Berlusconi: "Non mi preoccupa la mia salute, ma Covid e crisi"

Il leader di Forza Italia era stato ricoverato nei giorni scorsi al Centro Cardiologico del Principato di Monaco

Mentre si concretizza la crisi di un governo già in agonia, è giunta nelle redazioni, la notizia sulle condizioni di salute di Silvio Berlusconi. Il leader di Forza Italia,  era stato ricoverato al Centro cardio toracico di Monaco, ospedale specializzato del Principato. Berlusconi si trovava a Valbonne, la località vicino a Nizza dove ha trascorso anche gran parte del lockdown.

E’ stato Alberto Zangrillo, medico di fiducia di Silvio Berlusconi a decidere il suo ricovero a Monaco per "un problema cardiaco aritmologico". "Lunedì - ha spiegato il professore all'ANSA - sono andato d'urgenza dove risiede temporaneamente il presidente, nel Sud della Francia, per un aggravamento" e "ho imposto il ricovero ospedaliero a Monaco perché non ho ritenuto prudente non affrontare il trasporto in Italia".

Matteo Salvini ha telefonato a Silvio Berlusconi per sincerarsi delle sue condizioni di salute: l'ha trovato sereno e di buonumore. I due leader si sono confrontati sulla situazione politica, condividendo la preoccupazione per la situazione del Paese, e hanno accennato anche alle elezioni amministrative. Clima cordiale e di grande compattezza. Nel pomeriggio di ieri, sono state rilasciate le dichiarazioni distensive di Silvio Berlusconi.

 

“Desidero tranquillizzare tutti, il mio ricovero si è reso necessario solo per alcuni accertamenti poco più che di routine impostimi dalla prudenza dei miei medici curanti". Lo scrive in una nota Silvio Berlusconi, ringraziando "i molti che in queste ore mi stanno facendo pervenire messaggi di affetto".

Ancora una volta sono grato ai tanti amici, sostenitori ed anche avversari politici che hanno avuto la cortesia di esprimermi la loro attenzione e il loro sostegno". "La mia attività -spiega il Cav- prosegue normalmente, in costante contatto con i miei collaboratori e i protagonisti della vita pubblica, in questo momento così difficile per il Paese".

"Non sono preoccupato per le mie condizioni, mi preoccupo per quelle di tanti italiani vittime del Covid e di altre malattie e di tanti altri italiani che subiscono le conseguenze di una crisi gravissima. Mi preoccupo anche, di conseguenza, per il rischio che la crisi politica che si è aperta aggravi la paralisi decisionale del Paese in un momento così difficile.

Qualunque sia la soluzione, è necessario attuarla al più presto, senza perdere neppure un giorno nei tatticismi della politica di palazzo.

Un saluto e un ringraziamento cordiale a tutti".

 

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 15/01/2021