Arrestato l'assassino di "Diabolik"

Sarà il momento definitivo per ottenere la tanto agognata giustizia per Fabrizio Piscitelli?

Finalmente la Squadra Mobile della Questura di Roma, coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia ha posto in arresto Raul Esteban Calderon quale assassino di Fabrizio Piscitelli, capo ultras della Lazio meglio conosciuto come “Diabolik”.

“Diabolik” era stato ucciso il 7 agosto 2019 al Parco degli Acquedotti della Capitale.

Ad essere di fondamentale aiuto per la magistratura e per gli inquirenti è stato un video realizzato dal sistema di videosorveglianza di un privato cittadino che ha immortalato un soggetto che fuggiva con abiti da runner dopo aver verosimilmente esploso alcuni colpi di arma da fuoco sul corpo del Piscitelli.

La Procura della Repubblica ha analizzato le immagini con l’aiuto di valevoli esperti ed ha confrontato questo video con le testimonianze, le deposizioni ed i racconti presi dalle forze dell’ordine nel giorno dell’omicidio. Dalla Procura della Repubblica di Roma fanno sapere che “dall’analisi tecnica del filmato dell’omicidio eseguita prima dalla Polizia Scientifica e successivamente dal consulente tecnico incaricato dalla Procura è emersa una chiara compatibilità tra il killer visibile nel filmato e il soggetto gravemente indiziato”.

Dall’esame obiettivo del filmato, dunque, gli inquirenti hanno sospettato che il Calderon potrebbe essere anche incriminabile per l’omicidio di Shehaj Selavdi avvenuto sul lungomare di Torvajanica il 20 settembre 2020.

La cronaca giudiziaria ci dice che l’arresto di Raul Esteban Calderon è avvenuto il 13 dicembre scorso quando il pubblico ministero ha convalidato il fermo sostenendo che l’omicidio Piscitelli avrebbe una matrice di guerra fra bande per mantenere il controllo dello spaccio nella Capitale.

Una bruttissima pagina della nostra storia repubblicana che forse troverà un epilogo giudiziario grazie alla professionalità della magistratura, della Polizia di Stato e grazie soprattutto alla collaborazione del privato cittadino che ha fornito le immagini fondamentali per la convalida del fermo.

Il Gruppo Ultras noto come “Irriducibili Lazio” ha appreso la notizia dagli organi di stampa e spera possa essere il momento definitivo per ottenere la giustizia tanto attesa per il suo leader “Diabolik”.

Sui profili social di molti tifosi laziali si sono letti commenti quali: “Sempre Irriducibili”, “Fabrizio vive”, “Diabolik sempre con noi”…

Grati alle Forze dell’Ordine e alla Magistratura per l’ottimo arresto continueremo a seguire gli sviluppi della vicenda e vi terremo senz’altro aggiornati.

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 19/12/2021