Genova - Guardia di Finanza: operazione "110 e ... Frode"

Denunciati 22 studenti per falso in esami e tesi di laurea grazie al ruolo di un professore esterno all'Università

Riceviamo e comunichiamo per dovere di informazione

Guardia di Finanza Comando Provinciale Genova Guardia di Finanza Comando Provinciale Genova 16149 Genova, Lungomare Canepa 3 Telefono e fax 010.465953

 

.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.

 

I Finanzieri del Comando Provinciale di Genova hanno concluso un’attività di indagine – coordinata dalla Procura delle Repubblica di Genova - finalizzata a contrastare fatti di rilevanza penale perpetrati da studenti dell’Università degli Studi di Genova, durante le prove scritte degli esami, nonché relativi alla redazione delle tesi di laurea da presentare e discutere presso l’Ateneo genovese.

L’indagine ha ricevuto l’input dalla stessa Università, che ha segnalato una sospetta compravendita dei testi per la prova scritta dell’esame di Ragioneria Generale, previsto per il secondo anno del corso di laurea in Economia Aziendale.

Le indagini svolte dalle Fiamme Gialle hanno consentito di disvelare un collaudato meccanismo fraudolento, accertando così che - nel corso degli esami - alcuni studenti ricevevano “l’aiuto” di un professore di scuola secondaria, esterno all’Ateneo, che oltre a tenere corsi di ripetizione “in nero”, si adoperava a suggerire le risposte durante le prove d’esame ai ragazzi che frequentavano i corsi di economia; il tutto tramite l’applicazione di messaggistica WhatsApp.

Il professore, infatti, durante la prova, era solito ricevere dagli esaminandi suoi allievi, tramite chat, una foto del compito; quindi provvedeva a svolgerlo in diretta e rinviandolo con le soluzioni agli studenti. Proprio durante la prova di un appello d’esame di Ragioneria Generale, le fiamme gialle genovesi si sono presentate in casa del professore sequestrandogli lo smartphone, col quale stava chattando in diretta con i suoi studenti impegnati a sostenere l’esame.

Dall’analisi svolta sui dati estrapolati dai devices (smartphone, notebook), nonché dall’analisi della documentazione cartacea sequestrata al professore (soprattutto agende), sono emersi numerosi casi, dove il professore ha aiutato alcuni studenti anche durante le prove di statistica, ragioneria generale, test di accesso, marketing. Altra skill del professore era la redazione delle tesi di laurea da presentare e discutere presso l’Ateneo genovese. Infatti, alcuni denunciati, oltre agli esami, approfittavano del professore di scuola secondaria, laureatosi a Genova anni prima, per farsi redigere la tesi, generalmente da discutere al termine del percorso triennale. Ovviamente tutto, dietro compenso.

Il Dipartimento di Economia dell’Università di Genova, che per primo ha denunciato alla Guardia di Finanza la possibilità che fossero perpetrate condotte illecite afferenti alle prove d’esame, ha sempre collaborato fattivamente nelle indagini, fornendo agli investigatori gli elaborati e le tesi di laurea presentate per la discussione dagli studenti i cui nomi sono emersi dalle indagini.

La comparazione quindi degli elaborati consegnati durante gli esami e/o per la discussione delle tesi, con quanto rinvenuto nei notebook e nelle applicazioni di messaggistica del professore, ha provato che, in tutto od in parte, quanto presentato dagli studenti era, nella realtà, operato del professore.

Complessivamente, sono stati denunciati alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Genova, a vario titolo, ventidue soggetti, per la violazione degli articoli 1 e 2, commi 2 e 4, di cui alla legge 19 aprile 1925, n. 475 (Repressione della falsa attribuzione di lavori altrui da parte di aspiranti al conferimento di lauree, diplomi, uffici, titoli e dignità pubbliche).

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 25/03/2021