L'odio della Sinistra contro il giornalista Alfonso Signorini

Essere pro-life e anti-abortisti pu˛ essere motivo di insulti ed attacchi? Viva la libertÓ di pensiero!

L’odio della Sinistra nei confronti di chi non la pensa come lei torna sempre a galla.

L’ultimo in ordine di tempo a finire nel tritacarne della Sinistra intollerante ed anti-Cristiana è stato il giornalista Alfonso Signorini, conduttore del “Grande Fratello Vip”.

Come si sono svolti i fatti?

Signorini da alcuni giorni sta prendendo in giro il concorrente Giucas Casella facendogli credere che la sua cagnolina di piccola taglia, Nina, sia stata ingravidata da un pastore maremmano, Ciro.

Nel collegamento di lunedì sera Signorini ha mostrato un video a Giucas nel quale si mostrava un’ecografia che attesterebbe l’avvenuto ingravidamento di Nina che aspetterebbe ben sette cuccioli.

Giucas Casella non era molto felice della notizia e ha detto che la cagnolina avrebbe potuto avere un aborto spontaneo (come accade spesso per le cagnoline incinta). Alfonso Signorini, con tono pacato e assolutamente non accusatorio o malevolo, ha esclamato: “Siamo contrari all’aborto in ogni sua forma, anche quello dei cani non ci interessa”.

Tanto è bastato per mettere in moto la macchina del fango e dell’odio nei confronti di un presentatore che ha avuto l’ardore e l’ardire di difendere la vita sin dal primo momento del concepimento.

Una delle più agguerrite e poco educate è stata Selvaggia Lucarelli che in un suo post su Instagram ha scritto: “Non so a nome di chi credi di parlare, ma NOI abbiamo votato a favore dell’aborto con un referendum che ha la mia età, quindi fammi questo favore: parla per te e per il tuo corpo, visto che non rappresenti né il paese né il corpo delle donne. E già che ci siamo; anziché a Giucas Casella, nel silenzio generale delle donne in studio, queste frasi valle a dire a chi è costretto all’aborto terapeutico, alle vittime di stupri etnici, alle donne che scelgono in piena libertà e a chiunque abbia una storia un po’ più complessa da raccontarti che “Bettarini ha bestemmiato al grande fratello, espulso!”. Il moralismo ortodosso urlato al megafono del reality dal conduttore omosessuale pro life, ci mancava solo questo”.

Come mai la Lucarelli, accorta sostenitrice del Ddl Zan, ora usa la parola “omosessuale” – accostata a “pro life” – per attaccare Signorini? E’ forse un reato essere omosessuali? E’ contrario a qualche dettame legislativo essere pro life?

Ah già, dimenticavo, in Italia va bene essere omosessuali solo se si è anti-Cristiani, di Sinistra, pro-Immigrazione e, possibilmente, sostenitori della barbara pratica dell’utero in affitto. Se un omosessuale non sposa queste teorie non è meritevole di rispetto.

Dinanzi al bieco attacco di Selvaggia Lucarelli il conduttore del “Grande Fratello Vip” non è stato zitto e ha twittato: “Tra i diritti civili per i quali mi batto da sempre ci sono il rispetto e la difesa della libertà di pensiero. Un principio che difendiamo, anzi difendo, con assoluta fermezza. Indipendentemente dai miei gruppi di lavoro”.

La società di produzione televisiva “Endemol Shine Italy” per non perdere gli spettatori livorosi di Sinistra si è smarcata così: “Nella puntata di ieri di Grande Fratello Vip, Alfonso Signorini ha espresso la propria opinione su un tema importante e sensibile come quello dell’aborto, che è un diritto di ogni donna sancito dal nostro ordinamento. Pur rispettando le opinioni di ognuno, come Endemol Shine Italy esprimiamo la nostra distanza dalla sua personale posizione.

In tutte le comunità e in tutti i gruppi di lavoro le opinioni possono essere diverse, e Grande Fratello si distingue da sempre per essere attento a tutte le evoluzioni della società e al rispetto dei diritti civili”.

Parole molto istituzionali che però celano un “dire non dire” degno di chi sa che non può smentire una frase che non ha nulla di offensivo.

A rincarare la dose poteva mancare la “paladina delle cause inutiliLaura Boldrini? L’ex-Presidente della Camera dei Deputati, ha twittato: “Un motivo in più per continuare a non guardare il Grande Fratello Vip. A noi donne nessuno può imporre quello che dobbiamo fare”. La Boldrini probabilmente non ha capito che nessuno vuole imporre nulla a nessuno e che le sue parole sono perciò – come spesso accade – fuori luogo.

Giorgia Meloni, Segretario Nazionale di “Fratelli d’Italia”, ha invece espresso solidarietà ad Alfonso Signorini dicendosi dispiaciuta per il “linciaggio online” a cui è stato sottoposto il presentatore e facendo presente che “in democrazia non può esistere un pensiero unico”.

Quelli che attaccano Alfonso Signorini per le sue parole ed il suo pensiero sono gli stessi che facevano il tifo per l’orrido Ddl Zan. Non hanno ottenuto la loro “legge bavaglio” ed ora cercano di attaccare in ogni modo chi non la pensa come loro. Che tristezza!

Sicuramente continueremo a seguire la vicenda sapendo che la Sinistra livorosa non smetterà di discriminare, attaccare e delegittimare chi non appartiene alla sua potente lobby.

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 17/11/2021