Lega, nel week end al via la raccolta firme per i Referendum sulla Giustizia

Mobilitazione capillare in Piemonte, con 136 banchetti in tutta la regione

C’è aspettativa, dopo gli annunci dei giorni scorsi e le situazioni incresciose cui si sono resi protagonisti in modo non certo positivo, uomini e settori della Giustizia in Italia.

Nel week end partirà in tutto il Piemonte la raccolta firme ‘Chi sbaglia paga!’ per i Referendum sulla Giustizia che la Lega ha deciso di promuovere insieme al Partito Radicale.

Sei i quesiti che si chiede di sottoporre al giudizio dei cittadini italiani, e precisamente: responsabilità dei magistrati, separazione delle carriere, carcerazione preventiva, abrogazione della legge Severino, riforma del Csm, diritto di voto per avvocati e professori nei consigli giudiziari sulla valutazione professionale dei magistrati.

Una campagna referendaria, come ha più volte spiegato il leader della Lega Matteo Salvini, che intende essere “di aiuto e stimolo a Governo e Parlamento”, e che si propone di modernizzare il sistema giudiziario, e di dare al Paese “una giustizia più giusta”.

La raccolta firme proseguirà anche nei prossimi week end, per tutto il periodo estivo.
 

Per maggiori informazioni sui gazebo più vicini:
www.legaonline.it/referendumgiustizia-gazebo

 

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 02/07/2021