Per dovere di cronaca: Gli effetti del vaccino. Il governo del Regno Unito ammette che i vaccini hanno danneggiato il sistema immunitario naturale dei doppi vaccinati.

L’esperienza inglese

Il governo del Regno Unito ha ammesso che dopo una doppia vaccinazione non si sarà mai più in grado di acquisire l'immunità naturale completa alle varianti di Covid - o forse a qualsiasi altro virus. Quindi guardiamo la "vera" pandemia che inizia ora!

Nel suo report sulla sorveglianza dei vaccini COVID-19 della settimana 42, l'autorità sanitaria britannica ammette a pagina 23 che "i livelli di anticorpi N sembrano essere più bassi nelle persone che si infettano dopo due dosi di vaccino". Continua dicendo che questo calo di anticorpi è fondamentalmente permanente.

Che cosa significa? Sappiamo che i vaccini non prevengono l'infezione o la trasmissione del virus (infatti, il rapporto mostra altrove che gli adulti vaccinati sono ora infetti molto più spesso di quelli non vaccinati). Gli inglesi stanno ora scoprendo che il vaccino influisce sulla capacità del corpo di produrre anticorpi non solo contro la proteina spike, ma anche contro altre parti del virus dopo l'infezione.

In particolare, le persone vaccinate non sembrano produrre anticorpi contro la proteina nucleocapside, l'involucro del virus, che è una parte cruciale della risposta nelle persone non vaccinate.

A lungo termine, i vaccinati sono molto più suscettibili a possibili mutazioni nella proteina spike, anche se sono già stati infettati e sono stati curati una o più volte. Le persone non vaccinate, d'altra parte, otterranno un'immunità permanente, se non permanente, a tutti i ceppi del presunto virus dopo averlo contratto naturalmente anche una volta.

Fonte: https://assets.publishing.service.gov.uk/government/uploads/system/uploads/attachment_data/file/1027511/Vaccine-surveillance-report-week-42.pdf

Le prime compagnie di assicurazione si tirano indietro perché stanno affrontando un'enorme ondata di danni.

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 08/01/2022