Ribordone (To) - Primo appuntamento con le "Armonie nel Gran Paradiso"

Associazione Cori Piemontesi in collaborazione con il Parco Nazionale Gran Paradiso

Si rinnova l'appuntamento con la rassegna musicale-corale "Armonie nel Gran Paradiso" che ha incantato con le sue note gli appassionati accorsi in gran numero durante le scorse edizioni con concerti nelle chiese e all'aperto.

L'evento è organizzato dall'Associazione Cori Piemontesi in collaborazione con il Parco Nazionale Gran Paradiso.

Invariato il denominatore comune della rassegna: la polifonia, intesa non soltanto come l’intreccio delle voci che rende tanto emozionante la musica corale, ma anche come sinergia tra ensemble vocali diversi, che collaboreranno per portare - sui diversi palcoscenici che l'evento offre -  ciascuno il meglio di sé. Nel nome della condivisa passione per la musica, ogni corale potrà così esprimere le sue precipue caratteristiche, a tutto vantaggio del pubblico, a cui viene offerto uno spettacolo multiplo e irresistibile in contesti naturalistici di grande impatto, per celebrare letteralmente l'incanto della musica dopo oltre un anno di grande isolamento sociale.

Primo appuntamento della rassegna , domenica 25 luglio s Ribordone (TO) alle ore 18,00. La Corale Universitaria di Torino diretta da Paolo Zaltron si esibirà presso la Vecchia Fornace in frazione Rafour (in caso di maltempo Chiesa Parrocchiale s. Michele Arcangelo).

Fondata nel 1954 su iniziativa di alcuni studenti, la Corale Universitaria di Torino rappresenta oggi una delle espressioni più originali e qualificate della vita culturale e musicale della città. Essa svolge un’importante e riconosciuta opera di ricerca tesa alla riscoperta e alla valorizzazione dei grandi maestri del Rinascimento, non trascurando peraltro l’interesse per autori del periodo classico e contemporaneo. La Corale può, infatti, vantare prime esecuzioni assolute e moderne di Vivaldi, Sinigaglia, Martin, Kubelik, Pavese e Piacentini. Vanno ricordate, a tale proposito, alcune significative incisioni discografiche quali Carols, la favola del Natale (2007), Ars Flamandi, scuole polifoniche neerlandesi dal XV al XVII secolo (2004), e Beata es Virgo Maria, dedicata alla dedizione mariana nel Rinascimento. La Corale ha effettuato numerose tournées in Italia e all’estero; ha partecipato a importanti rassegne (Europa Cantat 2012, Torino, MITO-Settembre Musica a Torino nel 2011 e nel 2007, Nello stile Italiano, Genova, Festival di Cori Universitari a Firenze, Festival International Musique Universitaire, in Francia, Semana Coral Internacional de Alava in Spagna), manifestazioni celebrative (centenari di Dante, Palestrina e Monteverdi) e concorsi (nel 2006 LLangollen-3° posto assoluto, Lugano, Stresa, Quartiano e Arezzo).

Secondo appuntamento sabato 31 luglio a Noasca (TO) alle ore 21,00. L'Ensemble vocale Nova Prattica di Cuneo si esibirà presso il cortile del Palanoasca (in caso di maltempo Palanoasca)

Il quartetto nasce nel 2016 ed è formato da Carola Dalmasso (soprano), Teresa Roatta (contralto), Davide Lantrua (tenore) e Marco Tomatis (basso), quattro studenti del liceo musicale Ego Bianchi di Cuneo. Seguito inizialmente dai Maestri Flavio Becchis e Adriano Popolani, il quartetto si è esibito in pubblico in svariate occasioni tra cui diversi concerti organizzati dal liceo stesso, l’evento “a Cappella day” di Bra e il concerto finale dei corsi di musica barocca di Pamparato. Dal 2018 vari avvicendamenti nell’organico portano il nuovo assetto con l’arrivo del soprano Irene Alfarone e del tenore Enrico Armando. Le giovani voci si conoscono nell’ambiente del Coro Giovanile Piemontese, progetto dedicato alla coralità giovanile coordinato dall’Associazione Cori Piemontesi, nel quale cantano per due anni, diretti dal M° Loreta Pinna. Nello stesso anno il quartetto vocale partecipa alla registrazione del brano “Salve regina” composto e diretto dalla compositrice e musicista piemontese Anna Galliano. Nel dicembre 2018, i ragazzi si esibiscono in un concerto Natalizio a Torino, presso la chiesa della Gran Madre. Nel 2019 partecipano al 10° concorso Nazionale Polifonico del Lago Maggiore classificandosi ex aequo al terzo posto nella cateS. Giusto)goria ensemble.

