Valenza (AL) - Maurizio Oddone in corsa per la carica di Primo Cittadino

Il rilancio della citta sta negli artigiani e nei piccoli imprenditori

Dal nostro corrispondente Massimo Iaretti

 

Il distretto orafo è da sempre il cuore pulsante di Valenza, centro della Provincia di Alessandria, a pochi chilometri dal capoluogo provinciale, confinante con la piana della Lomellina e le prime propaggini delle colline del Monferrato.

Nel corso degli anni la città ha dovuto affrontare una crisi economica che nel settore dell’oreficeria e delle gioielleria si è fatta sentire più che altrove, acuita anche dall’attuale emergenza sanitaria.

 

E conosce anche una contraddizione in termini perché se a Valenza si è sviluppata un’area dove hanno trovato e troveranno collocazione grandi brand come Bulgari e Damiani (e si parla anche di Cartier) quello che negli anni Ottanta era nato come zona CO.IN.OR, a lato della circonvallazione, necessita oggi di un intervento di riqualificazione.
 

E proprio questo bisogno è al centro di un recente intervento di Maurizio Oddone, esponente storico della Lega cittadina ed attuale candidato sindaco della coalizione di centrodestra.

 

Da cosa deriva questa suo proposta ?

 

“Non bisogna dimenticare che la base di quell’Orgoglio Valenzano che è il carburante per il rilancio della citta, sta in quegli artigiani e piccoli imprenditori che trovano la loro loro collocazione nell’area CO.IN.OR. un sito sicuramente da migliorare nel suo insieme. Per questo abbiamo una proposta concreta ed immediata per la sua riqualificazione”.

 

In quali tipologie di interventi di articola la sua proposta?

 

In realtà si tratta di una serie di proposte che si snodano lungo Le proposte si articolano in tre settori di intervento. Il primo è quello della SORVEGLIANZA con la valutazione della possibilità di stipulare una convenzione con istituti di vigilanza che tuteli non soltanto il CO.IN.OR. ma anche le tutte le zone sensibili di Valenza.

La seconda è incentrata sulla SICUREZZA, con l’installazione di un sistema di telecamere intelligenti per tutelare e sorvegliare gli ingressi, unita al potenziamento dell’impianto di illuminazione a LED.

Infine, c’è DECORO prevedendo la manutenzione costante e puntuale delle aree verdi, la piantumazione, il rifacimento dei marciapiedi e la manutenzione degli asfalti, sia con gli interventi dell’apposita Squadra che verrà istituita e dipenderà direttamente dal Sindaco, sia con l’inserimento delle opere da eseguirsi nei cronoprogrammi dell’Amministrazione, dando ad essi tempi di esecuzione certi. Inoltre viene prevista l’abolizione delle zone di parcheggio blu e l’installazione di colonnine di autoricarica elettriche”.

 

 

Massimo Iaretti

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 06/09/2020