Gli appuntamenti di «Montagna per Tutti» nelle Valli di Lanzo

La rassegna, col patrocinio della Città Metropolitana di Torino, propone un’importante novità, la kermesse teatrale «I Savoia e la Montagna»

Fonte: Ufficio Stampa Città metropolitana di Torino.

 

Prosegue sino al mese di marzo la rassegna “Montagna per Tutti”, che, con il patrocinio della Città Metropolitana di Torino, nell’inverno 2019-2020 propone un’importante novità, la kermesse teatrale “I Savoia e la Montagna” grazie al sostegno del GAL Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone, partner del progetto “ExplorLab” - PITER GRAIES, finanziato dal programma di cooperazione Interreg V-A Francia-Italia ALCOTRA 2014-2020.

Gli spettacoli, coordinati dal Consorzio Operatori Turistici Valli di Lanzo, sono realizzati a cura del gruppo “Il Babi - disOrdine Teatro” e prevedono esibizioni e incursioni sempre nuove e dinamiche, al fine di regalare al pubblico un’esperienza coinvolgente. Il filo rosso della rassegna è lo speciale rapporto che ha legato per secoli i Savoia alla montagna, tra svago e potere, con la possibilità di scoprire in modo alternativo e divertente vicende e personaggi che hanno fatto la storia del Piemonte sabaudo, tra cultura, aneddoti e folklore.

Domenica 19 gennaio a Mezzenile la ciaspolata diurna dalla frazione Monti al Colle della Dieta consente di ammirare un paesaggio mozzafiato. Il ritrovo dei partecipanti è fissato alle 9 nell’area pic-nic della frazione, mentre il rientro al punto di partenza è previsto intorno alle 12,30-13.

Lo spettacolo teatrale “Voglio essere Re!” propone un momento di animazione rivolto soprattutto alle famiglie, rievocando la figura del giovanissimo Vittorio Amedeo II, ritrovatosi duca di Savoia all’età di 9 anni, in compagnia di una madre molto forte e volitiva, che alla fine cercherà di spodestare: un’avvincente guerra di potere, vista con gli occhi di un bambino.

Il quinto appuntamento di Montagna per Tutti” è la “Winter Night”, una ciaspolata notturna in compagnia dei Siberian Husky, sabato 25 gennaio a Lemie.

A partire dalle 14 verranno organizzate visite guidate al borgo storico e all’angolo lappone, discese sulla neve con i ciambelloni e corse sulle slitte in compagnia dei Siberian Husky. La partenza della ciaspolata sotto le stelle sarà alle 17,45 dall’area sportiva. Il percorso ad anello, segnalato dalle fiaccole, sarà di circa 5 km, con una tappa di ristoro, per scaldarsi con tè caldo e vin brulè.

Lo spettacolo teatrale di Lemie è intitolato “Il Signore del buio e della luce”, per scoprire cosa si nasconde nelle tenebre: streghe, masche, demoni o solo ombre? Gli attori accompagneranno gli escursionisti alla scoperta dell’oscurità, sotto la guida del Visconte di Baratonia. Per ricordare che le “Lemiae”, le streghe, segnano sempre il confine, il “limina” tra questo e l’altro mondo, come il nome del borgo vuole suggerire. Al termine del percorso sono in programma l’accensione del Gran Falò e il tradizionale lancio delle lanterne luminose.

La ciaspolata diurna di domenica 26 gennaio con ritrovo alle 9,15 nell’area sportiva di Lemie si svilupperà invece lungo l’anello della Valle Orsiera, uno splendido itinerario di circa due ore, ai piedi del Monte Civrari. L’attività è consigliata a persone con discreto allenamento. Alla fine della camminata ci si potrà rifocillare con un pranzo tipico in un ristorante. Nel pomeriggio sono previste visite guidate al borgo storico e all’angolo lappone, discese sulla neve con i ciambelloni e corse sulle slitte in compagnia dei Siberian Husky. Alle 17 nel salone polivalente di Lemie si terrà l’estrazione dei premi sorteggiati tra i partecipanti alle ciaspolate del 25 e 26 gennaio.

Il sesto appuntamento di “Montagna per Tutti” sarà la ciaspolata nella Conca dei Tornetti alla scoperta dei margari, sabato 1° febbraio a Viù, per scoprire un anfiteatro panoramico ricco di piccole borgate dislocate sotto la Rocca Moross. L’appuntamento per i partecipanti è alle 8,30 di fronte alla cappella di San Bartolomeo al Pian degli Asciutti. Si prenderà progressivamente quota lungo la stradina da cui si apre la vista sul Roc Sapai, che, con la sua parete rocciosa, precipita sui prati sottostanti. Si continuerà a salire fino all'Alpe Foiere, dove si scoprirà l’antico mestiere del margaro, portato avanti da giovani che illustreranno come si svolge una tipica giornata in alpe, con degustazione finale di prodotti di montagna. Il rientro a Viù è previsto per le 13.

Lo spettacolo teatrale “Non c’è formaggio che tenga!” rievocherà una delle più accese dispute sui due versanti del territorio sabaudo: meglio il formaggio piemontese o quello francese? Quando Cristina di Francia si insediò a Torino, portò con sé diverse casse di formaggi francesi. Ma una volta finite le forme transalpine e con la guerra alle porte, furono i pastori piemontesi a produrre per la Madama Reale quelli migliori. Narratori della storia, adatta anche ai bimbi, saranno proprio due margari di Viù, alle prese con i capricci di Cristina.

Sempre sabato 1° febbraio è in programma una ciaspolata notturna al Colle del Lys, con il ritrovo dei partecipanti alle 14 sotto l’ala del mercato nel piazzale del colle.

La ciaspolata diurna di domenica 2 febbraio dal rifugio Colle del Lys alla Cappella di San Vito prevede invece il ritrovo dei partecipanti alle 9 sotto l’ala del mercato. Dopo due ore e mezza di cammino con la ciaspole, si potrà pranzare nei ristoranti convenzionati. Per tutta la giornata i bambini potranno effettuare brevi escursioni sulle slitte in compagnia dei cani Syberian Husky.

Lo spettacolo teatrale “Il colore della neve” rievoca la spedizione verso il Polo Nord organizzata dal Duca d’Aosta Luigi Amedeo nel 1899. Adulti e bambini potranno chiudere gli occhi e lasciarsi trasportare in una delle più grandi avventure dell’uomo.

 

Foto di repertorio di «Montagna per Tutti».

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 18/01/2020