Grinzane Cavour (Cuneo) - L’evoluzione di un territorio di Langa

Dal sito di origine, a patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, dalle lettere inedite dello statista Camillo Benso conte di Cavour che per diciassette anni è stato sindaco della località, allo sviluppo industriale e tanto altro raccontato in due splendidi volumi del professor Luigi Cabutto

Il professor Luigi Cabutto nativo di Grinzane e precisamente della frazione Gallo, con  la sua competenza,  le testimonianze  raccolte tra i tavoli della locanda – che i genitori gestivano - quando  era ragazzo, poi in veste di amministratore del Comune, successivamente  nel ruolo di Sindaco che per dieci anni ha governato  la cittadina accogliendo personalità politiche, scrittori provenienti  da diverse parti del mondo, un  presidente della repubblica italiana in visita ufficiale.

Tutto questo  e tanto altro  è stato raccontato nei due volumi,”Grinzane Cavour, l’evoluzione di un territorio di Langa”, pubblicati dalla casa editrice Edizioni Langhe Roero Monferrato. Chi … viene al mondo su queste colline, vi nasce già con il  senso del bello e della storia; lo ha dentro, lo ha davanti agli occhi nella vita, nel paesaggio che lo circonda, anche se ancora non lo può sapere”,inizia così il racconto di Luigi Cabutto sul primo volume di Grinzane Cavour l’evoluzione di un territorio di Langa.

Tutti i due libri  presentano una suggestiva raccolta di immagini, la maggior parte a colori, ma anche una  folta rappresentanza  in bianco e nero dedicata alla realtà passata. Il racconto effettuato viene fatto in capitoli e sono presentati in ordine cronologico, ma ogni capitolo può essere letto come un racconto  a sé stante ed inerente all’argomento  che si propone di trattare.

Ogni testo presentato viene accompagnato da una accurata documentazione fotografica, appositamente realizzata dal fotografo  Enzo Massa. Storia  di arte costume imprenditoria commercio  di Grinzane, che la notorietà della splendida cittadina – oltre allo splendido paesaggio dei vigneti - è diventata anche nota al mondo  dallo statista Camillo Benso conte di Cavour,  che per diciassette anni è stato sindaco della località, e  nelle stanze del castello, aveva posto la residenza saltuaria. In passato sono state ritrovate lettere di corrispondenza  dello statista, nel libro vengono fotografate e riportate  la traduzione,   perché alcune   di esse sono scritte in  francese.

Il  20 novembre del 2001 Carlo Azeglio Ciampi,  allora   Presidente della Repubblica Italiana si recava in Piemonte per commemorare le celebrazioni del 140° anniversario dell’Unità d’Italia, in quella occasione saliva al castello di Grinzane, perché ricorrevano   anche  i 140° anni della morte dello statista Cavour.  Per la prima volta un capo di Stato italiano si recava a Grinzane, accompagnato dalla moglie signora Franca. Ricevere la copia presidenziale era il professor Luigi Cabutto – autore di questi splendidi volumi – che allora ricopriva  la carica di  Sindaco della cittadina.

Il progetto editoriale si è realizzato,  grazie  al sostegno della   Banca D’Alba, Egea ACA, Gazzetta D’Alba,  e con il patrocinio della Regione Piemonte, Provincia di Cuneo, Città d’Alba, Comune di Grinzane Cavour, i Paesaggi vitivinicoli di Langhe Roero Monferrato e della Casa Editrice Edizioni Langhe Roero Monferrato. Il lettore, capitolo dopo capitolo si renderà  conto che il racconto  è strutturato in modo  che va oltre ai meravigliosi  confini delle Langhe.

Non è circoscritto come qualcuno potrebbe pensare. Nel primo tomo -  dopo la presentazione dell’opera, e  il contributo delle istituzioni –  si parte  descrivendo il sito di origine dove e sorta la località, sono riportati gli esaminati reperti archeologici d’età romana e medievale, conservati nel Museo Civico albese,  fino ad arrivare allo sviluppo urbanistico per poi affrontare, nel secondo volume gli insediamenti industriali  degli inizi del Novecento e tante altre realtà produttive, che hanno riscattato e reso famose le colline del vino.

Un luogo che è un’opera d’arte collettiva, creata nel tempo da generazioni  che hanno identificato la propria vita con gli aspetti e la storia del luogo che li ha visti vivere. In questo territorio vi è un elevato concentrato di eventi, presenze, inventiva  e sfide della mente e dell’ingegno che e valso la pena di essere raccontato.

