Dialoghi sul senso della vita – 3.9 di n.

Dominati dalle idee che abbiamo generato.

Prosegue dal precedente articolo dal titolo: Vero o falso? Il movimento è vita!

-----------------------------------------------------------------------------------

 

In realtà questo mondo è un giusto miscuglio di inferno, purgatorio e paradiso; solo che non è, e non potrà mai essere, stabilmente una di tali condizioni. Esse si generano vicendevolmente senza posa al solo scopo di permetterci di conoscere ogni cosa come essa è. Ma un’errata percezione di questa realtà ci fa agire in modo distorto nella speranza di fermare questo movimento!

 

IDP… io ci ho pensato … dopo che lei ha detto delle cose … è davvero semplice!

 

Ma certamente; sono semplici! Siamo noi a complicarle!

 

IDP… è certo! Uno crede in una cosa, l’altro in un’altra … io nella mia … ma posso anche credere in quel punto di partenza!

 

Attualmente siamo ancora uniti alla fonte della vita, ma non direttamente e non per sempre! Non siamo, come ben sappiamo, immortali! Speriamo che ciò avvenga in qualche modo, ma per ora la situazione è questa!

 

IDP… la nostra religione dice che se non avessimo commesso il peccato mortale non ci troveremmo in questa condizione!

 

IDP… e poi ha aggiunto che c’è qualcuno che non vuole: quello è il diavolo! (Risate dal pubblico).

 

Noi ci ridiamo sopra, ma come pensate che sia nato il modo di stabilire cosa sia bene e male, giusto o sbagliato? Esattamente come stiamo facendo ora! Parlandone, intorno ad un tavolo e in una particolare situazione, tra esseri umani che avevano il potere di farlo! Alcune persone si sono fatte delle domande e si sono date le risposte! Esattamente come stiamo facendo ora!

 

Tali decisioni sono state dettate in parte anche dal potere e dalla politica.

 

Tutti desideriamo una vita beatamente lineare piena di tutto quello che è bene per noi; però questo tipo di vita non è la nostra; potremo dire che è più la vita di un altro tipo di entità. Per esempio un angelo, secondo quanto ci è stato detto, non muore mai!

 

IDP… quindi se fosse stato così non avremmo avuto problemi! Non saremo complicati come siamo adesso!

 

Certo! Esistono entità che non hanno una vita complicata, fanno solo quello che devono fare! Però non possono neanche fare diversamente!

 

L’Origine, come un genitore, padre e madre insieme, genera una moltitudine di figli tutti diversi; esattamente come avviene nel mondo in cui ci troviamo.

 

Ma se tutto era perfetto che bisogno c’era di fare altro?

Potete rispondere?

 

Questo mondo non lo ha conciato così qualcuno in particolare; tutti abbiamo contribuito a renderlo tale!

 

IDP… lo abbiamo costruito a nostra immagine e somiglianza!

 

Non solo il mondo ma anche chi lo abita; angeli, demoni, troni, dominazioni, santi, madonne, pazzi, saggi, potenti, deboli, prostituti, asceti, idoli, idioti. Abbiamo popolato lo spazio intorno e dentro di noi di immagini. Immagini che sono nate da noi, poi sono diventate autonome, ed infine ci stanno dominando perché possono vivere solo attraverso l’energia vitale che noi gli forniamo. Senza di noi sarebbero costrette a sparire!

 

IDP… per questo io Dante lo metterei in galera!

 

IDP… secondo me ha contribuito molto a dare un volto alle nostre paure …

 

IDP… ma c’era la necessità di educare facendo comprendere la differenza tra il bene, il buono, il bello e il male, il cattivo, il brutto!

 

Non è ancora educazione ma semplice istruzione di base! Infatti educare, dal latino “educere”, “ex-ducere”, significa condurre fuori, far uscire ciò che c’è già dentro. Istruire invece è mettere dentro le persone ciò che serve perché possano fare esattamente come mostrato nelle istruzioni.

 

Anche le macchine vengono istruite per svolgere le loro funzioni!

 

Ecco perché le parole ci hanno condotto in una torre di babele! Non ne conosciamo più il significato e quindi siamo convinti di fare una cosa mentre ne stiamo facendo un’altra!

 

Le usiamo in un senso diverso, e dopo un po’ siamo convinti che quello sia il loro vero significato! Ciò vale anche per noi. Crediamo di essere una certa persona e poi finiamo per crederci davvero anche se non lo siamo!

 

IDP… e il libero arbitrio … ci può stare?

 

IDP… è un difetto di fabbricazione!

 

Non è un difetto; sono funzioni perfette! L’ essere umano non ha difetti di fabbricazione: è perfetto per le sue funzioni! Però in ogni sua funzione ha un certo grado di libertà.

 

IDP… mi sconvolge questa sua affermazione! Abbiamo basato tutto sul fatto che …

 

…. non esistono tutte le cose di cui parlano le religioni?

 

Semmai si può dire che alcuni religiosi non sanno di cosa parlano! Così come precedentemente abbiamo detto che si fa uso distorto delle parole perché non se ne conosce più il vero significato.

 

IDP… ma che esistano gli angeli … le possiamo chiamare come vogliamo … entità perfette …

 

… altri si riferiscono più genericamente a dei, entità superiori; però chiamandoli “angeli”, ammesso che esistano, è più facile che si scatenino reazioni, come abbiamo visto! Perché questi sono i preconcetti che abitano il nostro sangue e la nostra coscienza da millenni! Potevo chiamarli in altro modo ma avrei solamente sollecitato la curiosità; così invece siamo andati oltre; ci siamo addentrati nei meandri delle nostre credenze nascoste o delle nostre negazioni di ciò che ci disturba.

 

Come noi tutti abbiamo nomi e caratteristiche, così anche altre forme di vita hanno nomi e caratteristiche proprie. Caratteristica che le accumuna è che tutte le forme di vita sono interconnesse e interagiscono costantemente.

 

Possiamo definirle diversamente, ma le loro caratteristiche peculiari non possono che permanere tali, pur al variare delle sfumature, perché sono proprio tali caratteristiche che definiscono tali entità con il loro nome. Ciò è dovuto ad un semplice fatto facilmente comprensibile: se tali caratteristiche costituiscono la loro essenza immutabile (per questo sono identificati in esse e per mezzo di esse), dalle interazioni tra di esse potranno solo evidenziarsi aspetti differenti della stessa cosa, ma mai aspetti di una cosa completamente nuova.

 

Quindi esistono entità con funzioni proprie indipendentemente dal fatto che noi ce ne ricordiamo o le conosciamo! Alcune di queste entità hanno lavorato alla costruzione del mondo in cui viviamo e lo mantengono in essere! Possiamo crederci oppure no; non influisce gran che sull’attuale andamento delle cose; il processo nel quale siamo inseriti ha una sua dinamica che funzionerà fino a quando sarà necessario e possibile.

 

In questo stato di cose, permanendo la nostra ignoranza, continueranno a farsi valere karma e destino, ma non ci sarà posto per il libero arbitrio.

 

E nessuno potrà mai essere libero.

 

Continua nel prossimo articolo 3.10 di n dal titolo:

Perfezione o amore incondizionato?

 

Foto e testo

Pietro Cartella

 

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 19/09/2019