Sulle montagne disincantate
foto © G.Maccioni/PHOS

Da Phos, a Torino, nelle splendide immagini di Giada Maccioni, accompagnate dagli ermetici testi poetici di Maria Elena Tripaldi, stupore e dolore del paesaggio d'altura, meraviglioso e violato

Sulle montagne incantatedisincantate, nel leopardiano suon di lei, riecheggiano insieme il sospiro di stupore e il silente grido di dolore del paesaggio d’altura, panoramica meravigliosa, eppure troppo spesso violata dalluomo, “sempre più abusata, sempre più donna sola, come scrive Maria Elena Tripaldi nei suoi ermetici testi poetici che accompagnano ed integrano la splendida serie fotografica di Giada Maccioni, in mostra sino al 18 settembre al Centro Phos di Torino, riaperto dopo l'obbligato lockdown epidemico. Il forte appello eco-iconico dellautrice – già esplicitato a chiare lettere, anzi scatti, tramite i precedenti progetti Nature (2014) [link]Africa (Port Elizabeth) [link]Tijuana [link]Variazioni (Plitvice Lakes National Park, 2015) [link] – s’esprime nell'urgente bisogno di risanamento (evocando Thomas Mann) e rinsavimento, riconsiderazione, recupero e ritorno a quella “placenta della Madre Terra, veste reale d’ogni concepimento cui tutti gli esseri animati (da noi umani alle rocce) devono la vita, la pelle (e... pellicola) sulla fragile crosta planetaria offesa e deturpata, martoriata e ferita, un’abissale voragine spalancata dalla quale potremmo presto essere inghiottiti, se non la piantiamo di devastarla...

 

 

Arduo affiancare la parola allimmagine: la seconda, con la sua immediata evidenza luminosa, rischia di mettere in ombra la prima, così virtuale e mentale, benché ideata ispirandosi ad essa. In questa suggestiva esposizione, per approfondirne “il significato oltre il senso, bisogna riuscire a coniugare i due aspetti armoniosamente associati (stampe di prossima pubblicazione in pregiata edizione artistica, a tiratura limitata), quantunque fruibili anche separatamente. Senza naufragare in quella dolce amarezza.

 

(c.s./e.s.l.)

 

 

 

"Il Suon di Lei"

Mostra fotografica personale

di Giada Maccioni

con testi poetici di Maria Elena Tripaldi

(libro d'arte PHOS Edizioni)

 

Fino al 18 settembre 2020

 

 

foto © aut./PHOS© PHOS  © PHOS

PHOS

Centro Fotografia Torino

Centro Polifunzionale per la Fotografia

e le Arti Visive

diretto da Enzo Obiso

Via Vico, 1 – Torino

 

Orario: dal martedì al venerdì

dalle 15,00 alle 19,30

 

Info: 011-7604867 

phos@phosfotografia.com

www.phosfotografia.com

www.phosfotografia.com/sede

www.phosfotografia.com/il-suon-di-lei

 

www.giadamaggioni.net

www.giadamaggioni.net/mountains

 

 

Le immagini a corredo dell'articolo

sono tratte dalla serie fotografica "Il Suon di Lei" di Giada Maccioni

© G. Maccioni / PHOS

 

sopra, a destra, scorcio dell'atrio della sede del Centro Phos

in via Vico a Torino

 

© aut. / PHOS - Centro Fotografia Torino - Centro Polifunzionale per la Fotografia e le Arti Visive

 

 

 
link al precedente articolo
Ordire parole di pietra intessute con fili di luce
relativo alla mostra collettiva Orditure
presso il Centro PHOS di Torino : 
 
link all'articolo Riflessioni in un'ottica d'argento
relativo alla mostra antologica personale di Mario Cresci
presso il Centro PHOS di Torino : 
 
link all'articolo Un'invisibile evidenza
relativo alla mostra retrospettiva su Luigi Ghirri
presso il Centro PHOS di Torino : 
 
 
 
 
© 2020 CIVICO20NEWS - riproduzione riservata

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 24/07/2020