Casalborgone (To): celato allo sguardo distratto.

Una osservazione stravagante rivela lo spirito del luogo.

Quanti di noi ricordano queste parole di una famosa canzone:

“paese mio che stai sulla collina,

disteso come un vecchio addormentato” … ?

 

Ogni paese che sta sulla collina ha una sua caratteristica che lo fa assomigliare a qualcosa di conosciuto. Accade spesso anche mentre si osservano le nuvole di trovare una somiglianza della loro forma con una cosa o un animale. Così accade anche per Casalborgone, per il quale, dopo una più approfondita osservazione del contesto specifico, le citate parole della canzone devono essere modificate come di seguito:

 

 “paese mio che stai sulla collina,

disteso come un cane accovacciato” …

 

Infatti il disegno dei suoi limiti territoriali suggerisce la forma di un cane con la coda mozzata, accovacciato e con la testa eretta come se avesse sentito un rumore, allerta e pronto a difendere ciò che ha a cuore.

 

Specialmente un amico.

 

E, come tutti sanno, il cane è il miglior amico dell’uomo!

 

disegno e testo

pietro cartella

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 01/05/2020