Grinzane Cavour (Cuneo - Il secondo volume di Luigi Cabutto

Dall’imprenditoria alla stagione letteraria

Le numerose immagini del secondo volume – come per il primo -  dell’autore  professor Luigi Gabutto,”Grinzane Cavour, l’evoluzione di un territorio di Langa”, Edizioni Langhe Roero Monferrato, illustrano come  questa località  abbia avuto e continua ad avere un punto importante di riferimento per l’economia, la storia, non solo territoriale ma anche nazionale e internazionale.

“L’evoluzione di un territorio di Langa”, è un racconto-analisi che si ferma poco più in la della soglia del Duemila. La seconda parte del libro è improntata sull’imprenditoria e sulle opportunità prontamente raccolte nell’attività industriale, del tanto lavoro che ha riscattato la miseria patita un tempo passato. Il corposo lavoro è stato improntato consultando i materiali degli archivi di Stato, degli archivi comunali tra fine Ottocento e inizio Novecento.

I due volumi, che l’autore Luigi Cabutto ha dato alle stampe, fa un immenso regalo non soltanto al suo luogo nativo, ma rende omaggio all’Umanità  intera, anche ai turisti che visitano questi luoghi. Prendiamo ad esempio il primo capitolo  del secondo libro, ”la parrocchia di Grinzane”, dopo lo scorrere delle pagine ricche di opere d’arte che conserva la chiesa Maria Vergine del Carmine, le nostre chiese antiche sono autentici musei, come questa parrocchia oltre a luogo sacro è uno scrigno di bellezza, come  le volte affrescate dal pittore Paolo Gaidano.

Questo pittore dell’Ottocento, di origine poirinese, nominato in tutti i libri d’arte, l’autore lo pone in risalto raccontando un fatto curioso: il ritrovamento di dodici tele dipinte dimenticate riscoperte, per caso a  Gerusalemme durante un pellegrinaggio in Terra Santa nel 2004 da don Ottavio Paglietta. Il  ritrovamento, di queste opere, potrebbe in futuro aprire nuovi scenari e studi sulla figura di questo pittore con la realizzazione di mostre, pubblicazioni, e portarlo a conoscenza del vasto pubblico.

Sul territorio di Grinzane Cavour sono sorte nel Novecento  aziende famose, che tutt’ora sono note non solo in Italia, ma anche nel mondo: come la ditta “Mondo“, la ditta dolciaria  “Sebaste”, “la distilleria Montanaro”, “la ditta Vezza”, la ditta “Impresa edile Prunotto”questa impresa fondata nel 1885, ha lasciato pregevoli opere come la  costruzione della  monumentale  chiesa  di Monforte d’Alba  avvenuta nel 1909.

Tra il 1959 e il 1961, alla ditta Prunotto,  le vennero affidati i lavori di ristrutturazione del castello di Grinzane Cavour. L’istituzione del “Galletto d’oro” avvenuta ventuno anni or sono (1999), con l’obiettivo di premiare le personalità che hanno dato lustro al territorio grinzanese  in modo significativo attraverso le loro attività imprenditoriali, sociali culturali. Lo scopo è quello anche di mantenere alto il nome del Comune di Grinzane Cavour, e farlo conoscere nel mondo.

Nel 2001 il riconoscimento del “galletto d’oro”, è stato assegnato al  presidente della Repubblica Italiana  Carlo Azeglio Ciampi in occasione della visita ufficiale alla cittadina. Infine il capitolo sul  Premio Grinzane Cavour, “una stagione letteraria”, che il professor Cabutto descrive accuratamente passo dopo passo, con luci ed ombre, dalla nascita del premio avvenuta da don Francesco Meotto (Presidente della S.E.I. Società Editrice Internazionale) nel 1981  alla fine infausta che finì il premio,  e la rinascita avvenuta nel 2011 grazie all’impegno della signora Caterina Bottari Lattes che  ha salvato il premio, rifondandolo nel “Premio Bottari Lattes Grinzane”.

Molte cose ci sarebbero molte cose ancora da dire su questa meravigliosa opera libraria. Come per il primo  volume riportiamo l’indice degli argomenti trattati: “La parrocchiale di Grinzane”;”La nuova chiesa e la parrocchia di Gallo”; “La Cassa Rurale e artigiana di Gallo Grinzane”; “Una nuova imprenditoria locale e la nascita delle industrie”; La ditta “Mondo”; La ditta “Sebaste”;La “Distilleria Montanaro”; La ditta “Vezza”; La ditta “Impresa edile Prunotto”; La ditta “Silpa”;”Gli anni della ripresa nel secondo dopoguerra: l’alleanza tra contadini e operai”; “Il Comune ricostruito”; “Associazionismo e Volontariato”; “Tra figure e personaggi”; Il Premio del “Galletto d’Oro”; “La fotografia della memoria”; “I momenti della festa”; “I momenti della scuola”; “I momenti della tradizione”; “Una stagione letteraria il premio Grinzane Cavour”; “Un Patrimonio dell’Umanità”.

Descrizione immagini:

Foto:  Copertina  di Enzo Massa 

Foto 1:  Enzo Massa “Castello di Grinzane Cavour e panorama”

Foto 2: Veduta d’insieme della cupola affrescata da Paolo Gaidano con la “Gloria della Madonna del Carmelo” e quattro profeti

Foto 3:  Manifesto d’epoca

Foto 4:L’immagine si riferisce al 1961 a Grinzane Cavour, scene di vita agraria sull’aia di una cascina con le prime meccanizzazioni agricole

Foto5:Dario Sebaste dietro al bancone di vendita ( foto archivio di famiglia Sebaste Dario)

Foto 6: Foto manifesto d’epoca ”L’8 Delle Langhe”, l’evento rappresenta la rievocazione storica dell’omonima competizione motociclistica che, dal 1928b al 1948 prevedeva la partenza e l’arrivo nella città di Alba. La manifestazione oggi è nota anche come “Trofeo Dario Sebaste” in quanto dedicata all’imprenditore gallese grande collezionista di Moto Guzzi.

Foto7: Foto prima edizione del premio letterario  Grinzane Cavour , allestito sotto le mura del castello

Le immagini che documentano il testo sono state tratte dal secondo volume:  Grinzane  Cavour , l’evoluzione di un territorio di Langa,  di Luigi Cabutto, 431pp, ill. colori e b/n Edizioni Langhe Roero Monferrato, Alba 2920 s.i.p.

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 05/11/2021