«Il Re Soldato e il Milite Ignoto: la riscossa della monarchia statutaria (1919-1921)», a Vicoforte (Cuneo)

Un Convegno di Studi nel Centenario del Milite Ignoto, organizzato da Associazione Giovanni Giolitti, Associazione di Studi sul Saluzzese e Consulta dei Senatori del Regno

Il 4 novembre 1921 venne tumulata all'Altare della Patria la Salma del Milite Ignoto. Fu e rimane la manifestazione di unità nazionale più ampia e partecipata della storia d'Italia. Scelta il 28 ottobre da Maria Bergamas, madre di un Caduto, tra undici salme di militari non identificati raccolte nella Basilica di Aquileja, la Salma fu trasferita a Roma in treno tra due ali ininterrotte di cittadini in preghiera e meditazione. Il 2 novembre dalla Stazione Termini fu traslata a Santa Maria degli Angeli, seguita da un corteo aperto dal re. La mattina di due giorni dopo Vittorio Emanuele III attese la Bara all'Altare della Patria, dinnanzi al Sacello della Dea Roma, ove fu tumulata nell'immensa commozione dei presenti e di tutti gli italiani, idealmente presenti col suono delle campane echeggianti da tutto il Paese.

Il Re celebrò l'unione tra istituzioni e popolo. Quale Messaggio inviò l'Ignoto Milite ai compatrioti? Dopo tre anni di disordini e polemiche iniziava l'era della pacificazione e della solidarietà civile?

La genesi e il significato della Cerimonia sono al centro del convegno “Il Re Soldato e il Milite Ignoto: la riscossa della monarchia statutaria (1919-1921)” organizzato da Associazione Giovanni Giolitti, Associazione di Studi sul Saluzzese e Consulta dei Senatori del Regno con egida di Comando Militare Esercito Piemonte, Centro Studi Piemontesi, Associazione Nazionale ex Allievi della Nunziatella, Istituto di Studi Politici Giorgio Galli, UniTre Milano, Gruppo Croce Bianca (Torino) e Istituto Italiano per gli Studi Filosofici (Napoli).

Studiosi di chiara fama (colonnello Carlo Cadorna, generale Antonio Zerrillo, Giuseppe Catenacci, GianPaolo Ferraioli, Dario Fertilio, Luca G. Manenti, Aldo G. Ricci, Tito Lucrezio Rizzo, Giampaolo Romanato, Aldo A. Mola, Giorgio Sangiorgi, Alessandro Mella, Gianni Rabbia e Carlo M. Braghero) illustrano vari aspetti del significato storico, politico, “mitico” ed “esoterico” della Tumulazione.

Il Convegno si svolge sabato 9 ottobre 2021 (dalle h. 10:15 Alle 19:15) a Vicoforte (Cuneo), nella Casa Regina Montis Regalis, attigua al Santuario ove dal dicembre 2017 riposano le Salme di Vittorio Emanuele III e della Regina Elena. L'accesso ai Lavori (Sala Beata Paola) e l'intervento nel dibattito conclusivo sono liberi sino a esaurimento dei posti, nel rispetto delle norme vigenti.

Fonte: Associazione di Studi Storici Giovanni Giolitti www.giovannigiolitticavour.it

Per informazioni:

siti www.giovannigolitticavour.it - www.consultadeisenatoridelregno.it

Casa Regina Montis Regalis (ampio parcheggio gratuito): 0174.565.300

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 24/09/2021