Algeria e Marocco: La perenne frattura nel Maghreb

Algeri e Rabat non si sono mai amate. Se solo fossero pi¨ unite avrebbero del potenziale.

Il Marocco e l'Algeria sono, sin dalla loro rispettiva indipendenza, vicini antagonisti. La discordia di confine diede origine a una tenace rivalità, che si acuì con la disputa nel Sahara occidentale, quando Algeri divenne il principale sostenitore del Fronte Polisario (organizzazione socialista per l’indipendenza del Sahara). Questo conflitto incompiuto e la chiusura bilaterale del confine, recintato in alcuni tratti, sono i due maggiori esponenti tangibili di un'inimicizia che tiene disunito il Maghreb.

Algeria e Marocco sono due paesi vicini che condividono storia, cultura, religione, costumi e lingue. Tuttavia, quella che avrebbe potuto essere una solida base per l'unità e la prosperità sociale è stata interrotta molto prematuramente dall'incompatibilità delle ambizioni politiche ed economiche dei leader ostinati su entrambi i lati del confine. Decenni dopo, l'armonia e la fratellanza magrebina continuano a mancare, dietro al filo spinato, i recinti e le sentinelle che separano famiglie e dividono popoli simili.

I due grandi paesi del Maghreb sono nemici stretti poiché entrambi sono stati indipendenti. Dopo la sua guerra d'indipendenza (1954-1962), l'Algeria ereditò il vasto territorio sahariano che i francesi avevano delimitato pesantemente a favore di quello che era il loro dipartimento algerino, a scapito di quella che il Marocco, suo ex protettorato, considerava la sua integrità territoriale. Così, uno degli obiettivi fondamentali del neonato Stato algerino era la conservazione di un territorio con abbondanti ricchezze minerarie.

Tuttavia, la sproporzionata estensione algerina si scontrò con le ambizioni irredentiste marocchine, illustrate nella concezione del ‘Grande Marocco’, promossa negli anni '40 dal leader del Partito dell'Indipendenza Allal el Fasi; mantenuta come aspirazione nazionale in seguito all'arrivo al trono di Hasan II, nel 1961.

Il Grande Marocco comprendeva il Sahara occidentale algerino - una zona nota per essere ricca di ferro e idrocarburi - parte del Mali e tutta la Mauritania. Di conseguenza, dopo l'indipendenza dell'Algeria e il ritiro dei francesi, il Marocco non riconobbe i confini bilaterali decisi dalla Francia nel deserto e iniziò ad acquisire territori che considerava propri. Il conflitto sembrava inevitabile e avrebbe raggiunto la sua massima espressione con l'effimera guerra delle Sabbie (1963), in cui le forze armate marocchine e un embrionale esercito algerino combatterono in diverse posizioni di confine. Il regno alawita del Marocco ottenne una vittoria militare che, tuttavia, non porterà guadagni territoriali, e servirà solo ad infliggere un duro colpo al suo vicino algerino, radicalizzando così il risentimento bilaterale che dura ancora oggi.

Tuttavia, il decennio successivo al “conflitto delle Sabbie” ci fu una certa distensione tra i due vicini, nonostante la corsa agli armamenti da loro avviata e il fatto che ormai avessero già adottato percorsi antagonistici nelle rispettive relazioni internazionali. Il Marocco si è proteso verso il lato occidentale filo-atlantico, mentre l'Algeria ha oscillato verso l’est filo-sovietico, diventando un baluardo per i movimenti di liberazione nazionale di ispirazione socialista e panarabista operanti nel contesto della Guerra Fredda. Con un ingenuo errore di calcolo, il Marocco riconobbe i confini bilaterali con l'Algeria tra il 1969 e il 1972 - pur non ratificando gli accordi di Ifran e di Rabat - sperando che l'Algeria di Boumedin gli desse il suo appoggio di fronte a quello che era diventato l'obiettivo prioritario di il regno alawita: l' acquisizione del Sahara spagnolo. Sebbene in un primo momento l'Algeria non abbia presentato obiezioni, questo paese, nato da un movimento di liberazione nazionale, finirà per scegliere di diventare il principale sostenitore del Fronte Popolare per la Liberazione di Saguía el Hamra e Río de Oro (Polisario, successore del Movimento di Liberazione del Sahara) , fondato nel 1973, e che tre anni dopo proclamò la Repubblica Democratica Araba dei Saharawi (nota anche come Sahara Occidentale).

