Torino. La conferenza di avvicinamento all’edizione 2022 di VTM

Confronto aperto su guida autonoma, connettività, mobilità intelligente e sostenibile, testing, elettrificazione dei veicoli. batterie, idrogeno, sistemi di propulsione innovativi.

Sono stati numerosi e di grande interesse gli argomenti trattati durante la giornata di avvicinamento all’edizione 2022 di VTM Torino – Vehicle & Transportation Technology Innovation Meetings (30-31 marzo), business convention che riunisce la comunità industriale della mobilità: produttori di veicoli, fornitori di componenti, istituzioni, società di ingegneria e fornitori di servizi.

 

L’evento, tenutosi martedì presso il Centro Internazionale di Formazione dell'ILO, é stato sostenuto da Regione Piemonte e Camera di commercio di Torino ed organizzato dalla società internazionale specializzata abe – advanced business events in collaborazione con Ceipiemonte.

 

Ad aprire i lavori i saluti dell’assessore all’Internazionalizzazione della Regione Piemonte, secondo il quale il Piemonte ha radicata nel suo Dna la storia dell’automotive ma ora per continuare a produrre e a creare lavoro occorre affrontare il mercato con competitività, intuito e voglia di fare rete.

 

E VTM è un segnale di partenza vera che mira a guardare a quelli che saranno i prossimi sette anni anche grazie alla programmazione dei fondi europei.

 

Sono poi intervenuti i presidenti della Camera di commercio di Torino, che ha affermato che in un momento in cui questo settore attraversa un cambiamento epocale è ancor più importante che sia proprio Torino il luogo in cui si discute e si progetta l’auto di domani, di Confindustria Piemonte, che si è soffermato sul fatto che oggi si può costruire una nuova fase produttiva dove guida autonoma, intelligenza artificiale e manifattura 4.0 si integrano per una ripartenza che si basa su competenza, responsabilità e coraggio, e di Ceipiemonte, che ha ricordato come il suo ente affianca le imprese del territorio e le accompagna nel percorso di crescita all’estero proponendo ai committenti di tutto il mondo la filiera completa grazie al progetto “Automotive & Transportation” promosso dalla Regione.

 

Successivamente, la comunità internazionale della mobilità e dei trasporti terrestri si è confrontata sulle tematiche industriali di maggiore interesse, come la guida autonoma, la connettività, la mobilità intelligente, il testing, l’elettrificazione dei veicoli, le batterie, l’idrogeno, i sistemi di propulsione sostenibili e innovativi.

 

In particolare, sono stati approfondite le sfide e le opportunità riguardanti i veicoli elettrici, ibridi e a idrogeno, la connettività, la sicurezza informatica, la micromobilità, la produzione avanzata.

Tra i temi affrontati anche le opportunità commerciali e di sviluppo per le industrie locali che possono derivare dalle trasformazioni in corso nella mobilità e nei trasporti.

Tra i relatori amministratori e manager di Intesa Sanpaolo (sponsor principale), Stellantis (industrial partner dell’evento), di importanti aziende internazionali come Accenture, AVL, Blue Engineering, Continental Engineering Services, CSI, DACA-I, FEV, Keysight Technologies, Punch, Sabelt, Thales Alenia Space e Vishay Intertechnology.

 

Partner tecnici dell’evento sono Anfia, Politecnico di Torino, Università di Torino e Università del Piemonte orientale, mentre API, Confindustria Piemonte, Amma e Unione Industriale di Torino sono i partner locali.

 

A caratterizzare l’avvicinamento a VTM 2022 sarà anche la conferenza sulla “Advanced and Urban Air Mobility”, la nuova frontiera del trasporto urbano nella quale si confronteranno aziende operanti nel settore automotive e aerospaziale il 2 dicembre prossimo nell’ambito di Torino Aerospace & Defense Meetings.

 

Il Piemonte e il suo capoluogo Torino sono il cuore pulsante nell’industria automotive e dei trasporti italiana e della tecnologia europea per l’auto e la mobilità.

 

Qui sono presenti key player nazionali e internazionali, una catena di fornitura completa e competitiva, centri di ricerca e sviluppo e una rete di istituzioni, centri di ricerca e sviluppo, laboratori, incubatori di imprese e università di prim'ordine, tra cui un'accademia di ingegneria di fama mondiale. Insieme sviluppano e perfezionano sistemi e processi produttivi innovativi per migliorare l'efficienza dei trasporti e contribuiscono contribuisce fortemente al posizionamento della regione tra i maggiori cluster, non solo in Europa, ma a livello globale.

 

La produzione automobilistica e dei trasporti piemontese vanta l'intera filiera dalle fasi iniziali ai prodotti finali, dal concept del veicolo fino alla sua produzione: progettazione, prototipazione, styling, robotica e automazione, componenti e produzione di massa, industrializzazione del prodotto e test di guida.

La catena di fornitura offre anche forti competenze nel campo dell’architettura elettrica ed elettronica, inclusi i sistemi di conversione energetica, i sistemi di comunicazione real time, i sistemi avanzati di interfaccia uomo-macchina e per il controllo da remoto.

Inoltre, il ruolo dell'industria meccanica, della R&S e del design è strategico a tutti i livelli. La forte leadership del Piemonte nella robotica e nella meccatronica ha favorito l'innovazione, l'automazione e l'efficienza dei costi lungo l'intera catena di fornitura anche mediante l'adozione diffusa di processi di fusione per materiali leggeri e di nuove tecnologie come l'additive manufacturing (stampa 3D).

Tradizionalmente il Piemonte è la culla della componentistica automotive italiana ed è la regione che registra circa il 45% dei ricavi del settore automotive nazionale (Fonte: "Automotive Industry 2020" di ITA - Italian Trade Agency).

 

Per meglio comprendere e conoscere la rilevanza della componentistica in Piemonte

Fonte: Osservatorio sulla componentistica automotive italiana 2020 realizzata dalla Camera di commercio di Torino, da ANFIA e dal Center for Automotive and Mobility Innovation (CAMI) del Dipartimento di Management dell’Università Ca’ Foscari Venezia.

 

736 imprese piemontesi il 33,5% delle imprese italiane di componentistica.

18,6 miliardi di euro di fatturato, il 38% del fatturato italiano.

60.300 addetti, il 37% degli addetti italiani.

 

In Piemonte le aziende stanno sviluppando tecnologie e soluzioni sempre più distintive nei campi dell'elettrificazione, della connettività, della guida autonoma, della mobilità sostenibile e condivisa, dei Big Data e dei software-defined vehicles, proiettando l'intero territorio verso nuove sfide e nuovi mercati.

In Piemonte è possibile trovare tutto il know-how per lo sviluppo, l'integrazione e la produzione di veicoli elettrici e tutte le soluzioni e i servizi per la mobilità elettrica completa, compresi lo stoccaggio e la distribuzione dell'energia.

 

Inoltre, le imprese piemontesi stanno lavorando a nuovi e innovativi concept di mobilità intelligente che integrano veicoli e infrastrutture attraverso l'applicazione di tecnologie digitali avanzate.

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 30/09/2021