Milano – L’Annunciazione di Filippino Lippi

Due magnifici tondi incantano Milano, fino al 12 gennaio 2020

Il tradizionale augurio natalizio che il Comune di Milano rivolge ai  milanesi, e  ai turisti  presenti in città ogni anno, anche quest’anno  lo fa attraverso una mostra d’arte esponendo un prezioso capolavoro, dell’immenso patrimonio artistico e culturale del nostro Paese, prestato per l’occasione dai Musei Civici di san Gimignano :” L’Annunciazione di Filippino Lippi”.

L’opera consiste in due magnifici tondi, raffiguranti «L’Angelo Annunziante » e «l’Annunziata», realizzati  dal Maestro toscano Filippino Lippi, figlio di Filippo Lippi e allievo di Sandro Botticelli. La mostra è curata da Alessandro Cecchi, uno dei maggiori studiosi dell’arte toscana tra Quattro e Cinquecento. Il capolavoro è  accompagnato  da un ampio apparato didattico ed è  esposta nella Sala Alessi di Palazzo Marino fino al 12 gennaio 2020  ad  ingresso libero.

L’Annunciazione di san Gimignano, è divisa in due tondi, commissionata dai Signori di quella comunità per adornare la loro Udienza, venne dipinta negli anni 1483 -1484 da un artista non menzionato nei Registri delle Deliberazioni e Provvisioni di quegli anni, che documentano le varie fasi della commessa, dalla prima decisione, nel 1482, al pagamento delle cornici nel 1490. Il suo autore è ormai concordemente riconosciuto in Filippino Lippi, artista originale e della spiccata personalità nel panorama dell’arte fiorentina della seconda metà del Quattrocento. Le opere  vennero realizzati nel tardo Quattrocento, e  provengono dalla Pinacoteca di  san Gimignano uno dei Borghi più belli d’Italia. 

L’evento è patrocinato dal MIBACT(Ministero per i Beni Culturali e le Attività Culturali e per il Turismo) promossa dal Comune di Milano e Intesa Sanpaolo ( partner istituzionale ), con il sostegno di Rinascente,   coordinata da Palazzo Reale e realizzata insieme alla Pinacoteca Civica di San Gimignano, con il supporto del Comune di san Gimignano, in collaborazione con le Gallerie d’Italia di Piazza della Scala di Milano, l’organizzazione è affidata a Civita.  La mostra  è accompagnata da un catalogo bilingue italiano-inglese, edito da Silvana Editoriale, con i saluti istituzionali, i  saggi di Alessandro Cecchi  e Giovanni Morale.

Il soggetto dell’Annunciazione era molto importante per la città di San Gimignano, come per Firenze, in quanto le celebrazioni della Santissima Annunziata che cadevano il 25 marzo,  rappresentavano il primo giorno dell’anno secondo il calendario fiorentino.

Il tondo con l’Angelo Annunziante presenta l’Angelo inginocchiato su un pavimento in prospettiva centrale, mentre il tondo con l’Annunziata appare più arioso e luminoso grazie alla luce riflessa in diagonale.

Una visita da regalarsi, per queste festività natalizie, e  rimanere inebriati da tanta bellezza, per ritrovare  un po’ di  pace, avere un’iniezione di fiducia e  tanta speranza. Tutti ne abbiamo bisogno.

Descrizione foto

Foto copertina catalogo

Foto: 1 Filippino Lippi:”L’Angelo Annunziante”

Foto: 2 Filippino Lippi” L’Annunziata”

Milano Palazzo Marino “Filippino Lippi L’Annunciazione” Ingresso libero fino al 12 gennaio 2020. Orari di apertura:9,30-20.00. L’apertura prolungata è prevista ill giovedì fino alle 22.30. Chiusure anticipate Vigilia di Natale (24 dicembre) e San Silvestro (31 dicembre), nelle festività di Natale e santo Stefano (25 e 26 dicembre 2019)  e il 1 e 6 gennaio 2020 l’orario è 9,30-20.0.0

 

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 21/12/2019