Stefano Marino conclude la stagione di Organalia 2021, a Tonengo di Mazzè (Torino)

Il ventitreesimo e ultimo concerto della stagione autunnale è in programma nella chiesa parrocchiale di San Francesco d'Assisi

Il ventitreesimo ed ultimo concerto della stagione autunnale Organalia 2021 è in programma domenica 3 ottobre alle 16 nella chiesa parrocchiale di San Francesco d’Assisi a Tonengo di Mazzé.

Alla consolle dell’organo costruito da Carlo Vegezzi Bossi nel 1891, restaurato nel 2007 da Thomas Waelti, siederà Stefano Marinoorganista titolare della Cattedrale di Torino.

Il programma antologico permetterà al pubblico degli appassionati di musica organistica di scoprire le diverse sonorità e timbriche dello strumento.

Il pomeriggio sarà aperto dalla “Marche-Gavotte” di Georg Friedrich Händel, nella trascrizione curata dal francese Théodore Dubois.

Il brano è tratto dall’oratorio Joshua (HWV 64) che fu composto in un mese, fra il 19 luglio 1747 e il 19 agosto 1747, sei mesi prima l'inizio della stagione degli oratori. 

È il quarto oratorio basato su un libretto di Thomas Morell fu eseguito per la prima volta il 9 marzo 1748 al teatro Covent Garden di Londra.

Seguiranno due pagine di Johann Sebastian Bachi Preludi al Corale “Nun komm, der Heiden Heiland” (BWV 659) e “Wachet auf, ruft uns die Stimme” (BWV 645). 

A seguire la Prima Sonata in Sol minore del compositore alsaziano di nascita e statunitense d’adozione René-Louis Becker, la Sonata in Do minore-maggiore opera 65 numero 2 di Felix Mendelsshon-Bartholdy e la “Suite du premier ton” del compositore canadese contemporaneo Denis Bédard. 

Il concerto è organizzato in collaborazione con il prevosto don Alberto Carlevato.

L’accesso del pubblico è possibile trenta minuti prima dell’inizio del concerto, con ingresso a libera offerta e con l’esibizione del Green Pass.

Il circuito Organalia 2021 può contare su di un contributo della Fondazione CRT (maggior sostenitore) e sui patrocini della Giunta e del Consiglio regionale del Piemonte, della Città Metropolitana di Torino e del Pontificio Consiglio per la Cultura.

Per saperne di più si può consultare il portale Internet www.organalia.org o scrivere a info@organalia.org

 Fonte: Ufficio Stampa Città metropolitana di Torino.

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 29/09/2021