La Juve in corsa per Suarez

La nuova squadra di Andrea Pirlo prende forma

Mancano due settimane all'inizio del nuovo Campionato di Serie A e benché ci sian ancora più di un mese per poter chiudere il calciomercato, la Juventus ha fretta di capire chi sarà il prossimo centravanti che dovrà affiancare Cristiano Ronaldo per la stagione che sta per iniziare.

Inizialmente, il nome più accreditato era quello di Dzeko, possente centravanti della Roma, sulle cui orme si era già messa la società bianconera parecchi anni fa, un giocatore di 34 anni che però sia per gli spazi che potrebbe creare a Ronaldo sia per la media gol realizzativa, farebbe sicuramente comodo a questa Juventus.

Negli ultimi giorni, però, la Vecchia Signora sembra aver percorso anche un'altra strada, quella che conduce a Luis Suarez, centravanti veloce e tecnico che per anni ha affiancato in attacco Leo Messi nel Barcellona, e che ora, a 33 anni, potrebbe approdare alla Juventus, dando origine, con Dybala e Ronaldo, a un reparto offensivo molto tecnico e veloce, cosa che sarebbe perfetto dopo un anno a passi lenti con Sarri in panchina.

Suarez arriverebbe a parametro zero, dunque gli si dovrebbe pagare un lauto stipendio ma senza sborsare ulteriori soldi per il cartellino; ciò nonostante resta un problema lagato al fatto che non ha un passaporto europeo, cosa per la quale a Torino ci si sta dando da fare per trovare la giusta quadratura del cerchio.

Con l'arrivo di Suarez o Dzeko in attacco, i campioni d'Italia sarebbero praticamente a posto, visto che negli altri reparti l'età media e la qualità sarebbero garantite con giocatori quali Rabiot, Bentancur, De Ligt, Demiral e i neo-arrivati Artur e Kulusevski.

Pirlo, visti i suoi trascorsi di grande playmaker, avrebbe anche chiesto alla Società un centrocampista con buona visione e costruzione di gioco, uno come Tonali o Locatelli, ma per questo c'è ancora tempo, visto che ora l'operazione più urgente è quella di rimpiazzare Higuain in un fronte offensivo in cui quasi sicuramente anche Douglas Costa e Bernardeschi vengono dati per partenti.

Nel frattempo ci sono ancora da sciogliere i dubbi sulla nuova stagione del campionato di calcio, dato che al momento si continuano a prevedere partite a porte chiuse. Forse si sarebbe potuto pensare a far entrare solo un 10-20% di spettatori, mantenendoli distanziati e con mascherina, ma allo stato attuale non si sa ancora nulla e almeno per le prime giornate dovremo accontentarci di guardare gli incontri in TV, sempre nella speranza che il virus non ritorni in maniera più prepotente, cosa che visti i dati recenti non fa ben sperare.

 

 

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 05/09/2020