Come fině la pandemia di influenza spagnola e quali lezioni traiamo da un secolo fa?

La ricerca di Laura e Maria Lara Martinez Storiche spagnole

Centinaia di persone muoiono tra gennaio e febbraio negli Stati Uniti, dopo aver sofferto di mal di testa, difficoltà respiratorie, tosse e febbre alta. Alcuni mesi dopo, lo stesso quadro clinico viene osservato in pazienti in Francia, Belgio e Germania. A maggio, un assembramento durante una festa religiosa in Spagna causa lo scoppio dell'epidemia di questa misteriosa malattia.

Non siamo nel 2020, ma nel 1918, oltre un secolo fa, quando la prima guerra mondiale è alle sue fasi finali e ci si trova di fronte a una delle più grandi pandemie della storia: la cosiddetta influenza spagnola, che ha causato tra i 50 e i 100 milioni di morti in tutto il mondo.

Sia in termini di sintomi che di risposta, per gli storici è un riferimento, per imparare lezioni dal passato e metterle in pratica nell'attuale pandemia di coronavirus.

La storia si ripete

"Ci sentiamo come se fossimo in una macchina del tempo: tutto ciò che abbiamo studiato si sta avverando", spiegano a Euronews le storiche spagnole Laura e Maria Lara Martinez, che hanno studiato l'influenza del 1918 dal suo centenario.

I parallelismi sono chiari fin dall'inizio. "Si diceva che era un raffreddore poco importante, che non sarebbe peggiorato, eppure è successo come ora nel 2020: i sistemi sanitari molto carenti non erano sufficienti", spiegano le suore, autrici di 'Breviario della storia di Spagna'.

Ci sentiamo come se fossimo in una macchina del tempo: tutto ciò che abbiamo studiato si sta avverando spiegano a Euronews le storiche spagnole Laura e Maria Lara Martinez, che hanno studiato l'influenza del 1918 dal suo centenario.

Anche le misure per contenere la pandemia di un secolo fa suonano familiari: disinfezione e chiusura di spazi pubblici, teatri, scuole e confini. Poiché allora non c'erano telefoni privati, venivano disinfettati i telefoni e persino gli operatori telefonici, dove i cittadini andavano a telefonare, spiegano Laura  e Lara. Gli storici hanno anche scoperto che negli Stati Uniti le multe per chi non indossava una mascherina ammontavano a 100 dollari.

Nel 1918, come oggi, si capì subito che gli assembramenti erano fonte di contagio. "Venne introdotto il confinamento e si fecero progressi nell'applicazione di misure preventive, che avevano già dimostrato storicamente la loro efficacia, imponendo alcuni cordoni sanitari, approfondendo il monitoraggio delle misure igieniche e promuovendo la quarantena, per coloro che erano sospettati di essere contaminati", racconta lo storico Jaume Claret Miranda a Euronews.

"Tuttavia, abbiamo anche dovuto lottare contro le superstizioni e i criteri non scientifici", aggiunge. "A Zamora, ad esempio, il vescovo celebrò alcune messe, che accelerarono la diffusione della pandemia e a Madrid le autorità non osarono invece annullare i festeggiamenti di San Isidoro".

La prima ondata in Spagna arrivò proprio dopo le celebrazioni del patrono della capitale spagnola. "La gente si radunò nel prato e una settimana dopo, verso il 22 maggio, i giornali dissero che tutti si stavano ammalando di influenza", spiegano le storiche Lara e Laura Martinez.

La copertura mediatica di questo incidente finì per battezzare la nuova influenza come "spagnola", nonostante il fatto che un cuoco di un centro di addestramento militare americano in Kansas sia considerato come il paziente zero. Le storiche Martinez ipotizzano che possa essere iniziata ancor prima, in Cina o in Francia, nel 1917.

Tuttavia, la neutralità della Spagna nella prima guerra mondiale fece sì che la copertura da parte della stampa della nuova malattia fu più ampia.

La madre di tutte le pandemie

Senza vaccini e test, gli obiettivi che ci si poneva per "battere" la pandemia del 1918 erano diversi da quelli di oggi. Ma si sperava anche che le temperature estive rallentassero la trasmissione.

Poi arrivò una seconda ondata, più letale della prima. In Spagna fu in settembre e coincideva con la vendemmia, le celebrazioni della Vergine e l'allentamento delle misure restrittive, spiegano le sorelle Lara.

Ci furono altre ondate durante l'inverno successivo, aggiunge Jaume Claret Miranda. "In alcuni luoghi specifici, come alcune zone della Spagna, ci fu una terza ondata addirittura all'inizio degli anni Venti".

