«Gli iconemi di un parco», ricerca fotografica di Viviana Rubbo e Alessandro Guida

Il Progetto Luigi sul territorio dei 5 Laghi di Ivrea (Torino), nel documentario della Direzione Comunicazione della Cittą Metropolitana di Torino

Si intitola “Gli iconemi di un parco” ed è un documentario realizzato dalla Direzione comunicazione e rapporti con i cittadini e i territori della Città Metropolitana di Torino in cui, in poco più di 10 minuti, si racconta la ricerca fotografica svolta da Viviana Rubbo e Alessandro Guida del gruppo di lavoro Paesaggisensibili (vedi www.paesaggisensibili.org) nel territorio dei 5 Laghi di Ivrea, interessato dal progetto europeo LUIGI-Linking Urban and Inner Alpine Green Infrastructures, finalizzato a individuare, mappare e valorizzare i servizi ecosistemici.

La Direzione comunicazione istituzionale della Città Metropolitana ha candidato il documentario al Festival del Cinema sulle Foreste, che è in programma a Bergamo nel mese di novembre ed è inserito nel circuito “Spirit of the Mountain”, che si configura come un network di festival dedicati alla montagna e radicati in citta? e periodi diversi.

concorsi cinematografici del circuito si svolgono in citta? e località che, come Sestriere, Bergamo, Verona e Pontresina, per collocazione geografica o vocazione hanno a cuore i temi proposti e che intercettano l’interesse ed il consenso di un ampio pubblico di cinefili, escursionisti ed appassionati. 

Ognuna delle rassegne è un’occasione privilegiata per far conoscere la ricchezza dei territori e la storia delle loro genti, attraverso lo sguardo di registi sensibili a queste tematiche.

Il festival che si terrà a Bergamo in novembre è dedicato alle foreste tropicali, mediterranee, temperate e boreali, ma anche a quelle localizzate dentro e attorno agli ecosistemi delle comunità urbane, alle risorse agroalimentari, agli animali e ai popoli che vivono all’interno delle foreste, ai canti, alle musiche popolari e ai suoni della natura, all’esplorazione, alla letteratura, alla mitologia e ariti religiosi legati alle foreste, ai parchi e alle aree naturali protette.

Per vedere nel canale YouTube della Città Metropolitana il documentario della Direzione comunicazione e rapporti con i cittadini e i territori:

https://www.youtube.com/watch?v=9aiFKMMl9_4

 

IL PROGETTO LUIGI: COS’È E COSA SI PROPONE

 

Nell’ambito del progetto LUIGI, la Città Metropolitana di Torino ha inserito proprio i 5 Laghi come area pilota su cui intende lavorare. Il Sito di interesse comunitario comprende porzioni di territorio dei Comuni di Borgofanco d’Ivrea, Burolo, Cascinette d’Ivrea, Chiaverano, Ivrea e Montalto Dora, con una superficie totale di 1.599 ettari.

L’area è stata dichiarata Zona Speciale di Conservazione nel 2016, con misure di conservazione specifiche. La Regione Piemonte ne ha delegato la gestione alla Città Metropolitana di Torino nel giugno 2018. Su richiesta dei Comuni interessati, la Direzione sistemi naturali della Città Metropolitana ha elaborato la proposta di istituzione un parco naturale, di competenza della Regione Piemonte.

L’istituzione della nuova area protetta è l’occasione per costruire un nuovo sistema di governance ambientale, che può creare i presupposti per una gestione più efficace degli habitat e delle specie animali e vegetali identificati dalle Direttive Habitat e Uccelli dell’Unione Europea. 

Lvalutazione biofisica, qualitativa e quantitativa dei servizi ecosistemici prodotti dagli habitat tutelati può fornire agli amministratori locali strumenti di gestione e di autofinanziamento delle attività di tutelaGli strumenti di autofinanziamento che la Città Metropolitana intende valutare e sviluppare sono i Pagamenti per i servizi ecosistemici e ambientali PSEA previsti dalla legge 221 del 2015, i meccanismi come la commercializzazione di crediti di carbonio previsti da leggi e decreti della Regione Piemonte, i permessi negoziabili, le tasse per l’utilizzazione dei servizi, le attività commerciali innovative e le donazioni.

In questo contesto, il racconto fotografico è stato individuato come uno strumento di ricerca, per tornare a guardare il paesaggioleggerne i caratteri costitutivi e comprenderne i fattori e le dinamiche di trasformazioneLa ricerca fotografica si compone solo d’immagini, ma è il frutto di un lungo percorso, lento e dilatato nel tempo, fatto di ascolto, sopralluoghi, avvicinamento e attraversamento del territorio. Un percorso che vede coinvolti le comunità e i saperi locali, gli amministratori e gli esperti di settore.

"Esploriamo lo spazio guidati da queste narrazioni, ricercando quegli elementi del paesaggio che appartengono all’immaginario individuale e collettivo. - spiegano Viviana Rubbo e Alessandro Guida - Questi frammenti, sono quello che il geografo Eugenio Turri chiamava iconemi, unità elementari della percezione che esprimono la peculiarità di un luogo".

È attraverso la comprensione e la ricomposizione di questi elementi che si pongono le basi per un nuovo immaginario ed una nuova rappresentazione del territorio.

 

Fonte: Ufficio Stampa Città metropolitana di Torino.

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 02/10/2021