Sin dalla fondazione, il Polisario organizzò una guerriglia contro le forze di occupazione prima spagnole e poi marocchine. A partire dal 1975, il Polisario si stabilisce a Tindouf, nell'Algeria occidentale. Nello stesso anno, l'ONU riconosce la legittimità del Fronte, e la Corte internazionale di giustizia dell'Aja riconosce il diritto all'autodeterminazione del popolo sahrawi (gli arabo-berberi del Sahara).

L'occupazione marocchina del Sahara occidentale, iniziata con la Marcia Verde - in cui circa 350.000 marocchini, istigati dal loro monarca, si stabilirono in territorio saharawi - avrebbe dato origine a una nuova guerra in cui entrambi sarebbero stati nuovamente coinvolti.

L'Algeria divenne il principale fornitore di armamenti - insieme alla Libia - e rifugio del Polisario, che aveva la sua base operativa nella regione algerina di Tindouf, da dove lanciava i suoi attacchi.

Ci vorrà la fine degli anni Ottanta per avere un nuovo quanto effimero riavvicinamento tra i due antagonisti. La guerra nel Sahara occidentale si era radicata e non sembrava avere una soluzione militare; entrambi i paesi erano stremati dall'alto costo della guerra e dalla crisi economica algerina causata dal forte calo del prezzo degli idrocarburi, un cardine della sua economia . Di fronte a questa situazione, l'ONU ha promosso negoziati di pace che finiranno per promuovere un definitivo ‘cessate il fuoco’.

Nel 1988 i due paesi ristabilirono le rispettive relazioni diplomatiche, che erano state interrotte da quando l'Algeria ha riconosciuto la RASD nel febbraio 1976 e ha riaperto il confine bilaterale. Insieme a questo avvenimento, entrambi i Paesi entreranno a far parte dell'Unione del Maghreb Arabo, iniziativa nata nel 1989 come un promettente esperimento regionale per integrare il Nord Africa sia economicamente che politicamente; ma che sarebbe finito per essere un clamoroso fallimento.

Nel 1994, infatti, finì l'illusoria armonia di quartiere. Nel contesto della guerra civile algerina, il Marocco ha accusato i servizi segreti algerini di essere stati coinvolti nell'attentato terroristico perpetrato da due francesi di origine algerina in un albergo di Marrakech, in cui erano morti due spagnoli. Il regno alawita impose un visto a tutti i cittadini algerini che volevano entrare nel loro Paese, al quale l'Algeria rispose chiudendo il confine bilaterale; chiusura che rimane valida fino ad oggi. Da allora, Algeri ha cercato di collegare il tema dell'apertura delle frontiere alla mera questione dell’indipendenza del Sahara, rifiutandosi di affrontare entrambe le questioni separatamente, ingigantendo così lo scisma già presente col suo vicino.

Nonostante l'arrivo nel 1999 di Re Mohamed VI e del Presidente Buteflika(il leader storico della guerra di liberazione algerina di origine marocchina) ai due capi di Stato la Pace e i rapporti reciproci sembravano promettenti, ma già nel primo decennio del 2000 non ci sarebbero stati progressi significativi. Al contrario, le colluttazioni diplomatiche e le reciproche accuse al vicino di aver fomentato rivolte interne sono stati piuttosto frequenti.

Un settore in cui si è riflessa la tensione nelle relazioni bilaterali fra i due Stati è stato sicuramente quello militare. I due Paesi sono infatti stati protagonisti di una rapida corsa agli armamenti, causata, nel caso algerino, dai generosi introiti degli idrocarburi avuti nel primo decennio del secolo. Nonostante lo sforzo marocchino, il suo budget militare è stato superato dagli algerini a partire dal 2006; e solo negli ultimi anni, a causa della maggiore fragilità economica algerina, ha potuto riprendersi minimamente.

Questo impulso militare ha avuto il risultato di collocare l'Algeria come il paese con il più grande budget militare in Africa - circa un terzo del budget militare, se paragonato al resto del continente - e il quinto al mondo con la più alta spesa militare in relazione al PIL (5,7% nel 2017).

Dal canto suo, il Marocco è il quarto esercito africano in relazione al bilancio. Inoltre, entrambi i Paesi magrebini sono i due maggiori importatori di armi del continente : l'Algeria, il settimo importatore al mondo, ha rappresentato il 52% delle armi importate in Africa tra il 2013 e il 2017, rispetto al 12% delle importazioni marocchine. Come giustificazione, l'aumento della spesa militare è stato sostenuto dall'aumento dell’instabilità regionale nel Maghreb e nel Sahel, a seguito delle “primavere arabe” e con l'aumento della presenza di gruppi terroristici nella regione, come Al Qaeda nel Maghreb islamico, che di fatto trae le sue origini proprio dalla guerra civile algerina.