Questo complesso contenitore di fatti, di cose ed idee si è poi costituito fattore di cultura che oggi vengono individuati come Paesaggi Culturali. Nell’ultima pagina del primo libro è riportata la data del  22 giugno del 2014 quando a Doha (Qatar) nella 38° Sessione World Heritage Commitee UNESCO veniva iscritto il sito”I paesaggi vitivinicoli del Piemonte le Langhe - Roero Monferrato”, l’omaggio più grande che il territorio potesse ricevere.

Il primo volume e composto di sedici capitoli:

“Da Crocevia di Langa a sito UNESCO” ; Il sito di Origine; “Sul territorio di Grinzane: dall’antichità al Medioevo”; “Agricoltura e mondo rurale:note per una origine castellana”; “Inquadramento geologico e mappe catastali del 1700”;”Un significativo insediamento fortificato:origine ed evoluzione”; “Il sito del castello:da torre di avvistamento  a palazzo nobiliare”; “Il paesaggio dei vigneti”; “Le proprietà terriere a Grinzane dei Cavour e degli Alfieri di Sostegno”;”Camillo Benso: amministratore e sindaco”; “Camillo Cavour: un agricoltore innovatore sei lettere inedite”; “La vita contadina a Grinzane tra cronache, corrispondenze e coltivazioni”; “L’evoluzione del paese tra 1800 e 1900”;”Presenze significative  al castello”;”Lo sviluppo urbanistico dall’Ottocento  a oggi”

Luigi Cabutto, nato a Grinzane Cavour nella frazione Gallo, in quell’antica osteria con stazione di posta e stallaggio che è sempre stata della famiglia. La terra di Langa, con i suoi sapori e le sue atmosfere gli è entrata nell’anima tra quei tavoli. Laureato in lettere e storia dell’arte, è stato docente e dirigente scolastico nelle scuole di Barolo, Alba e Canale.

Amministratore comunale di Grinzane Cavour  dal 1975 ne ha ricoperto il ruolo di Sindaco dal 1996 al 2006. L’enoteca regionale degli undici comuni del Barolo lo ha avuto come presidente per tre mandati  consecutivi . attualmente dirige la rivista Le nostre tor della Famija Albeisa.

Enzo Massa, albese di nascita, fotoamatore dai primi anni ottanta, ha da sempre dedicato la sua passione e la sua attitudine a “pensare per immagini” al territorio in cui vive, facendo della sua pratica fotografica un’esperienza promettente ed arricchente. Quest’ultimo viaggio fotografico nel Grinzanese lo ha stimolato alla ricerca di aspetti inediti e particolari di questa terra prestigiosa e gli ha permesso di indagare, con uno sguardo nuovo, gli interni del castello e la sua collocazione  nel territorio circostante.

Ripercorrere i momenti della storia passata di Gallo Grinzane Cavour gli ha consentito, invece, di compiere un viaggio dentro cose, persone ed attimi ormai trascorsi e di riconoscere i significati più profondi. Questa pubblicazione ha rappresentato anche un’opportunità  importante di crescita personale, consentendogli di tessere in libertà quei fili sottili che legano da sempre gli aspetti naturali, umani e spirituali della realtà che ci circonda.

Descrizione immagini

Foto frontespizio volumi

Foto 1: Copertina primo volume

Foto 2 Foto Enzo Massa “Castello di Grinzane Cavour”

Foto 3 lapide posta nel Comune di Grinzane sulla facciata del fronte meridionale del castello

Foto 4  Foto Enzo Massa Paesaggio dei vigneti in versione autunnale

Foto 5: Achille Astolfi, ritratto di Camillo Benso conte di Cavour al castello di Grinzane, donazione del sig. Gianni Giordano

Foto 6 Stemma ed emblema in ceramica dell’Ordine dei Cavalieri del tartufo posto all’ingresso del castello di Grinzane

Le immagini per documentare il testo sono state tratte  dal primo volume: Luigi Cabutto “Grinzane Cavour, l’evoluzione di un territorio di Langa”Edizioni Langhe Roero Monferrato, pp. 463 ill. col e b/n, Alba 2020, s.i.p.

                                                                                                      Continua  

 

 

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 03/11/2021