Organalia 2020 si conclude a Fiano e a Ciriè (Torino)
Da sin.: Massimo Gabba - Duo Riverberi

Con il Duo Riverberi e con Massimo Gabba

Il circuito musicale Organalia 2020, promosso e sostenuto dalla Città Metropolitana di Torino, giunge questa settimana alla conclusione, con gli ultimi due concerti della stagione, a Fiano e a Cirié.

A Fiano (Torino) l’appuntamento è per venerdì 23 ottobre alle 21 nella chiesa parrocchiale di San Desiderio, con la partecipazione del Duo Riverberi, formato da Stefano Pellini all’organo e da Pietro Tagliaferri al saxofono soprano.

L’organo della chiesa di San Desiderio venne costruito da Giovanni Battista e Francesco Maria Concone, fornitori della Real Casa, nel 1766.

Il progetto “Riverberi” è nato nel 2003 dalla collaborazione tra Pietro Tagliaferri e il compositore Massimo Berzolla, con l’idea accostare il saxofono soprano all’organo, creando un repertorio unico e affascinante. Nel 2009 la formazione si è rinnovata, con l’organista Stefano Pellini e con l’apporto della sua esperienza e cultura. L’attività del Duo si è sviluppata in circa duecento concerti negli Stati Uniti, in Messico, Polonia, Austria, Germania, Spagna e nelle più prestigiose rassegne organistiche italiane. Il programma del concerto di venerdì 23 ottobre è interamente dedicato alla figura di Georg Friedrich Händel e si aprirà con la seconda Suite tratta da Water Music nell’adattamento per organo realizzato da Francesco Geminiani nel 1743. Quindi, l’aria dall’opera Rinaldo, “Lascia ch’io pianga”, preludio al Concerto numero 5 per organo e orchestra, tratto dall’opera 4. Le composizioni händeliane saranno eseguite in duo. Un interludio solamente organistico proporrà la Suite in Re minore nei quattro movimenti Allemanda, Corrente, Sarabanda e Giga. Per concludere il duo Riverberi eseguirà la Suite da Music for the Royal Fireworks, in un’edizione originale per strumento soprano e basso continuo, di Anonimo, del 1749. Stefano Pellini e Pietro Tagliaferri presenteranno a Fiano il loro ultimo Cd, realizzato con il marchio discografico Elegia Classics (www.elegiaclassics.com), interamente dedicato a Georg Frederic Händel.

Il concerto è organizzato in collaborazione con l’Unione Montana di Comuni delle Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone, il Comune e la parrocchia di Fiano. La manutenzione dell’organo è affidata agli organari Fratelli Marzi di Pogno che ne curarono il restauro nel 2013.

Sabato 24 ottobre alle 21 nel Duomo di San Giovanni Battista a Ciriè (Torino) sarà di scena l’organista Massimo Gabba, alla consolle dello strumento costruito da Carlo Vegezzi Bossi nel 1897 e restaurato nel 2017 dalla Orgelbau Thomas Wälti con la collaborazione di Alessandro Rigola che ne cura attualmente la manutenzione.

Massimo Gabba, nato nel 1973, si è diplomato in pianoforte, organo, clavicembalo e composizione al Conservatorio di Alessandria. È specializzato nel repertorio romantico europeo e ha registrato ad oggi 25 Cd. Per l’etichetta Elegia ha partecipato all’incisione dell’opera omnia di Pietro Alessandro Yon, ha registrato due Cd dedicati a Wagner-Lemare e ai concerti di Händel nella versione per organo solo. Nel marzo di quest’anno è stato pubblicato il suo ultimo Cd, inciso proprio sull’organo di Ciriè e dedicato a compositori italiani del periodo ceciliano. È titolare della cattedra di organo e composizione organistica al Conservatorio di Trapani. Il programma del concerto è coerente con le peculiarità dello strumento, nato per l’esecuzione della musica ceciliana, mettendo a confronto i compositori italiani e francesi che hanno aderito a quello stile. È un’occasione speciale per ascoltare musiche di compositori meno noti al grande pubblico, come Angelo Burbatti, Giovanni Battista Polleri, Michele Mondo, Federico Caudana, che hanno rappresentato il mondo musicale della provincia italiana, accanto a Marco Enrico Bossi, Théodore Dubois, Maurice Duruflè e Louis Vierne. In occasione del concerto nel Duomo di Ciriè verrà presentato il Cd “Tra le sollecitudini” (titolo in italiano del motu proprio di San Pio X “Inter sollicitudines”), che propone brani di compositori che aderirono stilisticamente, al Cecilianesimo. Alla realizzazione del Cd ha contribuito il Rotary Club Cirié Valli di Lanzo. Il concerto è organizzato in collaborazione con l’Unione dei Comuni del Ciriacese e Basso Canavese, la Città e la parrocchia di Cirié. La manutenzione dell’organo è affidata all’organaro Alessandro Rigola.

Il concerto, come di consueto, è ad ingresso con libera offerta.

L’accesso sarà possibile a partire dalle 20,30 osservando le norme anti Covid 19 previste per l’ingresso nelle chiese: uso della mascherina, igienizzazione delle mani, rilevamento della temperatura, occupazione del posto opportunamente segnalato.

Per informazioni ulteriori si può scrivere a info@organalia.org

 

Fonte: Ufficio Stampa Città metropolitana di Torino.

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 21/10/2020