Regione Piemonte - Prestazioni sanitarie ai membri delle Forze dell’Ordine per infortuni in servizio
Pietro Di Lorenzo e Maurizio Marrone

Presentato un Ordine del Giorno al Consiglio Regionale

Ieri nel corso della seduta del Consiglio Regionale, il capogruppo di FdI Maurizio Marrone, ha presentato un Ordine del Giorno che sarà prossimamente discusso dal Consiglio, nell’ambito delle sedute sul bilancio regionale del 2020, di alto contenuto sociale.

Com’è noto gli appartenenti ai Corpi di Polizia ad ordinamento civile e miliare, Forze Armate e Vigili del Fuoco non godono della copertura assicurativa INAIL e che, a differenza di altri lavoratori che, a seguito di infortunio sul lavoro, sono considerati esenti sulla base di quanto previsto dal D. M. 01.02.1991, si trovano a dover corrispondere la quota fissa di 25 euro prevista dalla normativa per le prestazioni di Pronto Soccorso esitate in codice bianco.

Partendo a tali premesse, il consigliere proponente intende impegnare L’Assessore alla Sanità e la Giunta a deliberare l) che le prestazioni di Pronto Soccorso esitate in codice bianco, erogate a seguito di infortunio sul lavoro subito da soggetti appartenenti ai Corpi di Polizia ad ordinamento civile e miliare, Forze Armate e Vigili del Fuoco, che non godono di copertura assicurativa INAIL, non sono assoggettate al pagamento della quota fissa per l'accesso al Pronto Soccorso; 2) di stabilire che le successive prestazioni sanitarie correlate all'infortunio e per il periodo dell'infortunio, non sono assoggettate alla compartecipazione alla spesa sanitaria per i soggetti  indicati.

Così c’è la evidente possibilità che dal 2020 gli appartenenti alle forze  dell’ordine in Piemonte non dovranno più sostenere le spese sanitarie per incidenti occorsi in servizio.

 

Nel merito abbiamo raccolto il commento di Pietro Di Lorenzo, Segretario Generale Provinciale del Siap, sindacato maggiormente rappresentativo della Polizia di Stato.

 

Segretario Di Lorenzo, come considera quest’iniziativa?

 

Oggi è una giornata storica per il Siap e per tutti gli appartenenti alle forze dell’ordine del Piemonte . Dal 2020 non saremo più costretti a pagarci le spese per le cure sanitarie correlate agli incidenti occorsi in servizio

 

Cos’ successo ieri in Consiglio Regionale?

Abbiamo presenziato alla presentazione, presso il Consiglio Regionale Piemonte, dell’ordine del giorno collegato all'assestamento di bilancio presentato dal capogruppo di Fratelli d'Italia Maurizio Marrone con cui la Regione Piemonte esenterà presto dal pagamento delle spese sanitarie gli esponenti delle forze dell'ordine dei vigili del fuoco e delle forze armate rimasti feriti in servizio”.

Da anni ci battiamo, prosegue Di Lorenzo, per superare un'assurda norma nazionale per cui gli operatori  in divisa, che rischiano quotidianamente la propria incolumità per la sicurezza del territorio, devono pagarsi il ticket per le spese sanitarie successive agli infortuni di servizio perchè non godono della copertura assicurativa Inail a differenza degli altri lavoratori considerati esenti.”

 

 Questa era la norma, se non sbaglio

 

“Fino ad ora abbiamo trovato un muro di gomma e ringraziamo sentitamente il capogruppo FdI Marrone per l’ascolto e la comprensione di una delle tante assurdità che costellano la nostra attività quotidiana”.

 “Da oggi, conclude il segretario provinciale Generale del SIAP,  si apre finalmente una pagina nuova ed i tanti, troppi colleghi del Comparto Sicurezza, Difesa e Soccorso Pubblico che operano in Piemonte ed hanno la sventura di essere feriti in servizio non dovranno più subire l’umiliazione di doversi pagare le spese sanitarie per gli incidenti accaduti in servizio”

 

Grazie segretario. Attendiamo la fumata bianca del Consiglio

 

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 27/11/2019