Filippo Blengino e i "Radicali" di Cuneo sfidano Putin

Iniziative politiche contro Vladimir Putin affinché venga portato dinanzi al Tribunale dell'Aja.

Nel pomeriggio di sabato 16 aprile i militanti dell’Associazione Radicali “Gianfranco Donadei” di Cuneo hanno organizzato un banchetto informativo nel quale contestavano la politica di Vladimir Putin.

Sul banchetto campeggiavano in bella mostra manifesti dal titolo “Putin all’Aja”.

Gli attivisti e le attiviste dell’associazione invitavano anche i passanti a sottoscrivere un appello per l’incriminazione di Vladimir Putin di fronte alla Corte Penale Internazionale per crimini di guerra e contro l’umanità.

Secondo Filippo Blengino, Segretario Politico dei Radicali di Cuneo, “quello che sta accadendo in Ucraina è più di una guerra: è un atto di minaccia all’Europa e alle nostre democrazie, il peggiore da 75 anni a questa parte. Un attacco avviato da tempo – ben prima dell’invasione – attraverso il bombardamento della propaganda e la costruzione di reti di amicizie politiche e imprenditoriali che ha visto purtroppo anche l’Italia in prima fila a genuflettersi davanti al nuovo Zar”.

Quando gli ho chiesto per quale motivo per loro sia tanto importante manifestare contro Putin mi sono sentito rispondere che “oggi parlano della nostra dipendenza energetica dal gas di Putin tutti quelli che fino a ieri minimizzavano il problema. Noi Radicali lo denunciamo da sempre. Oggi è chiaro a (quasi) tutti chi sia davvero Vladimir Putin. Noi Radicali lo sapevamo già”.

Oltre al banchetto, nella giornata di sabato 23 aprile prossimo, ci sarà un convegno sulle radici del “putinismo”, oggi causa del sanguinario conflitto in Ucraina, dal titolo “La verità, vi prego, su Putin”.

Alle ore 11:00, presso la Sala Falco della Provincia di Cuneo, interverranno il Professor Valter Maria Coralluzzo, Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università degli Studi di Torino, Massimiliano Di Pasquale, Fotogiornalista e saggista membro dell’Associazione Italiana di Studi Ucraini, Mauro Voerzio, Studioso delle tecniche disinformative e degli Hybrid Threats, Olivier Dupuis, Giornalista ed ex-Parlamentare Europeo Radicale, Carmelo Palma, Direttore di Stradeonline.

Con l’occasione ho chiesto a Filippo Blengino in quale compagine consiliare si candideranno i “Radicali” alle prossime Elezioni Amministrative di Cuneo. La riflessione è in atto ed è molto probabile che appoggeranno la candidatura dell’ex-Senatore del “Partito DemocraticoPatrizia Manassero.

Di certo vi è che Blengino e i suoi compagni hanno deciso di non sostenere più la lista civica “Evoluzione” ideata dal giovane ed inesperto Pietro Carluzzo. Nei giorni scorsi sulle colonne di “Cuneo Dice”, infatti, Blengino dichiarò: “Valuterò se ci saranno le condizioni per essere presenti alle elezioni: quel che è certo è che non siamo disponibili a condividere pezzi di strada con gruppi politici che vedono il domani in maniera diametralmente opposta alla nostra. Progetti demagogico-populisti e “no” ideologici a tutto non fanno bene alla città”.

Certamente seguiremo il proseguo della campagna elettorale appena iniziata con la speranza che a vincere sia chi ama davvero la città e non chi ambisce soltanto alla poltrona.

Sullo stesso tema potrebbe interessare anche: "Cuneo contro la guerra in Ucraina".

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 18/04/2022