I Reportage «Venerd́ Dal Sindaco»

Proseguono con Fiorella Vaschetti, Prima Cittadina di Prarostino (Torino)

Questa settimana prosegue con l’intervista alla prima cittadina di PrarostinoFiorella Vaschetti, la rubrica “Venerdì dal Sindaco” che, per iniziativa della Direzione comunicazione e rapporti con i cittadini e il territorio della Città Metropolitana, propone reportage televisivi e interviste ai primi cittadini dei piccoli Comuni nel canale “YouTube” dell’Ente.

Il “Venerdì dal Sindaco” è un’occasione per conoscere le peculiarità dei piccoli centri del territorio della Città Metropolitana di Torino, comprendere le emergenze e i piccoli e grandi problemi quotidiani con cui si confrontano i Sindaci, scelti dai loro concittadini per amministrare comunità montane e rurali a torto considerate marginali; realtà in cui la politica è volontariato puro.

Per vedere i filmati e i reportage fotografici del “Venerdì dal Sindaco” basta andare sul portale Internet della Città Metropolitana di Torino alla pagina http://www.cittametropolitana.torino.it/speciali/2021/venerdi_dal_sindaco/

I filmati vanno anche in onda sull’emittente interregionale Telecupole, il sabato alle 14,30 con repliche la domenica alle 18,45 e il lunedì alle 20,40.

Nell’ultimo numero della rivista settimanale della Città Metropolitana “Cronache da Palazzo Cisterna” si può leggere il reportage da Prarostino; basta andare nel portale della Città Metropolitana alla pagina www.cittametropolitana.torino.it/ufstampa/cronache/

 

NELLA PICCOLA SVIZZERA SULLE MONTAGNE CHE SI AFFACCIANO SULLA PIANURA PINEROLESE

La decima tappa della rubrica “Venerdì dal Sindaco” tocca Prarostino, un suggestivo borgo arricchito da deliziose frazioni, campi, prati e boschi ben curati e suggestivi panorami, che spaziano dalla pianura del Pinerolese alle montagne delle Valli Chisone, Germanasca e Pellice. In un contesto paesaggistico e urbanistico che ricorda la Svizzera – non a caso Prarostino è gemellato con Mont-sur-Rolle, paese del Canton Vaud che si affaccia sul Lago Lemano – si tramandano la sapienza secolare del mondo contadino e una tradizione di convivenza tra la maggioranza protestante e la minoranza cattolica plasticamente rappresentata dalla vicinanza fisica tra il Tempio Valdese e la chiesa di San Bartolomeo. A Prarostino Valdesi e cattolici sono distinti ma uniti nell’impegno solidale a favore della comunità e delle persone più fragili.

Se la non lontana Torre Pellice è conosciuta come la Ginevra italiana, Prarostino ricorda i suggestivi borghi che si affacciano sul Lago Lemano, ordinati e emblematici del carattere operoso e solidale dei loro abitanti. Nel Comune il cui territorio si estende sui primi contrafforti alpini del pinerolese la storia travagliata del rapporto tra sovrani cattolici e popolazioni protestanti ha lasciato dolorose ferite nei secoli andati: è per questo che ogni anno il 16 febbraio, qui, come in tutti i Comuni in cui risiedono comunità valdesi, si celebra con un falò l’anniversario della promulgazione delle Regie Patenti con cui, il 17 febbraio 1848, il re Carlo Alberto, concesse le libertà e i diritti civili e politici ai sudditi protestanti. Oggi a Prarostino e in generale in tutto il Pinerolese il dialogo interconfessionale supera le differenza teologiche e si sostanzia in azioni e progetti concreti e condivisi a vantaggio delle comunità locali e dei migranti.

L’immagine di Prarostino è anche legata ad un simbolo delle battaglie per la libertà e la dignità dell’uomo: la torre-faro inaugurata il 18 giugno 1967 per ricordare con la sua ardita architettura i 600 partigiani dei 51 Comuni delle valli pinerolesi caduti nella lotta di liberazione contro il nazifascismo.

Progettato dagli architetti Roberto Gabetti ed Aimaro Isola, realizzato con vari contributi, l'apporto gratuito di ex partigiani e il dono del pietrame da parte dei cavatori di Bagnolo Piemonte, il monumento si presenta come una torre-traliccio su pianta quadrata, realizzata in pietra greggia e alta 15 metri. La torre termina con un terrazzino e una stele metallica sormontata da un faro, la cui luce è visibile dalla pianura pinerolese anche a notevoli distanze.

La Sindaca dei 1257 prarostinesi è, dal 2014, Fiorella Vaschetti, alla guida un gruppo di amministratori locali che ha l’ambizione di fare del paese un centro importante per il turismo di prossimità. “Cerchiamo di tenere ordinato e pulito il nostro territorio, per presentare un bel biglietto da visita a coloro che vengono a visitare il paese e le sue frazioni. - sottolinea la prima cittadina – Ma soprattutto cerchiamo di evitare lo spopolamento e di fare in modo che i ragazzi che nascono e crescono a Prarostino non abbandonino il paese e possano continuare a vivere e lavorare qui”.

Molti e suggestivi sono i percorsi escursionistici da scoprire a piedi e in mountain bike, per conoscere i luoghi storici come il santuario valdese di Roccapiatta e i panorami che si possono godere sul colle Vaccera e in vetta ai monti Servin, Castelletto e Gran Truc, a cavallo tra le valli Chisone e Pellice.

Il ruolo delle associazioni locali è fondamentale per la manutenzione del territorio e del centro abitato e l’organizzazione di quegli eventi di promozione turistica che a Prarostino non vedono l’ora di tornare ad organizzare, non appena l’emergenza pandemica sarà conclusa.

Il piccolo ma ben organizzato museo della viticoltura locale, dove si conservano gli oggetti e la memoria di un’agricoltura eroica, è un altro dei richiami di Prarostino ed è anche emblematico della coesione della comunità: i due volontari ultraottantenni che lo hanno ideato, realizzato e tenuto aperto per molti anni hanno passato le consegne al gruppo Prarostino 2020, di cui fanno parte alcuni giovani innamorati del proprio paese, della sua storia e della sua cultura materiale e spirituale.

Non tutto è idilliaco in questo paese alpino a pochi chilometri da Pinerolo, che, ad esempio, sconta il disagio causato dai tagli patiti dal trasporto pubblico locale negli ultimi anni. Durante l’anno scolastico nelle ore pomeridiane non è possibile raggiungere San Secondo e Pinerolo con l’autobus.

Nei mesi estivi anche le corse mattutine utilizzate dagli studenti sono soppresse.

A Prarostino un mercatino agricolo che si tiene la domenica mattina sopperisce, ma solo parzialmente, alla mancanza di un esercizio commerciale, che sarebbe indispensabile per una comunità che è comunque numericamente consistente. È vero che Pinerolo è molto vicina, ma non tutti hanno la possibilità di muoversi con l’auto.

A Prarostino, come in tutti i centri rurali e montani, i servizi pubblici sono la vera grande sfida che gli amministratori comunali devono affrontare ogni giorno.

 

Fonte: Ufficio Stampa Città metropolitana di Torino.

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 11/04/2021