«Il nostro debito verso Stalingrado (un debito insoluto)», a Ciriè (Torino)

Aperitivo storico-letterario sulla Guerra di Russia con Gian Carlo Abbaneo, autore del saggio storico

Gian Carlo Abbaneo, autore del saggio storico “Il nostro debito verso Stalingrado (un debito insoluto)” incontrerà i lettori al circolo La Soce di Ciriè (TO) giovedì 1° ottobre dalle ore 18. Modera Angela Pastore con letture di Alberto Morella.

Chi ha dato il contributo maggiore per sconfiggere il sogno di conquista di Hitler? Non gli anglo-americani, come spesso studiamo a scuola. Su questo e altri temi verterà l’incontro con Gian Carlo Abbaneo (Torino, 1948), autore del saggio storico “Il nostro debito verso Stalingrado (un debito insoluto)”, 670 pagine, ed. Albatros, 2019.

L’appuntamento storico-letterario si svolgerà negli spazi all’aperto del circolo Arci La Soce (Via Matteotti 16, Ciriè (TO) giovedì 1° ottobre 2020 alle 18. L’intervista all’autore sarà a cura di Angela Pastore mentre Alberto Morella darà voce ad alcune testimonianze tratte dal libro. Un’occasione per un aperitivo in compagnia e per riflettere sulla storia recente europea attraverso un lavoro di ricerca teso a dimostrare il “credito” acquistato dall'URSS con l'eroica difesa di Stalingrado nonché ad evidenziare il successo dell’operazione mediatica a opera degli Stati Uniti nella narrazione del secondo dopoguerra.

Con questo lavoro, Abbaneo è arrivato primo nella sezione saggistica del Premio Caffè delle Arti di Adro 2020 e finalista al Premio Mario Pannunzio di Torino 2019. Nello scacco dell'autore, non sono i pur numerosi crimini di regime, come le repressioni di Budapest e Praga, ma lo stereotipo occidentale secondo cui ancora oggi la Russia continua ad essere un sorvegliato speciale, sia per il possesso di arsenali nucleari sia per le tendenze a ritagliarsi le proprie aree di influenza con interventi considerati aggressivi nelle aree più fragili del pianeta.

«L'attuale clima di rinnovata ostilità non è certo favorevole e politicamente ideale per tributare riconoscimenti morali alla Russia - spiega Abbaneo - La vittoria nella guerra del 1941-45 appare ormai troppo lontana. Da allora la storia è andata per la sua strada e troppo lungo è stato il cammino divergente degli ex alleati che sono, nel frattempo, radicalmente cambiati, come è cambiata la natura dei problemi che si trovano ad affrontare in questo presente ancora conflittuale. Tuttavia, onorare questo debito servirebbe a fare un po' più giusta la nostra storia».

Il libro ripercorre i momenti cruciali e i fattori umani e materiali che hanno determinato l'esito della Seconda Guerra Mondiale. I primi tre capitoli sono dedicati alla storia del Novecento secondo l'interpretazione storiografica dello scrittore britannico Eric J. Hobsbawm (“Age of Extremes”, 1994, Pantheon Books-Random House; in Italia: “Il secolo breve”, 1995, Rizzoli), che vede una nuova Guerra Fredda nelle tensioni che oggi oppongono la Russia post-sovietica alle democrazie occidentali.  I capitoli centrali presentano invece una cronistoria degli eventi e delle conseguenze sul breve e lungo periodo. I capitoli finali prendono poi in esame i fattori che hanno influito sull'evoluzione del conflitto, includendo un interessante approfondimento sulla Campagna italiana in Russia e due appendici antologiche con le trascrizioni di testimoni e autori russi.

“Il nostro debito verso Stalingrado (un debito insoluto)” è disponibile in versione cartacea ed e-book su ibs.it e amazon.it.

Aperitivo storico-letterario sulla Guerra di Russia - Presentazione di “Il nostro debito verso Stalingrado (un debito insoluto)”

con Gian Carlo Abbaneo - Talk con l’autore a cura di Angela Pastore - Letture a cura di Alberto Morella

Giovedì 1° ottobre 2020 - Ore 18-19,30

Cortile del circolo Arci La Soce - Via Matteotti 16, Ciriè (TO)

Ingresso gratuito con tessera Arci

Possibilità di aperitivo

Per informazioni: info@angelapastore.com

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 29/09/2020