Covid -19 - Continua il coprifuoco dalle 22 e lo stop all’asporto dal bar dalle 18

Oggi il confronto con le Regioni sul nuovo DPCM, in vigore dal 18 gennaio

La spada di Renzi aleggia sempre sul capo di Conte, ma la serata di eri ha visto l’incontro dei capi delegazione della maggioranza  per formulare le ipotesi delle nuove misure di segregazione, che nella giornata di oggi saranno illustrate e sottoposte ai presidenti di Regione.

Da quanto è trapelato da Palazzo Chigi, Resta il coprifuoco alle 22, ma verrà introdotta la zona bianca (ad oggi molto teorica) in cui l'unica restrizione consisterà nel portare la mascherina e mantenere le distanze.

Inoltre sarà vietato l'asporto di cibi e bevande dai bar dopo le 18 per evitare gli aperitivi improvvisati in strada. Stop anche agli spostamenti tra regioni gialle (servirà un decreto ad hoc per confermare questo divieto alla mobilità) ed entrata automatica in fascia rossa in base all'incidenza, ovvero se si superano i 250 casi settimanali ogni 100mila abitanti.

Sono queste, in sintesi le prime indiscrezioni che escono fuori dal vertice, appena concluso a Palazzo Chigi, del governo con i capidelegazione di maggioranza sul nuovo Dpcm in vigore dal 16 gennaio. E intanto, in vista della riunione dell'esecutivo con le Regioni di stamane alle 10.30, già ci sono le prime avvisaglie di polemica da parte dei governatori.

Come quello dell'Emilia Romagna, Stefano Bonaccini, che contesta proprio l'introduzione dell'incidenza settimanale tra i parametri che determinano il colore delle zone.  "Quel limite non l'ha chiesto nessuna Regione - chiarisce Bonaccini che è anche presidente della Conferenza delle Regioni-  e, se volete la mia impressione, non entrerà fra quelli utilizzati per decidere la colorazione o lo spostamento delle Regioni". Poi aggiunge: "Domattina ci confronteremo con il governo - ha detto - e come sempre cercheremo di fare il meglio possibile".

Il governo intanto sta valutando la proroga, al 30 aprile, dello stato di emergenza in scadenza a fine gennaio, anche se sulla nuova data si sta ancora ragionando.

Prosegue dunque la lotta contro il tempo per abbattere i contagi: il 16 gennaio partirà il nuovo Dpcm, che verrà illustrato alle Camere dal ministro della Salute Roberto Speranza il 13 gennaio. Proprio il ministro oggi ha ricordato a Rai3 che "ci sono ancora numerose settimane difficili, in cui abbiamo bisogno del massimo rigore".

Il principio ispiratore delle nuove misure sarà quello di andare verso una zona gialla rinforzata. Sembra esclusa l'ipotesi di week end sempre arancioni. Non dovrebbe cambiare la norma che prevede la possibilità una sola volta al giorno e per un massimo di due persone (oltre ai minori di 14 anni) di andare a trovare amici o parenti. Sulle soglie dei parametri che decreteranno i colori delle zone e sulla durata del nuovo Dpcm il governo comunque deciderà solo dopo il confronto con le Regioni  e le comunicazione di Speranza al Parlamento.

All'interno dell'esecutivo si discute invece sull'ipotesi di confermare o meno le restrizioni natalizie riguardo alle visite a parenti e amici (una volta al giorno in non più di due persone con minori di 14 anni al seguito). A parte c'è il grande tema della scuola.

Tra le ipotesi, come detto, c'è quella di introdurre la zona bianca che per la verità con i numeri attuali difficilmente sarà raggiungibile da qualsiasi regione prima di febbraio-marzo. Lo status di zona bianca, infatti, si ottiene con un Rt (indice di contagio) non superiore a 0,5 e un tasso di incidenza di 50 casi alla settimana ogni 100mila abitanti. Chi riuscirà a raggiungere questo traguardo potrà dire addio alle restrizioni: rimarrà infatti solo l'obbligo di utilizzare la mascherina e di rispettare la distanza di sicurezza. Scomparirà anche il coprifuoco dalle 22 alle 5 e riapriranno tutte le attività a cominciare dalle scuole. E poi bar, ristoranti, cinema, teatri musei, centri commerciali, palestre, piscine e impianti sciistici saranno tutti aperti.

In base all'ultimo monitoraggio, con l'abbassamento dei parametri relativi all'incidenza dei casi, l'unica regione che andrebbe automaticamente in zona rossa sarebbe il Veneto, che ieri aveva un'incidenza a sette giorni di 454,31 casi per 100mila abitanti. A rischio anche l'Emilia Romagna, con un'incidenza a 242,44. In tutto sono cinque ad oggi le regioni o province autonome che superano i 200 casi ogni 100mila abitanti: oltre a Veneto ed Emilia Romagna, ci sono la provincia di Bolzano (231,36), il Friuli Venezia Giulia (205,39) e le Marche (201).

In ogni caso, nessuna regione è sotto la soglia dei 50 casi ogni 100mila abitanti, quella che, dice la cabina di regia del ministero della Salute, permetterebbe "il completo ripristino sull'intero territorio nazionale dell'identificazione dei casi e il tracciamento dei loro contatti". L'incidenza più bassa si registra in Toscana, con 78,95 casi ogni 100mila abitanti.

Per lo sport bisognerà attendere. Le palestre dovrebbero rimanere chiuse a gennaio anche se in programma c'è un incontro tra il ministro Vincenzo Spadafora e il Cts del 12 gennaio per stabilire eventuali deroghe per le lezioni individuali. Un'ipotesi, quest'ultima, che tuttavia raccoglie pochi favori

Viene confermato che il 18 gennaio non riapriranno gli impianti da sci come era stato ipotizzato, come pure per musei, cinema e teatri, ad eccezione delle zone bianche.

Il tutto in attesa del confronto con le Regioni.

 

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 11/01/2021