Cosa significa “ESOTERICO”

A cura di Emiliano Bonifetto

Molte parole nascono in un posto ma poi, cammina cammina, si ritrovano in un altro e quasi nessuno ricorda più da dove erano partite. È quello che è accaduto a “esoterico”.

Se digitate su Google questo temine, vedrete comparire una serie di significati che vanno dal “destinato a una stretta cerchia di iniziati, per estensione misterioso, oscuro” al “detto dell’insegnamento riservato dagli antichi filosofi greci ai soli discepoli” al “proprio di una dottrina occulta, misteriosofico”, fino al “incomprensibile (o quasi) ai più”.

Solo se cercate più a fondo la sua etimologia approderete al significato originale (derivato dal greco antico), che è semplicemente “interiore”.

Con il passare del tempo, nell’immaginario collettivo questo aggettivo ha dunque assunto un’accezione oscura, carica di mistero, ed è stato sovente attribuito a sette e congreghe dai dubbi fini o a insegnamenti e dottrine quasi del tutto inaccessibili.

È vero che gli antichi filosofi greci parlavano ai loro discepoli di un insegnamento che atteneva alla parte più interiore dell’essere, poiché essi erano per lo più allievi del “conosci te stesso e conoscerai l’universo intero e le sue leggi”. Ed è altrettanto vero che l’insegnamento destinato agli iniziati non veniva divulgato – così com’era – a tutti.

Cammina cammina, quello che non viene divulgato a tutti diviene facilmente “occulto” e come tale potenzialmente pericoloso, poiché sembra che sia stato nascosto ad arte, anche se in realtà è solo “non divulgato” (e non è la stessa cosa di “nascosto”).

Vari movimenti occulti hanno poi utilizzato certi insegnamenti cosiddetti esoterici per acquisire un potere sugli altri esseri umani, avallando così l’interpretazione più negativa di questo termine.

Tuttavia …esoterico vuol dire semplicemente interiore. 

C’è un “aspetto interiore” nella nostra realtà quotidiana?

Io credo di sì, e penso che dovremmo parlarne maggiormente, prendendo argomenti del nostro vivere comune e ricercando quegli aspetti che, pur essendo sotto i nostri occhi, non sono evidenti a un primo sguardo.

Poiché ogni elemento della nostra vita, se osservato a fondo con un po’ di intuizione e la mente libera da credenze e pregiudizi, ci può mostrare aspetti di grande profondità. E di profondità in profondità, possiamo andare alla ricerca della parte più autentica di noi stessi.

E così – en passant – arrivare a conoscere “l’universo e le sue leggi”.

 

(per chi volesse approfondire: www.esotericoquotidiano.it 

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 05/11/2020