Covid: Draghi pare orientato alla proroga dello stato di emergenza: “Probabilmente fino a dicembre”.

Per Salvini e Meloni sarebbe “Una scelta folle”.

Ieri l’Unità di Crisi della Regione Piemonte ha comunicato 59 nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19 (di cui 3 dopo test antigenico), pari allo 0,5% di 12.619 tamponi eseguiti, di cui 7.918 antigenici.

 

I ricoverati in terapia intensiva sono 39 (-8 rispetto a martedì, mentre i ricoverati non in terapia intensiva sono 272(-19 rispetto a martedì). I decessi

di persone positive al test del Covid-19 comunicati dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte sono 3.

 

Il totale è di 11.684 deceduti risultati positivi al virus. In Italia Sono 1.400 i positivi al test del coronavirus  nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute.

Sono invece 52 le vittime  di ieri, contro le 63 di martedì. Il tasso di positività è dello 0,6%, lo stesso di martedì. E’ una situazione ampiamente soddisfacente, nonostante la confusione sui tipi di vaccino e sulle dosi, scatenate nelle trasmissioni  televisive dei giorni scorsi, da parte dei virologi.

 

Il Premier Draghi sarebbe comunque pronto a prorogare lo stato di emergenza fino alla fine dell'anno escludendo la possibilità di farlo finire a luglio.

La situazione emergenziale non è ancora finita e la campagna vaccinale sta proseguendo a pieno ritmo anche con l’aiuto dei poteri straordinari nominati per fronteggiare la pandemia. In più c’è l’incognita varianti, che si teme possano portare a una ripresa dell’epidemia.

 

L’ipotesi di non prorogare lo status era stata paventata dal ministro della Salute Roberto Speranza, il quale aveva affermato che “sarebbe bello farlo finire e dare un segnale positivo al paese” lasciando comunque le valutazioni per i giorni immediatamente imminenti alla scadenza.

 

Stando ad alcuni esponenti vicini al capo del governo, si tratta però di una pista che Draghi non vorrebbe seguire prorogando l’emergenza “probabilmente fino al 31 dicembre 2021“.

Inoltre si dovrà affrontare la situazione che seguirà alle vacanze estive e garantire una ripartenza ordinata e sicura a settembre-ottobre.

 

Con il mantenimento dello stato di emergenza, che dovrà essere discusso in Consiglio dei Ministri, il governo potrà adottare altri Dpcm dopo il 31 luglio comprese eventuali nuove restrizioni e potrà intervenire con tempestività per organizzare una ripartenza in sicurezza dell’anno scolastico e  a varare quelle norme che hanno scandito la vita sociale ed economica degli italiani dall’esplosione dell’epidemia.

 

L'idea di prorogare lo stato di emergenza non piace al centrodestra. Matteo Salvini e Giorgia Meloni hanno già espresso la loro contrarietà.

«Siamo al 95% di copertura vaccinale per gli over 80, i fragili sono tutti al riparo, dai 60 anni in su sono rimasti 3milioni di italiani scoperti. Io sono per la libera scelta». Sui ragazzi «occorrono cautele prima di somministrazioni di massa, e open day».

 

Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini al forum ANSA. Sulla proroga dello stato di emergenza «non abbiamo ancora parlato con Draghi, ma a mio avviso non ci sono i presupposti per trascinare lo stato di emergenza. Credo sarebbe un bel messaggio, come dire il peggio è passato».

 

«Apprendiamo dalla stampa che il Governo Draghi starebbe pensando a una proroga dello stato di emergenza al 31 dicembre 2021. Un'ipotesi che, se confermata, sarebbe folle e che come Fratelli d'Italia ci vede nettamente contrari. Ad un anno e mezzo dallo scoppio dell'epidemia non è più accettabile che le più elementari norme della democrazia e i principi dello Stato di diritto come la libertà di movimento e d'impresa possano essere calpestati o violati dal Governo nel nome dell' emergenza.

 

Il 2021 deve essere l'anno del ritorno alla normalità: il nostro ordinamento è in grado di gestire la pandemia con i poteri e gli strumenti ordinari di cui già dispone, nel rispetto della Costituzione e delle prerogative del Parlamento». Lo scrive il presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni. 

 

Si prevede che questo tormentone sarà risolto negli ultimi giorni di luglio, valutando anche l’estensione  o il contenimento del contagio in Inghilterra e negli Stati Uniti.

 

 

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 17/06/2021