Pianeta Toro Granata sconfitti in casa dal Cagliari

Vittoria importante in chiave salvezza per gli isolani di Mazzarri

Prendere un gol da una rimessa laterale si era visto poche volte, specialmente nella massima serie. Ebbene, il Toro entra nella hit parade concedendo al Cagliari di portarsi in vantaggio all’Olimpico Grande Torino dopo poco più di venti minuti sfruttando, per l’appunto, una “disattenzione” che ha portato al gol il ventunenne Bellanova che si ritrova la porta granata spalancata.

1 a 0 per gli isolani che già al 4° erano andati vicino alla segnatura. Il prosieguo dell’incontro ha registrato la naturale reazione dell’undici di Juric che va vicino al pari con Pjaca servito impeccabilmente da Brekalo. Il miracolo di Cragno, estremo cagliaritano che devia in angolo anche con l’aiuto della traversa, lascia invariato il parziale.

Allo scadere Pobega conclude fuori di un soffio con una perentoria conclusione dal limite. Si chiude così un primo tempo in cui il Toro avrebbe meritato il pareggio che arriva al 54° per merito del “Gallo” che nell’area piccola non perdona e trafigge l’incolpevole Cragno.

E quando il Popolo Granata assaporava un possibile vantaggio interno giungeva a freddo quello esterno messo a segno da Deiola al 62° ben servito dal neo entrato Pavoletti.

Il tempo scorreva dando spazio alle sostituzioni; usciva anche Belotti per l’esordio di Pellegri. Due minuti prima era stato ancora il Cagliari ad andare vicino al gol con Goldaniga, ma Milinkovic Savic anticipava in uscita la possibile conclusione del cagliaritano.

Poi più nulla di particolare fino al triplice fischio di Volpi che ha ben arbitrato un incontro, peraltro, non di particolare difficoltà. Finisce così in maniera inaspettata una partita che, dopo i buoni segnali prodotti nel derby, avrebbe potuto consentire un balzo in classifica avvicinando la zona che profuma di Europa, ma forse, per quest’anno, è meglio mettersi il cuore in pace e restare con i piedi per terra.

(immagini Torino FC)

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 28/02/2022