E xe* domani collassa la rete?

Non c’è da preoccuparsi, siamo connessi da sempre!

Un articolo come questo avrei proprio potuto evitarvelo!

Infatti c’è poco da scherzare; e poi titolo e sottotitolo contenevano già tutto!

 

Quindi la decenza mi avrebbe imposto di non andare oltre!

 

Ma no: c’è un qualcosa tra la domanda e la risposta che mi costringe a scrivere ciò che segue.

 

Che è questa considerazione:

 

tutti insieme abbiamo costruito e fatto funzionare una società complessa e molto organizzata; poi abbiamo messo in piedi strutture di ogni tipo per rendere la vita più confortevole; poi abbiamo realizzato ospedali dotati di reparti di ricerca, attrezzature all’avanguardia e personale altamente qualificato, per proteggere la nostra salute; come mai basta la mancanza di mascherine a altri dispositivi di protezione per sconvolgere tutto?

 

Non vorrei sembrare troppo riduttivo, perché le informazioni giornaliere e capillari dei mass media mettono in evidenza che ci sono altre carenze ed errori in mezzo ai tanti aspetti positivi di ciò che è troppo facile criticare.

 

Tuttavia la succitata considerazione mi serve, per analogia, a farmene un’altra.

 

Eccola:

 

tutti insieme abbiamo contribuito ad ampliare la rete di connessioni tra tutto e tutti che sta alla base del funzionamento di ogni cosa e dalla quale, quindi, ormai tutto dipende. E se, come alcuni segnali tecnici fanno temere, un ultimo click la facesse collassare, cosa succederebbe?

 

Ed ecco la supponente risposta del sottotitolo:

 

Non c’è da preoccuparsi, siamo “connessi” da sempre!

 

Come faccio a saperlo?

 

Ho osservato le scimmie ed ho scoperto che sono, da sempre, più “connesse” di noi!

 

(* .exe = comando esecutivo di un programma)

grafica e testo

pietro cartella

 

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 29/03/2020