Il potere del cognome: In Asia le dinastie familiari controllano la politica

In Asia il potere politico sembra non aver perso la sua dimensione da clan feudale e familiare

Le dinastie familiari hanno dominato la politica asiatica per generazioni e indipendentemente dalle ideologie, sia nei regimi comunisti della Corea del Nord e del Vietnam sia nelle democrazie come il Giappone e l'India, inclusa la Cina o l'Indonesia. Alcuni rimangono, alcuni soccombono e ne emergono di nuovi, ma queste famiglie rimangono una fonte di potere nel continente.

Tra il 2000 e il 2017, 119 leader mondiali erano membri di famiglie con una grande tradizione politica alle spalle. Se in Occidente possiamo contare alcune famiglie presidenziali, come i Clinton o i Bush, in Asia la situazione è decisamente la norma. Diversi membri delle stesse famiglie hanno governato democrazie come il Giappone e l'India, e in altre, come Singapore e Bangladesh, gli attuali leader sono i figli dei fondatori del paese. Mentre in nazioni comuniste come il Vietnam e il Laos, i figli della prima generazione di leader ricoprono posizioni elevate; in Cina hanno persino raggiunto la presidenza. Lo stesso avviene nel regime autarchico della Corea del Nord o nella monarchia assoluta del Brunei, dove la stessa famiglia governa il Paese da decenni.

Questa tendenza è spesso attribuita ai cosiddetti valori "asiatici" , anche se il continente è molto diversificato etnicamente, politicamente e religiosamente. In alcuni casi, è questa stessa diversità che spiega il fenomeno, e anche una storia recente comune sotto il dominio di imperi stranieri; la maggior parte dei paesi ha meno di sessant'anni di storia indipendente. In altri, il ruolo principale è giocato dalle idiosincrasie del paese. Ma l'accumulo di potere è presente in tutti.

Le più importanti dinastie attuali si conformano a due modelli: quelle che hanno legittimato il proprio mandato per tradizione politica o legandosi al partito al potere, e quelle legate alla creazione del Paese avendo tra i suoi membri capi fondatori. Ci sono anche quelli che hanno ceduto alle lotte con altre fazioni e alla volatilità regionale. Mentre alcune dinastie hanno perso forza perché i loro membri sono stati imprigionati, esiliati o assassinati, altre colgono l'occasione per prendere il sopravvento.

 

Fondatori della nazione e clan familiari

 

Nei regimi autoritari della Corea del Nord e del Brunei, le dinastie regnanti hanno genitori legati alla creazione del Paese. Dalla sua fondazione nel 1948, la Corea del Nord è stata governata da Kim Il-sung (1948-1994), suo figlio Kim Jong-il (1994-2011) e suo nipote e attuale leader, Kim Jong-un. Le voci sulla morte di quest'ultimo nel 2020 e la mancanza di idonei candidati maschi hanno fatto temere una crisi di successione. Pertanto, nonostante sia una donna, sua sorella Kim Yo-Jong è la candidata più probabile per sostituirlo e garantire che il potere rimanga nelle mani della venerata famiglia Kim.

Dal canto loro, i Bolkiah in Brunei si sono succeduti dal XIV secolo, anche durante il protettorato britannico tra la fine del XIX e la fine del XX secolo. L'attuale sultano, Hassanal Bolkiah, è al comando della monarchia assoluta dal 1967, è anche primo ministro ed è responsabile dei portafogli delle finanze, degli esteri e della difesa. Suo figlio maggiore ed erede al trono è anche un alto ministro nel Dipartimento del Primo Ministro.

Anche a Singapore, Bangladesh e Indonesia i figli dei leader fondatori ricoprono alte cariche politiche. Lee Hsien Loong, ad esempio, presiede Singapore dal 2004. Suo padre, Lee Kuan Yew , aveva deciso di separarsi dalla Malesia per fondare la città-stato che governò fino al 1990 nel 1965. La trasformazione durante quel lungo periodo rese il paese una potenza regionale . Sebbene un Lee non abbia sempre governato, il Partito d'Azione Popolare del padre fondatore è legato alla famiglia e la sua popolarità e il suo controllo sono indiscutibili: ha vinto tutte le elezioni nella storia del paese.

Qualcosa di simile accade in Bangladesh. Lo sceicco Hasina , figlia del padre del paese, lo sceicco Mujibur Rahman , è stato primo ministro tra il 1996 e il 2001 e lo ripete dal 2009. Hasina è il leader che ha governato il paese per più tempo da quando si è separato dal Pakistan nel 1971 e presiede il partito di governo, l'Awami League, dal 1981. La sua popolarità gli ha permesso di vincere le ultime tre elezioni con una maggioranza schiacciante e di imprigionare il leader dell'opposizione .

E in Indonesia parlare di indipendenza del Paese significa parlare di Sukarno . Sebbene sia stato una figura controversa per il suo governo dittatoriale (1945-1967), Sukarno è un'icona della lotta contro le forze coloniali olandesi ed è ancora molto ammirato. Quella popolarità ha portato a sua figlia Megawati alla vicepresidenza nel 1999 e alla presidenza nel 2001. Sebbene i Sukarno non governino da anni, Megawati guida il partito di governo e sua figlia è una possibile candidata per le elezioni presidenziali del 2024.