Terzo appuntamento a Ronco Canavese (TO) domenica 1 agosto alle ore 18,00. In piazza Umberto I (in caso di maltempo Chiesa Parrocchiale S. Giusto), si esibisce il Coro delle voci Bianche della Scuola di Musica di Mondovì (CN). Dirige Maurizio Fornero; al pianoforte il Maestro Alberto Rainitti.

La scuola comunale di musica di Mondovì (CN) opera sul territorio dal 1979 con l’obiettivo di diffondere la cultura musicale attraverso la sensibilizzazione dei giovani e degli adulti all’arte sonora. Il coro delle voci bianche nasce come progetto didattico nel 2006, quando la gestione della scuola viene affidata all’Academia Montis Regalis. È composto da quasi 40 elementi e si esibisce principalmente in Piemonte ma non solo. Nel 2010 ha partecipato al XII Festival internazionale di cori a Praga. Si è esibito inoltre nella Minoritenkhirche di Vienna e da diverse edizioni si esibisce al Festival internazionale Piccoli dialoghi musicali di Torino. Nel 2011 e nel 2013 ha partecipato, ottenendo buoni risultati, al Concorso nazionale per cori di voci bianche Il Garda in Coro a Malcesine (VR).

 

Nel 2012 ha contribuito, in coproduzione con I Musici di Santa Pelagia di Torino e l’Orchestra di Milano Classica, alla realizzazione del Vespro in fa maggiore di M. Haydn, eseguito a Torino nella 6a stagione di Musica antica e barocca Regie Sinfonie e alla 20a edizione della stagione concertistica di Milano Classica. Inoltre, si è esibito a Parigi nella Chiesa di Saint Martins du Champs. Nel 2013 ha partecipato al X Concorso corale regionale organizzato da ACP classificandosi 3° posto e, nel dicembre dello stesso anno, ha pubblicato il suo primo CD, Incantando. Il coro è diretto da Maurizio Fornero e accompagnato al pianoforte da Alberto Rainetti. Diplomato in organo e composizione organistica, pianoforte e clavicembalo, Maurizio Fornero svolge da anni un’intensa attività concertistica come solista nonché in formazioni cameristiche che lo ha portato a esibirsi in festival nazionali e internazionali di musica antica e barocca.

Domenica 29 agosto a Ceresole Reale (TO) alle ore 15,00 si esibisce il Coro La Manda di Hône (AO), direttore Nicola Forlin. Il concerto si terrà presso il Lago di Ceresole - Diga Iren (in caso di maltempo Salone Parco Grand Hotel di Ceresole Reale).

Il coro La Manda è nato nel mese di gennaio 2006 per volontà di un piccolo gruppo di amici appassionati di canto sotto la direzione del Maestro Antonio Forlin. Il coro La Manda ha sede a Hône e prende il nome dall'alpeggio “La Manda”, montagna di Pontboset che fa da cornice al paese che lo ospita. Nel maggio del 2007 si è costituito come associazione e si è dotato di uno statuto; nel giugno del 2007 si è iscritto all'A.R.CO.VA. (Associazione Regionale Cori Valdostani). Dal 2009 la direzione è affidata al giovane Maestro Nicola Forlin, che ha rinnovato  il gruppo e ha inserito nel repertorio del coro nuovi canti provenienti da tutto il mondo. Il coro La Manda è composto da 35 membri: soprani, contralti, tenori, bassi provenienti da varie zone della bassa Valle d’Aosta.

Quinto appuntamento della rassegna a Locana (TO) sabato 4 settemre alle ore 21,00: nella piazza antistante alla Chiessa del Cantellino - via Roma (in caso di maltempo tensostruttura Piazza Gran Paradiso) si esibirà il Coro CAI UGET di Torino, Direttore Andrea Giovando.

La storia del Coro inizia da un ridottissimo nucleo di amici, appassionati di montagna e aderenti alla Sezione UGET (Unione Giovani Escursionisti Torinesi) del Club Alpino Italiano. Riuniti intorno a Gilberto Zamara, i ragazzi iniziano nell’immediato dopoguerra ad imparare ed eseguire seriamente le canzoni cantate fino ad allora solo nelle gite o nei ritrovi conviviali. Gli inizi sono molto laboriosi e solo la passione e la costanza di maestro e coristi portano ad arricchire il repertorio, sulla scia del Coro SAT di Trento, antesignano del canto di montagna. Il carisma di Gilberto rende in breve tempo il Coro Cai Uget una delle realtà corali più apprezzate; si arriva presto all’incisione dei primi LP e alla pubblicazione di due volumi di spartiti della serie “Passa Parola”. Nell’azione di recupero dei canti popolari emergono Gino Mazzari e Mario Allia, due maestri dell’armonizzazione a cui si devono brani che sono tuttora alla base dell’identità musicale del Coro.

