Castello di Masnago (Varese) – Arte e mecenatismo tra Otto e Novecento

Oltre Settanta capolavori di Hayez, Pelizza da Volpedo, Previati, Wildt e tanti altri artisti per il progetto della Fondazione Cariplo Argate

La grande mostra in atto al Castello di Masnago (Varese) è la protagonista del gran finale di Open, progetto Argate, tour  messo in atto dal 2017  dalla Fondazione Cariplo   - in collaborazione con le Fondazioni Comunità – che   ha portato il suo patrimonio artistico  costituito da 766 dipinti, 117 sculture, oltre una cinquantina di arredi e oggetti – in giro per la Lombardia e il Verbano Cusio Ossola  dando la possibilità ad un folto   pubblico di ammirare opere di grande spessore artistico.  

Se, il visitatore non avesse avuto questa possibilità, non avrebbe potuto ammirare questi magnifici capolavori, in quanto collocati in ambienti non accessibili. La decima tappa di questo progetto, dunque  si conclude nelle bellissime sale del Castello di Masnago in provincia di Varese ( che sarà aperta fino al 2 maggio 2021.

A causa della pandemia  legata  all’emergenza Covid 19 si consiglia sempre prima di mettersi in viaggio prendere  le dovute informazioni) con la mostra   dal tema ”Nel salotto del collezionista, Arte e mecenatismo tra Ottocento e Novecento”. L’esposizione  è stata curata da Sergio Rebora – storico dell’arte - , con la collaborazione di Lucia Molino. L’accesso alla  visita è ammessa  in forma gratuita, come è avvenuto per tutti i nove precedenti appuntamenti.

L’evento è corredato di un catalogo edito da Silvana Editoriale (€ 18.00), con il riporto di tutte le opere, ognuna è accompagnata da accurate schede descrittive  redatte da insigni studiosi. Inoltre il testo racchiude   saggi di Sergio Rebora Lucia Molino, Barbara Costa. Nel saluto istituzionale Giovanni Fosti – Presidente Fondazione Cariplo - :

La cultura è una leva strategica per il nostro Paese: è un potente strumento di crescita delle persone e un efficace volano per l’economia e per l’occupazione”.

Con il dipinto immagine guida  di Gaetano Previati, “La danza delle ore”, si presentano  le oltre settanta opere di dipinti, sculture e oggetti - Francesco Hayez, Giuseppe Pelizza da Volpedo, Giacomo Balla, Adolfo Wildt, e tanti altri famosi artisti -  che illustri personaggi lombardi, esponenti dell’alta borghesia, industriali e politici tra la fine dell’Ottocento e inizio Novecento si procurarono  attraverso  importanti azioni di mecenatismo.  

Capolavori dunque, provenienti in larga  parte  dalle gallerie – dell’artefice istituzione del progetto espositivo - Fondazione Cariplo, dei Musei Civici di Varese e di istituzioni museali milanesi, Museo Nazionale  della Scienza e della Tecnica e Museo Poldi Pezzoli; oltre che dalla Casa Museo Ludovico Pogliaghi al Sacro Monte di Varese e dal Museo della Società Gallaratese per gli Studi  Patri di Gallarate.

“Questo evento  rappresenta per la Fondazione Cariplo – continua  Giovanni Fosti - un’occasione di dialogo e di riflessione sulla nostra storia comune attraverso la bellezza dell’arte per riscoprire un senso di appartenenza all’interno delle nostre comunità”. 

Il progetto di Varese  come gli altri che si sono susseguiti in questi cinque anni la Fondazione Cariplo con la collaborazione delle varie istituzioni delle Comunità del territorio ha permesso al visitatore di ammirare capolavori eccelsi e di  veicolare l’arte alla portata di tutti. Esempio da continuare, anche dopo questo momento delicato, per avvicinare  coinvolgere, sensibilizzare sempre un pubblico maggiore alla bellezza dell’arte.

Didascalie:

Foto copertina libro

Foto 1  Giacomo Balla “Bambina con fiori” 1902? olio su tela 91x72 cm Varese Musei Civici

Foto 2 Carlo Fornara “Il ciliegio fiorito” 1914 olio su tavola, 47,5x65,4 cm Milano Museo Nazionale della Scienza  e della Tecnologia  Leonardo da Vinci

Foto  3  Adolfo Wildt “Ritratto di Carolina Trotti Maino” 1927 scultura in marmo  (Galalrate Museo della Società Galalraetse per gli Studi Patri”

Foto 4  Francesco Hayez  “Tamar di Giuda” 1847 olio su tela, 112x84,5 cm Varese, Musei Civici

Foto  5 Giuseppe Montanari “Madre” 1923, olio su tavola 130x109,7 cm.,   Milano Collezione Fondazione Cariplo

Foto  6 Arturo Tosi “Alta Valle Seriana” 1923, olio su tela 70x90 cm

Foto 7 Michele Cascella “Lungo il Naviglio” 1924 -29,  pastello su carta applicato su tela, 111x 80 cm. , Milano Fondazione Cariplo

Foto 8 Ottone Rosai “Paesaggio” 1949 ,olio su tela, 70, 3x50 cm., Milano Collezione Fondazione Cariplo

“Nel Salotto del Collezionista. Arte e mecenatismo tra Otto e Novecento”, Castello di Masnago – Musei Civici di Varese,(ingresso gratuito)  Via Cola di Rienzo 42 Varese. Informazioni + 39 0332/ 82 0409 -; Fondazione Comunitario del Varesotto + 39 0332/287721

 

 

 

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 30/03/2021