Strada Provinciale 32 al Lago di Malciaussia (Torino)
Da sin.: Linarello, Marocco, Grosso, Varalli

Cittą Metropolitana e Comune di Usseglio studiano soluzioni per evitarne l'intasamento

Fonte: Ufficio Stampa Città metropolitana di Torino.

 

Città Metropolitana di Torino e Comune di Usseglio hanno avviato il confronto che dovrebbe portare alla stipula di un protocollo d'intesa tra le due amministrazioni per ovviare all’intasamento che si verifica nei giorni festivi sulla Strada Provinciale 32 della Valle di Viù nel tratto che dalla frazione Margone porta al Lago di Malciaussia.

Il Vicesindaco metropolitano Marco Marocco, il comandante della Polizia locale metropolitana Massimo Linarello, il Sindaco Pier Mario Grosso e il Vicesindaco Alberto Varalli, si sono incontrati in settimana e gli amministratori ussegliesi hanno comunicato ufficialmente di aver pubblicato un bando per raccogliere manifestazioni di interesse da parte di soggetti a cui affidare in gestione nel mese di agosto l'area intorno allo specchio d'acqua. Tale area comprende un parcheggio con 180 posti auto, che recentemente si è rivelato insufficiente ad ospitare tutti i veicoli che salgono a Malciaussia, tanto che numerose vetture vengono parcheggiate lungo la Provinciale 32.

Fino a martedì 28 luglio imprese private, organizzazioni di volontariato e cooperative sociali potranno presentare la loro candidatura al Comune di Usseglio. Il soggetto che da sabato 1 agosto avrà in gestione l’area potrà riscuotere la tariffa di 5 Euro per il parcheggio delle auto e 3 Euro per quello delle moto, i cui proventi andranno per l’80% al gestore e per il 20% al Comune.

Una volta esauriti i posti auto e moto disponibili a Malciaussia, gli utenti che intendono salire al lago saranno avvisati che non è più possibile parcheggiare.

Comune e Città Metropolitana proseguiranno il confronto per addivenire ad un accordo di programma che consenta, in caso di esaurimento dei posti auto al Lago di Malciaussia, di prevedere l’accesso in quota con bus navetta di dimensioni adatte ad una strada che è comunque stretta e deve essere percorsa con cautela. L’amministrazione comunale ha inoltre avviato da tempo un’interlocuzione con la Regione Piemonte, per una riqualificazione dell’intera area del lago.

L’obiettivo del Comune è di allontanare l’area di sosta dallo specchio d’acqua, per ubicarla in un terreno idoneo ad ospitare 130 auto. Quando i mezzi motorizzati potranno sostare nel nuovo parcheggio sterrato, che sarà ubicato prima del lago, il soggetto che gestirà l’area dovrà organizzare il trasporto con bus navetta dei turisti che non potranno salire con mezzi propri.

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 26/07/2020