioco bianconero.

Il Cagliari come detto non è stato avversario tosto da sottomettere, però i complimenti vanno fatti anche a mister Allegri che ha costruito la squadra assemblando i giocatori con più qualità in un'unica formazione vincente. Il cambio di modulo sembrava un azzardo ed invece si dimostra utile sfruttando l'alchimia di cinque attaccanti diversi fra loro per un'unica causa, il gol.

Con le partite importanti che si avvicinano e la distanza di sicurezza mantenuta si può iniziare a sognare un altro scudetto....

 

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 15/02/2017