 

Alla prematura scomparsa di Gilberto la direzione passa a Mario Allia, il quale nei 20 anni seguenti amplia gli orizzonti corali con l’inserimento di brani tratti dalla musica sacra o da quella contemporanea e in genere non trascurando i legami con tutta la musica regionale italiana. All’inizio degli anni 90 entra a far parte del coro un primo gruppo di otto voci giovani e subito affiatate che permette di dare continuità alla formazione; tra loro spicca il giovanissimo Beppe Varetto che subentra alla direzione nel 2002: il suo ingresso è determinante per entusiasmo e competenza musicale e permette al coro, insieme all’arrivo di nuovi giovani coristi, di migliorare costantemente il livello qualitativo. Fin dai primi anni il Coro CAI UGET ha cantato per scopi benefici, ma solo negli anni più recenti ha voluto rendere ufficiale questa sua realtà divenendo sotto il profilo giuridico Associazione di Volontariato – Onlus. Attualmente numerosissime incisioni discografiche, testi musicali e circa un migliaio di concerti in Italia e all’estero hanno portato il Coro a superare la soglia dei sessantacinque anni di attività.

Ultimo appuntamento a Valprato Soana (TO) domenica 5 settembre alle ore 16,30. Presso il cortile del Padiglione della Pro Loco località Sacairi (in caso di maltempo Padiglione della Pro Loco) si esibisce il Coro Le Chardon di Torino, diretto da Fabrizio Barbero.

Il Coro Le Chardon è nato nel 1983 prendendo nome dal cardo di montagna. La tenacia e la determinazione con cui questo caratteristico fiore cresce sui terreni più impervi e sopravvive in condizioni difficili sono specchio fedele dell'impegno del Coro nel perseguire i propri obiettivi, il più importante dei quali resta quello di divulgare il canto corale, anche nei suoi aspetti meno tradizionali o inediti. Nel 2009, in seguito ad una profonda trasformazione, Le Chardon ha mutato la propria denominazione in Gruppo vocale. Direttore e repertorio Il gruppo è diretto fin dalla fondazione da Fabrizio Barbero, diplomato in pianoforte al Conservatorio di Torino, autore e armonizzatore di diversi brani cantati dal Coro. Il repertorio include inoltre canti di montagna, della tradizione piemontese e composizioni contemporanee ispirate al mondo popolare e al rapporto dell'uomo con la natura. Negli ultimi anni il repertorio si è ulteriormente ampliato con incursioni sempre più frequenti nella musica sacra e dall’altra parte verso il Pop

I concerti eseguiti sono circa 400, una cinquantina dei quali nella formazione denominata Gruppo vocale.

L'Associazione Cori Piemontesi vede la sua fondazione nel 1980 a Torino; dal 1982 si è costituita in associazione senza fini di lucro. A partire dall’anno 2012 ha sede legale a Verbania Fondotoce. Nel 2015 si è costituita come APS (Associazione di Promozione Sociale). Essa ha come scopo la promozione della coralità in ogni sua forma, attraverso l’organizzazione di incontri ed eventi di carattere culturale e artistico sul territorio piemontese, la promozione dell’attività concertistica corale con l’organizzazione di corsi per coristi e direttori, la diffusione e valorizzazione dell’attività corale nelle scuole, il consolidamento delle attività corali del territorio.

 

E’ membro della Federazione Nazionale Associazioni Regionali Corali (FENIARCO) rappresentante la coralità italiana nel mondo.

 

L'Associazione Cori Piemontesi mette in rete circa 250 cori iscritti su tutto il territorio regionale, per un totale di circa 7000 coristi, e risulta essere l’unica associazione di indirizzo corale di tale portata e diffusione presente sul territorio della regione Piemonte.

 

Biografia Presidente A.C.P. Ettore Galvani

 

Nato a Torino il 21 ottobre 1964, il M° Ettore Galvani inizia la sua attività curando la direzione artistica del coro Voci Nuove (1980-1983), coro di voci bianche formato da 90 bambini tra i 7 e gli 11 anni. Nel 1983 fonda e dirige fino al 1988 il Gruppo Corale S. Valfrè, coro da camera composto da 20 elementi con repertorio rinascimentale-barocco.

Nel 1984, durante il servizio militare, diventa direttore del coro della Brigata Alpina Taurinense rimanendo in carica per nove mesi.

Nel 1986 viene chiamato alla direzione della Corale Carignanese.

Dal 1989 al 1991 ricopre la carica di Segretario Regionale e responsabile per la provincia di Torino in seno ad Associazione Cori Piemontesi.

Fino al 1997 è consulente del Coro della Brigata Alpina Taurinense in armi.