In Cina, i figli dei leader della prima generazione e della rivoluzione comunista sono soprannominati "piccoli principi". Uno di loro è l'attuale presidente, Xi Jinping . Suo padre, Xi Zhongxun, è stato segretario generale del Consiglio di Stato tra gli anni '50 e '60, ma è stato imprigionato durante la Rivoluzione Culturale . Sebbene questo abbia ferito il figlio di Xi all'inizio della sua carriera politica, anche l'anzianità del padre all'interno del Partito Comunista lo ha aiutato.

Il Laos e il Vietnam hanno esempi simili con i figli dei membri della prima generazione di leader comunisti. All'11° Congresso del Partito Rivoluzionario del Popolo Laotiano, tenutosi nel gennaio 2021, tre figli dell'ex primo e secondo segretario generale sono stati nominati membri del Comitato Centrale. Il vicino Vietnam abbonda anche di posizioni regionali di rilievo per i figli di ex leader , consentendo anni di corruzione ai vertici del Partito Comunista.

In tutta l'Asia le famiglie hanno cercato di conquistare e preservare il potere per generazioni, trasformando la politica locale, regionale e persino nazionale in un'impresa familiare. In India, ad esempio, esistono decine di dinastie politiche , anche se le più note sono i Nehru-Gandhi , che non sono imparentate con il leader indipendentista Mahatma Gandhi. Questa famiglia ha tra i suoi membri tre primi ministri ed è legato fin dall'indipendenza all'Indian National Congress, il partito che governa il Paese da più di cinquant'anni. Jawaharlal Nehru è stato il primo leader dell'India indipendente tra il 1947 e il 1964. La sua popolarità ha facilitato la carriera politica di sua figlia, Indira Gandhi, che gli è succeduta poco dopo la sua morte. A Indira successe a sua volta suo figlio, Rajiv Gandhi , primo ministro in due occasioni prima di essere assassinato nel 1989. Nonostante il fatto che i Gandhi presiedano il Congresso nazionale indiano dal 1998, la vittoria del nazionalista Narendra Modi nel 2014, una crisi interna di il partito e la perdita di elettori li relegarono all'opposizione.

La situazione è simile nelle Filippine, dove l' 84% dei senatori appartiene a famiglie politiche . Gli Aquino si distinguono con due presidenti e legami con altre dinastie. Il loro ruolo di primo piano nel rovesciamento della dittatura di Ferdinand Marcos (1965-1986) li esaltò come leader democratici della nazione, in particolare l'ex presidente , membro di un'altra famiglia politica legata alla sua. Tuttavia, questa scommessa di continuazione non ha convinto gli elettori sulla candidatura di Corazón Aquino , soprannominato "madre della democrazia", ??e catapultò suo figlio alla presidenza. Benigno Aquino III nel 2010. Le Filippine limitano i mandati presidenziali a uno, quindi Aquino III non poteva candidarsi di nuovo, e in assenza di un successore voleva passare il testimone a Mar Roxas Rodrigo Duterte , controverso sostenitore della mano forte che governa le Filippine dal 2016.

In Sri Lanka, i Rajapaksa sono il ritratto di come rendere la gestione pubblica un affare di famiglia. Questa famiglia è impegnata in politica sin dall'indipendenza del Paese nel 1948, ma negli ultimi vent'anni ha guadagnato peso. Mahinda Rajapaksa è stato presidente tra il 2005 e il 2015 con due fratelli e una nipote in alte cariche ministeriali , ed è tornato a guidare il governo dal 2019 come primo ministro, con un fratello come presidente. Inoltre, Mahinda è responsabile di tre ministeri e i ministri hanno nominato un altro fratello e suo figlio per instradare la staffetta .

Il Giappone, da parte sua, ha la più antica famiglia reale del mondo, la dinastia imperiale giapponese. La politica nazionale è dominata da poche famiglie, tutte del Partito Liberal Democratico, il partito conservatore che ha governato il Paese quasi ininterrottamente dagli anni Cinquanta. Ex primi ministri come Shinzo Abe e Taro Aso provengono da dinastie politiche multigenerazionali, alcune controverse a causa della loro relazione con il passato imperialista giapponese.

Ad esempio, la famiglia di Abe ha avuto primi ministri, un ministro della difesa e un ministro dell'industria. Suo padre, Shintaro Abe , era responsabile dell'agricoltura, del commercio e degli affari esteri ed è stato segretario generale del partito negli anni '80. Suo fratello è l'attuale ministro della Difesa . Inoltre, suo nonno paterno, Kan Abe , è stato parlamentare tra gli anni '30 e '40. E suo mentore e nonno materno, Nobusuke Kishi , era governatore e Primo Ministro del Manchukuo. Lo stesso nipote Shinzo, in carica fino al 2020, è stato il primo ministro nipponico che per più anni più anni è rimasto al potere.

Le dinastie familiari dominano la politica asiatica con un grande sostegno popolare. Nel pieno rispetto dei “valori asiatici" e confuciani, i quali proclamano il rispetto per il leader e l'importanza della comunità. Tuttavia, la sopravvivenza di queste dinastie è avvenuta sopratutto attorno all'accumulo smisurato di potere personale e familiare (generando spesse volte uno squilibrio politico ben poco confuciano); obiettivi che non conoscono nazionalità, ideologia o religione e che assicurano il loro dominio nel futuro dei loro rispettivi stati asiatici.

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 12/06/2021