Vaccinazioni in Piemonte. Un gruppo medico – Legale autorizzerà le vaccinazioni dei fragili per superare un limite della burocrazia

Il rinnovo dell’accordo con i farmacisti, anche per la somministrazione dei vaccini a vettore RNA Virale

Un gruppo di lavoro per la valutazione medico-legale dei casi di fragilità non espressamente compresi nell’elenco delle categorie con priorità vaccinale, è stato costituito nell’ambito del Comitato tecnico scientifico dell’Unità di crisi della Regione Piemonte.

«L’obiettivo – spiega l’assessore regionale alla Sanità del Piemonte, Luigi Genesio Icardi – è di autorizzare la vaccinazione di quelle persone che pur manifestando condizioni di salute di estrema gravità, non risultano formalmente appartenere a nessuna delle categorie con priorità previste dal Ministero. Si tratta purtroppo di casi di una certa frequenza, su cui i medici di medicina generale vengono a trovarsi in difficoltà, in quanto non supportati da oggettivi riscontri giuridici che li sollevino da responsabilità nel caso di eventuali vaccinazioni che potrebbero essere considerate “arbitrarie”, vale a dire al di fuori delle categorie indicate dai decreti nazionali».

D’ora in poi, quindi, i casi considerati “dubbi” verranno segnalati dai medici di medicina generale al commissario straordinario dell’Area giuridico legale dell’Unità di crisi, Antonio Rinaudo, il quale li sottoporrà, a seconda delle patologie evidenziate, al Gruppo del Comitato tecnico scientifico competente, che, a stretto giro, si esprimerà sulla legittimità della vaccinazione, autorizzandone o meno l’esecuzione.

”Il caso della donna di Cuneo che vive con due terzi di un solo polmone, ma che non rientra nella categoria delle persone estremamente fragili – rileva Antonio Rinaudo -, è emblematico della necessità di dover operare velocemente per risolvere situazioni palesemente critiche. Attraverso il Comitato tecnico scientifico siamo intervenuti immediatamente per dare la giusta interpretazione e la giusta collocazione alla patologia di cui è portatrice la signora, garantendole un’immediata vaccinazione che non avrebbe potuto avere luogo se si fosse seguito rigidamente il protocollo sanitario indicato nella Tabella 1 della categoria 2 delle Raccomandazioni ad interim del Ministero della Salute”.

«In questo modo – aggiunge l’assessore Icardi – superiamo un limite burocratico che paradossalmente rischiava di penalizzare molte persone in condizioni critiche che non vedevano riconosciuta la loro priorità nella vaccinazione, soltanto perché non si riusciva a dimostrarne sulla carta l’effettiva fragilità»

 Per sopperire alle necessità emergenti, Il Piemonte, è stata la prima regione in Italia a siglare il 19 gennaio scorso l’accordo con i farmacisti per la campagna di vaccinazione anticovid, rinnova e rilancia l’impegno per i prossimi mesi. 

E’ quanto emerso venerdì mattina in assessorato nell’incontro tra l’assessore regionale alla Sanità, Luigi Genesio Icardi, ed i rappresentanti di Federfarma, Massimo Mana, e di Assofarm, Mario Corrado, per definire gli ulteriori passaggi della campagna di vaccinazione.

“E’ un ulteriore passo avanti per la vaccinazione di massa”- afferma l’assessore regionale alla Sanità, Luigi Genesio Icardi. Con i rappresentanti di Fedefarma, di Assofarm abbiamo definito il percorso che consentirà ai farmacisti di somministrare anche i vaccini come Pfizer e Moderna (a vettore Rna virale), non appena avranno ultimato il corso di formazione. Ovviamente, come ribadito nel corso della visita in Piemonte del Commissario straordinario generale Figliuolo, la condizione essenziale è che vi sia la certezza dell’arrivo delle dosi di vaccino necessarie per proseguire la campagna vaccinale ed immunizzare la popolazione.”

“Siamo molto soddisfatti dell’accordo raggiunto con la Regione Piemonte e i farmacisti si stanno preparando e formando per vaccinare in piena sicurezza in farmacia certi di poter positivamente ed efficacemente incidere sulla campagna vaccinale e quindi sulla salute dei cittadini e contribuire alla ripresa del nostro paese’ dichiarano Massimo Mana, presidente di Federfarma Piemonte e Mario Corrado, presidente Assofarm Piemonte. ‘Siamo inoltre pronti a vaccinare con qualsiasi vaccino ci sarà reso disponibile, riuscendo a gestire, grazie alla rete logistica specializzata, anche i vaccini mRNA’.

 

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 19/04/2021