"La fine della pandemia dipendeva da ogni Paese: dall'informazione e dalla formazione dei suoi specialisti e dagli interessi della sua classe politica", dice Claret, che sottolinea che, dato che si sovrappose agli ultimi episodi della prima guerra mondiale, si aggiunsero altri fattori come le sconfitte o le vittorie in guerra, la ricostruzione o la carestia.

"Inoltre, le nostre conoscenze sono limitate al "mondo occidentale" e non sappiamo molto di come questa epidemia venne vissuta in molti altre parti del mondo", aggiunge.

Tutti gli accademici, però, concordano sul fatto che la fine globale della pandemia arrivò nel 1920, quando la società sviluppò un'immunità collettiva all'influenza spagnola, anche se il virus non è mai scomparso del tutto.

"Tracce dello stesso virus sono state trovate in altri focolai", dice Benito Almirante, responsabile delle malattie infettive dell'ospedale Vall d'Hebron di Barcellona. "L'influenza spagnola ha continuato ad apparire, mutando e acquisendo materiale genetico da altri virus".

Ad esempio, il virus della pandemia influenzale del 2009-2010 (causata dal sottotipo H1N1) aveva elementi genetici di virus precedenti, quindi ad esempio gli anziani erano meglio protetti dei giovani, segnala il medico.

Questo è stato anche il caso dell'influenza spagnola. Laura Lara spiega che gli ultra trentenni avevano più possibilità di sopravvivere e si ipotizza che la ragione sia da ricercarsi nella cosiddetta influenza russa (1889-1890).

Quando finisce una pandemia?

Una pandemia finisce quando non c'è una trasmissione incontrollata della comunità e i casi sono ad un livello molto basso, spiega il dottor Benito Almirante. "In Europa si sta arrivando a questo punto con il coronavirus, perché i casi sono facilmente identificabili e rintracciabili. Se si continuerà con questa tendenza nelle prossime settimane, la pandemia potrà essere messa sotto controllo".

"Quando la gente chiede: 'Quando finirà questo?', si interroga sulla cosiddetta fine sociale", ha detto il dottor Jeremy Greene, storico della medicina dell'Università Johns Hopkins al New York Times. In poche parole, anche se la comunità scientifica internazionale non dovesse annunciare ufficialmente la fine della pandemia, le persone sarebbero talmente stanche e bisognose di riprendere la propria quotidianità, che ciò porterebbe automaticamente a non provare più né rischio né paura, vivendo come se la pandemia fosse terminata (nonostante il virus continui a circolare).

Nella pandemia di influenza spagnola, la paura sociale variava a seconda del grado di informazione disponibile e di come i Paesi erano stati colpiti dalla guerra, spiega lo storico Claret.

"In Inghilterra - cita come esempio - quando credevano che con la fine della guerra gli ospedali da campo potessero essere smantellati, molti dovettero prolungare il loro funzionamento, per accogliere le persone colpite dall'epidemia". Ma alla fine, "come spesso accade, quando gli effetti si attenuarono, la gente smise di preoccuparsi".

Ma alla fine, "come spesso accade, quando gli effetti si attenuarono, la gente smise di preoccuparsi".

Euforia post-pandemica

Fa parte della natura umana, spiegano e la paragonano alle "danze della morte", durante la peste nera del XIV secolo. "Vivi con la morte, perché la morte può apparire in qualsiasi momento".

Ma anche in questa fase di ottimismo post influenza, i regimi totalitari cominciarono a emergere nel terreno fertile del controllo delle frontiere, dell'individualismo e del desiderio di autarchia.

"La memoria delle persone è breve", dice Jaume Claret Miranda. "Tuttavia, ha lasciato una certa eredità a livello scientifico e tra gli specialisti, confermando e ampliando la conoscenza di come tali epidemie dovrebbero essere trattate. Nel caso delle persone comuni, che hanno subito direttamente perdite o malattie, hanno ovviamente conservato il ricordo, ma non c'è stata nessuna rivelazione, nessuna trasformazione globale".

Claret cita alcuni dei cambiamenti che l'influenza spagnola introdusse a livello di igiene personale e sociale, come una prima attenzione primaria, una certa preoccupazione per un urbanesimo più umano, che evitasse gli agglomerati e la volontà di realizzare opere igienico-sanitarie nelle grandi città.

Come la principale lezione del passato, lo storico sottolinea: "Ogni misura prima della pandemia è descritta come esagerata e, invece, è successivamente considerata insufficiente".

Fonte: Euronews

 

 

 

 

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 29/10/2020