In campo diplomatico ed economico, gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un'impetuosa attività diplomatica marocchina, in particolare nel Golfo e nel continente africano. Contrasta con la declinante azione estera del suo vicino - altro Paese di riferimento e potenza settentrionale dell'Africa -, illustrata nel fragile stato di salute del suo presidente, costretto a letto su una sedia a rotelle da quando ha subito un ictus cerebrale nel 2013.

Durante il suo regno, Mohamed VI ha visitato una trentina di paesi africani e il Marocco è diventato il secondo investitore africano del continente - superato solo dal Sudafrica - e il primo nella regione dell'Africa occidentale. Insieme a questo, ha promosso il suo soft power religioso attraversoRadio Mohamed VI e l'Istituto Mohamed VI, che fornisce dozzine di borse di studio agli imam subsahariani in formazione ; Nel campo dell'istruzione, circa 10.000 africani subsahariani studiano nelle università marocchine.

Questa vigorosa diplomazia marocchina gli ha dato il vantaggio politico di rientrare nell'Unione Africana, un'organizzazione che ha lasciato nel 1984 per aver accettato la RASD come membro.

Di fronte all'aumento della proiezione internazionale marocchina, Algeri ha cercato di reagire nonostante il brutto momento economico che sta attraversando. Il Paese algerino ha ricevuto negli ultimi anni numerose visite di rappresentanti africani.

Più di recente, scontri e discordie diplomatiche, talvolta al limite del grottesco, sono stati una costante. Ad esempio, nel dicembre 2016 Rabat ha annunciato una massiccia regolarizzazione dell'immigrazione appena una settimana dopo che l' Algeria ha espulso circa 1.400 immigrati subsahariani in Niger , con i quali il governo marocchino ha promesso 116 tonnellate di cibo come aiuto umanitario . Pochi mesi dopo, è stata l'Algeria a ospitare 54 profughi siriani bloccati nel deserto della terra di nessuno, secondo Algeri in Marocco e secondo Rabat in Algeria. Entrambi sono stati accusati di non aver adempiuto ai loro obblighi di accoglienza e il governo algerino avrebbe finito per chiamare il suo ambasciatore in Marocco per consultazioni.

È tristemente paradossale che due paesi che avrebbero potuto essere predestinati a unire i legami continuino a rifiutare uno scambio che porterebbe sicuramente benefici su entrambi i lati del confine. Nella sfera sociale sono paesi praticamente isolati; non c'è modo di andare via terra legalmente e voli e traghetti per il paese vicino sono rari e costosi. Ciò ha portato a un'industria del contrabbando consolidata, nonostante gli sforzi per contenerla, che include prodotti alimentari, carburante e hashish.

Nel campo della sicurezza, lo scisma bilaterale favorisce una totale mancanza di coordinamento nella lotta al terrorismo, preoccupazione pressante per entrambi i Paesi. Economicamente, hanno economie molto complementari, ma entrambi sono costretti a importare prodotti a un prezzo più alto che potrebbero acquistare direttamente dal vicino. La chiusura del confine fa del Maghreb la regione commercialmente meno integrata al mondo: solo il 4,8% del volume degli scambi maghrebini va verso un altro Paese maghrebino; rappresenta meno del 2% del PIL regionale. Con una maggiore integrazione, il PIL individuale di questi paesi crescerebbe di almeno il 5%. Al contrario,devono attraversare città come Marsiglia , Alicante o Almería, il che dimostra quanto sia scomoda e assurda la situazione.

Da un lato, i conflitti che promuovono l'ostilità reciproca restano lontani dall'essere risolti; dall'altro, sia Algeri che Rabat hanno dimostrato che, in fondo, avere un nemico a cui puntare è estremamente utile per coprire le proprie deficienze interne.

La normalizzazione delle relazioni bilaterali dovrebbe essere una priorità politica sia per il Marocco che per l'Algeria. L’odio reciproco che i due Paesi nutrono viene superato di gran lunga solo dal loro rispettivo ex Padrone coloniale spagnolo e francese. Questo potrebbe essere una buona occasione per l’Italia, la quale potrebbe fare da arbitro fra i due, insediandosi così come Paese mediterraneo “amico” e come potenza occidentale meno invisa, in un pezzo di nord Africa che non amministriamo dai tempi della Roma antica.

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 12/11/2021