Nel 1999 pubblica, per tipi della Daniela Piazza Editore, il volume Canti popolari Piemontesi - dal Piemonte all'Europa, un'analisi sulla storia e la diffusione di quattordici canti popolari preceduta da una introduzione storica sull'evoluzione degli studi condotti da vari etnomusicologi a partire dai primi anni del '700. La collaborazione tra l’Editore e il Maestro continua con altre raccolte monotematiche, andando così a costituire il corpus centrale della sua ricerca etnomusicologica in Piemonte:

 

Bravi Soldà, Canti della Prima Guerra Mondiale (2000)

Canti Popolari Piemontesi, dal Piemonte all’Europa, vol. I (I Ed.1999; II Ed. 2007)

Canti Popolari Piemontesi, dal Piemonte all’Europa, vol. II (2004)

Son Tre Re, Canti natalizi della tradizione popolare

Canti Popolari Piemontesi, dal Piemonte all’Europa, vol. III (2006)

A la matin bonora, Canti del lavoro e del carnevale

Canti Popolari Piemontesi, dal Piemonte all’Europa, vol. IV (2010)

Vestì da Melitàr, 1821-1918 Dal Risorgimento alla

Prima Guerra Mondiale

Canti Popolari Piemontesi, dal Piemonte all’Europa, vol. V (in lavorazione)

Resistere per Amore, 1919-1945 Un’Italia in rinnovamento.

 

Dal 1988 ad oggi ha elaborato per la Corale Carignanese (dal 2018 divenuto Coro Città di Carignano) oltre 150 canti tradizionali dell’area piemontese ed ha curato la realizzazione dei 14 CD che il coro ha prodotto in questi anni.

Nell’ottobre 2009 viene insignito dall’AERCO, Associazione Emiliano Romagnola Cori, del “Premio Nazionale Mario Fontanesi” con la motivazione:

 

“Ricercatore instancabile di cultura popolare dotato di notevole sensibilità e profonda conoscenza della cultura corale, confeziona prestigiose raccolte di saggezza popolare. Ispirato sempre da un attento studio della comunicazione dei contenuti, contribuisce con il suo operato ad elevare il prestigio della coralità italiana”.

 

Nell’aprile del 2010, in relazione al premio ricevuto, viene chiamato dalla Presidenza dell’Associazione Cori Piemontesi (ACP) a coordinare la ricerca storica ed etnomusicale sul territorio piemontese dei brani che andranno a formare il terzo volume della collana Voci & Tradizioni nonché a curare l’introduzione etnomusicale dello stesso volume anche sotto il profilo glottologico delle parlate presenti sul territorio pedemontano.

È stato consulente musicale del Borgo Medievale - Fondazione Torino Musei per la quale ha curato i concerti, nel 2011 e 2012, dell’evento Noël, Canti di Gioia dal Medioevo, rassegna corale incentrata su Noël natalizi francesi del XV secolo, in collaborazione con l’Università di Torino.

 

Dal 2013 al 2018 cura l’evento Molte voci, un solo canto, rassegna corale dal gregoriano al madrigale, sempre presso il Borgo Medievale. Ha insegnato “Storia, Diffusione e Pratica del Canto Popolare Piemontese” all'Università della Terza Età nelle varie sezioni di Torino.

Dal 1° ottobre 2012 è Presidente dell’Associazione Cori Piemontesi.

Nel febbraio 2017 gli è stata affidata la Direzione Artistica delle attività corali dell’adunata Alpini di Treviso 2017 che si è articolata in 45 concerti con la partecipazione 115 gruppi corali e del 1° Concorso Nazionale di Composizione “Una Canzone per l’adunata”.

 

Dal 2017 è direttore artistico del Festival Città di Carignano che, con cadenza biennale, vede protagonisti nella cittadina sabauda docenti di caratura nazionale per i workshop e cori provenienti da molte regioni italiane.

Dal 19 marzo 2017 è Presidente della Feniarco - Federazione Nazionale Associazioni Regionali Corali.

Nel 2018 con il D.M n. 110 del 07/02/2018 viene designato come nuovo componente del Comitato nazionale per l’apprendimento pratico della musica che svolge attraverso l’applicazione dell’art. 1 del suddetto DM “compiti di supporto, consulenza, progettazione, coordinamento, monitoraggio e proposta nei confronti dell’Amministrazione centrale impegnata nella definizione dei contenuti culturali e didattici, dei requisiti professionali, logistici e strutturali necessari per la realizzazione di percorsi formativi incentrati sullo sviluppo delle competenze musicali degli alunni, anche in riferimento alla pratica vocale e strumentale, sulla base dei Regolamenti attuativi dell’articolo 64 del Decreto legge n. 112/2008, convertito con modificazioni dalla Legge n.133/2008 citato in premessa e della legge 13 luglio 2015, n. 107.

 

Per informazioni:     
Associazione Cori Piemontesi
0323.496313

www.associazionecoripiemontesi.com
info@associazionecoripiemontesi.com

 

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 23/07/2021