Torino, scatta il blocco anti smog per i veicoli diesel fino a Euro 5

Esenzione per il personale sanitario, socio-sanitario e assistenziale

L’arancione assume le sembianze di un colore maldetto a Torino e dintorni. Da oggi a lunedì, scatta il semaforo antismog arancione a causa del superamento dei 50 microgrammi al metro cubo delle concentrazioni di Pm10 per più di 4 giorni consecutivi, che comporta l'estensione delle limitazioni del traffico privato, dalle ore 8 alle 19, per i veicoli diesel fino agli Euro 5 compresi e per quelli a benzina fino agli Euro 1.

Per il trasporto merci divieto di circolazione, invece, dei diesel Euro 3 ed Euro 4 dalle 8 alle 19 e nei giorni festivi dalle 8.30 alle 14 e dalle 16 alle 19.

Le misure riguardano 33 comuni inseriti nell’accordo del bacino padano, compreso Torino e altri 25 dell’area metropolitana (Beinasco, Borgaro Torinese, Collegno, Grugliasco, Moncalieri, Nichelino, Orbassano, Rivoli, San Mauro Torinese, Settimo Torinese, Venaria, Caselle Torinese, Chivasso, Leinì, Mappano, Pianezza, Volpiano, Cambiano, Carmagnola, La Loggia, Rivalta di Torino, Santena, Trofarello, Vinovo, Chieri e Ivrea), Asti, Novara, Trecate e Vercelli. Il blocco interessa anche Alessandria, Novi Ligure, Casale e Tortona, dove è già attivo dalla verifica precedente.

Nel complesso si calcola in circa un milione i mezzi che non potranno circolare. Lunedì prossimo i nuovi rilevamenti curati da Arpa Piemonte  diranno se il livello arancio proseguirà o potrà essere revocato. Sono previste una serie di esenzioni, soprattutto per garantire la mobilità al personale sanitario e di assistenza che è impegnato nella gestione dell'emergenza Covid-19.

Risultano esentati dalle limitazioni, dunque, personale sanitario, socio-sanitario e assistenziale, compresi i volontari, ma anche pazienti e loro accompagnatori che devono raggiungere le strutture sanitarie per terapie, interventi o esami. Stessa esenzione anche per tutti i mezzi dei servizi di soccorso e i veicoli utilizzati per il rifornimento di medicinali e il trasporto di pasti, i veicoli dei servizi di pompe funebri e quelli utilizzati per il trasporto di persone che partecipano a cerimonie funebri.

 

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 22/01/2021