«Un Fantastico Sogno», a Torino

Mostra del pittore torinese Giovanni Salvaro presso Lo Scarabocchio Saletta d’Arte

A Torino, presso Lo Scarabocchio Saletta d’Arte di Ciro Spinapolice, in via Domodossola n. 44, in Borgata Parella, dal 16 ottobre è in corso di svolgimento la Mostra del pittore torinese Giovanni Salvaro, dal titolo “Un Fantastico Sogno”.

Giovanni Salvaro, scultore, pittore, è nato a Torino nel 1956, dove vive e lavora.

Ha compiuto un suo personale percorso formativo, affiancando alla laurea in scienze politiche studi di carattere artistico, tra cui un Laboratorio di scultura presso l’Accademia Albertina di Torino, col conseguimento della laurea specialistica in Decorazione.

Presso lo Scarabocchio sono in mostra sia suoi quadri che sculture.

Queste opere di Salvaro paiono nascere da un fantastico sogno dell’artista e le sue creazioni si presentano come frutto di una introspezione che esita talvolta in lavori di forte impatto emotivo. Salvaro è un personaggio ribelle agli schemi, dal forte impegno in campo sociale. Una delle sue tematiche è quella dell’infanzia abbandonata, del giocattolo autoprodotto che può esitare nella realizzazione di sculture.

Per questa sua produzione che presenta sogni e incubi, un critico ha parlato di “teatrini terrorifici”. In effetti, alcune delle opere in mostra che propongono inquietanti creature mostruose, mi hanno riportato alla mente il racconto horror di Howard Phillips Lovecraft “Il modello di Pickman” (Pickman's Model), osservazione certo non da critico d’arte ma da appassionato lettore dello scrittore statunitense.

La Mostra, che resterà aperta fino al 6 novembre 2021, comprende anche opere di pittori ospiti della Galleria: Alessandro Riccardo, Alina Somesan, Antonio Cannata, Ciro Spinapolice, Elio Pastore, Laura Rodino, Maria Grazia Fiore, Pietro Municchi.

Ciro Spinapolice vive e lavora a Torino.

Pittore astratto, conduce una sua personale ricerca che nasce dalla più remota oscurità dell’animo, libero di un perfezionismo maniacale, basata su una semplificazione delle forme. Segno, Gesto, Colore, Materia: sono questi i punti fermi e sicuri da cui partire per capire la poetica fatta di tacite urla colorate, veicolati direttamente ai nostri sentimenti, e aprire il cuore e la mente di chi osserva orizzonti dell’inconscio umano, soltanto apparentemente imperscrutabili.

Elio Pastore è nato a Torino e vive a Giaveno (TO).

Il suo percorso artistico, iniziato con l’arte digitale (arte frattale, pittura digitale, rendering, incisioni laser su alluminio), si è poi esteso alle tecniche miste e infine ai disegni e dipinti realizzati con tecniche classiche.

L’orario della Mostra “Un Fantastico Sogno”, che resterà aperta fino al giorno 6 novembre 2021, sarà da martedì a sabato, dalle ore 15:00 alle 19: 30.

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 23/10/2021