La Collina. Da Superga a Cavoretto

Il libro di Piergiorgio Balocco appartiene alla collana di volumi dedicati ai Quartieri di Torino, edita da Graphot

La collana di volumi dedicati ai “Quartieri di Torino”, edita da Graphot Editrice, si arricchisce di un nuovo libro, scritto da Piergiorgio Balocco e intitolato “La Collina. Da Superga a Cavoretto” (2019).

 

Il libro si apre con ben quattro citazioni letterarie dedicate alla collina torinese, di Angelo Ruga, Carlo Levi, Cesare Pavese e Giambattista Tana e nella Prefazione ricorda che: «Sul sito La città di Torino — Verde Pubblico si legge: “Poche città vantano, come Torino, itinerari escursionistici nella natura a meno di due chilometri dal centro, come quelli percorribili sulla collina torinese; pochissime offrono, durante tali passeggiate, oltre ad una grande varietà di paesaggi e bellezze naturalistiche, testimonianze storiche e culturali paragonabili a quelle presenti in un itinerario cittadino”».

 

Piergiorgio Balocco conferma questa asserzione quando ricorda che nessuna città ha, come Torino, una parte tanto estesa e così strettamente integrata di collina sul suo territorio. Si tratta di un terreno in pendio che sale parallelo al Po, al di là del fiume, e mantiene il suo variegato e vasto crinale quasi uniformemente al di sopra dei 600 metri.

 

L’attuale paesaggio collinare è il risultato di profonde modificazioni avvenute in fasi temporali antichissime. L’assetto attuale, che prese forma circa 5 milioni d’anni or sono, viene descritto da Piergiorgio Balocco in 250 pagine di agile lettura dove prende in esame, in successivi capitoli, Superga – Reaglie, Mongreno, Pino Torinese, Baldissero – Precollina da Sassi alla Gran Madre – Piazza Gran Madre di Dio e il suo entroterra – Borgo Rubatto, Crimea e Valsalice – Eremo – Colle della Maddalena – San Vito e Revigliasco – Pilonetto, Val Pattonera, Cavoretto.

 

La collina, che insieme alle Alpi incorona il panorama torinese, regala ai suoi visitatori meraviglie di carattere ambientale, agricolo, storico e culturale. Da qui si può godere della vista di paesaggi di grande bellezza, tra dolci rilievi, vigne, borghi antichi, chiese, castelli e proprietà nobiliari.

 

C’è ancora molto da scoprire per i lettori curiosi che amano le storie di posti e di persone, e per coloro i quali la collina è custode di ricordi di passeggiate e piacevoli giornate in compagnia di amici e parenti. Perché è proprio la conformazione di questo territorio, che nasconde tante piccole realtà, che Balocco indaga con la curiosità del ricercatore e con l’umiltà e la fierezza di un torinese di fronte a tanto splendore. La sua ricerca è stata minuziosa, lo testimoniano più di quattro pagine, fitte di citazioni bibliografiche, e il ben documentato apparato iconografico.

 

Troviamo infine una corposa Appendice dove sono elencate le più importanti e storiche dimore collinari, vigne, ville e tetti, ed è proposto un Elenco dei Savoia attualmente tumulati a Superga.

 

 

Piergiorgio Balocco, appassionato cultore del folclore piemontese, è fratello del celebre cantautore Roberto, e ha contribuito al successo di numerosi spettacoli delle “Canson dla piòla” come autore di testi e regista teatrale.

 

È autore dei libri: Chi è di scena, la storia del grande impresario teatrale torinese Aldo Landi; Le canson dla piòla, con una analisi critica di queste singolari canzoni operaie e cittadine; Per le piazze, i cortili e le osterie delle nostre contrade, un saggio sui cantastorie di fine Ottocento, con la riproduzione di 150 fogli volanti e immagini d’epoca; L’Esposizione Internazionale di Torino del 1911, con una approfondita analisi di queste manifestazioni popolari; Borgo Dora, Balon, Valdocco - Storia, mito e immagini di un operoso quartiere; Quadrilatero - Da Augusta Taurinorum alla rnultietnicità; Aurora, Rossini, Regio Parco - I territori d’oltre Dora; Porta Palazzo - Una piazza crocevia del mondo; Madonna di Campagna - Un territorio agricolo diventato città (in collaborazione con Silvia Pevato); Porta Nuova, San Secondo - La Stazione e i suoi dintorni; Tranta, quaranta, tut él mond a canta - Canti e filastrocche del vecchio Piemonte.

 

 

Piergiorgio Balocco

 

La Collina. Da Superga a Cavoretto

 

Graphot Editrice, Torino, 2019

 

Pp. 252 - € 18:00

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 20/11/2019