Livorno – Pepè una vita piena di scatti. Una storia autentica di un paparazzo

Cristiano Sabre e Francesca Staltari raccontano in un libro edito dalla Nino Bozzi Editore Il mitico mondo dei grandi dello spettacolo che hanno popolato riviste rotocalchi nazionali e internazionali con le foto ( che foto!) scattate da un grande professionista della macchina fotografica

Le giornate del Salone del libro di Torino,  di un mese fa,  hanno visto  la presentazione di un libro dedicato ad un  grande e geniale  fotografo  paparazzo, “Pepè una vita piena di scatti. Storia autentica di un paparazzo”,  curato da  Cristiano Sabre  e Francesca Staltari – figlia di Giuseppe Staltari  memoria storica di Pepè). La pubblicazione è stata realizzata dal  Gruppo CTL Nino Bozzi Editore.

Nella prefazione”Le foto (e che foto!) sono state da sempre la linfa vitale per un autentico professionista del mestiere, che ha consumato le sue energie fino all’ultima goccia di sudore”.  L’autore carmagnolese Cristiano Sabre  giornalista, e la figlia di Pepé Francesca, con le testimonianze dei personaggi che hanno ruotato attorno alla sfera professionale del fotografo, hanno realizzato un simpatico libro, ben curato, piacevole da sfogliare, portando a   conoscere il personaggio Pepè, al  grande pubblico, non solo sotto l’aspetto professionale di fotografo , ma anche umano,  dai mille volti che il maestro dello scatto ci metteva per realizzare quell’arte magnifica che è la fotografia.  

Nel libro sono riprodotti alcuni  suoi primi scatti -  fatti a Sanremo durante la manifestazione canora, che Pepé ha seguito per quasi sessanta edizioni – eseguiti in bianco e nero, poi a colori. Foto  esclusive,  vendute  a importanti rotocalchi  riviste settimanali giornali italiani ed esteri.  Giuseppe Staltari, per tutti il fotografo Pepé di Torino ”classe 1938, guai chiamarlo con il nome di battesimo, avrebbe anche potuto offendersi. Il volume strutturato in sei capitoli,  inizia con le testimonianze delle celebrità amiche del fotografo, la storia, gli inizi della carriera di Pepè. Nativo  di Locri in Calabria emigrato giovanissimo con le idee ben chiare fotografare  momenti di vita fatti di quotidianità da immortalare   per le pagine di un rotocalco.

Arriva nella Torino  sabauda  si stabilirà e non l’abbandonerà più, tutti i suoi scatti avvenire  saranno anche un omaggio alla città che l’ha adottato. Ogni cerimonia istituzionale che avvenisse nel capoluogo subalpino lui era presente con i borsoni delle macchine fotografiche i teleobbiettivi, per documentare l’avvenimento. Il quarto capitolo, narra dei primi scatti d’autore, le amicizie con le famose celebrità: cantanti, personaggi del cinema, presentatori, calciatori e tante altre.

Pepé è stato il fotografo ufficiale di Claudio Villa, lo scopritore  di celebrità come Simona Ventura. Ha vissuto in prima linea la crescita l’affermazione e la popolarità di personaggi come Massimo Ranieri, Carlo Conti,  Lucio Dalla, Vasco Rossi, Maradona. Annotiamo uno dei tanti casi curiosi narrati nelle pagine del libro. Lo storico  incontro di Maradona e Platini.Negli anni Ottanta – Pepé mise in piedi un escamotage  “geniale”, per far incontrare , l’uno all’insaputa dell’altro, due grandi rivali sportivi di calcio: i campionissimi di Napoli e Juventus: Diego Armando Maradona e Michel Platini. L’episodio  avvenne nel dopo partita di Juventus Napoli , in un’area riservata lungo i corridoi dello Stadio Comunale di Torino.

Era il 23 dicembre 1984, Pepè si intrattenne  per un momento con il francese bianconero Michel Platinì, appena uscito dagli spogliatoi egli disse che Maradona  avrebbe voluto stringergli la mano, ma non si osava. Lo stesso pretesto “inventato”, il fotografo riuscì  ad utilizzarlo abilmente anche con l’argentino Maradona, facendogli a sua volta intendere che l’attaccante della Juve volesse fare con lui, il «Pibe de Oro». L’incontro fra i due, nel dopo partita, raccolse dei risultati sorprendenti grazie all’invenzione di Pepé”.

Nel quinto capitolo,  la storia dell’apertura del locale “Il Paparazzo” a Torino in via Virginio , con le visite dei Vip a casa di Pepé. L’amicizia con Erio Tripodi,  anche lui  ragazzo  calabrese, emigrato  al nord, che trovò fortuna, non come fotografo, ma solo   dopo una intera  e intensa gavetta fatta di svariati lavori, affermazioni canore internazionali , si trasferì poi  in Liguria  a Vallecrosia  per fondarvi a fine anni ’70 , un ristorante – che portava il suo nome ”Da Erio” e il “Tempio - Museo della canzone”.

Al lettore, il compito di  scoprire questo particolare e unico Tempio - Museo della canzone. In questo capitolo, viene descritto anche il  caso di Adriano Celentano. Infine nella  sesta e  ultima  sezione, gli eventi teatrali, i set cinematografico  e le grandi celebrazioni di Torino. Il libro pagina dopo pagina riserva  sorprese  aneddoti curiosità. Pepé una vita piena di scatti che ha immortalato i costumi di un’epoca ormai estinta raccontata  attraverso immagini e testimonianze nei personaggi della televisione  del cinema che hanno cambiato l’Italia. Giuseppe Staltari non è stato uno dei tanti “paparazzi” in cerca di scoop , ma uno dei migliori fotografi italiani.

Autori:

Francesca Staltari , naturopata torinese, preziosa “memoria storica” di Pepè. Ama definirsi figlia di un “papà –razzo”, ma paradossalmente “figlia d’arte con poca parte”. Indelebile il ricordo basatosu un gioco di parole del presentatore Corrado:Franca, sempre franca eh!.

Cristiano Sabre, giornalista pubblicista free lance e scrittore classe 1984, dopo il primo libro”Generazione Vip”( edito nel 2013)ha portato nuovamente la sua fatica letteraria improntata sulla vita e sulla professione di un grande fotografo apprezzato dai più in Italia e nel mondo. Appassionato conoscitore della sfera televisiva, sportiva e artisti cadi molti personaggi, il carmagnolese ha portato per voce della figlia Francesca Staltari e per mezzo di testimonianze fatte di istantanee e video su Pepé, vita e carriera di un vero professionista della macchina fotografica. Importanti inoltre i contributi delle celebrità amiche come Piero Chiambretti, Iva Zanicchi, Pippo Baudo, Maria Teresa Ruta,Caterina Caselli, Davide Pulia, Paolo Rossi, Marinella Venegoni, Urbano Cairo e Gianni Morandi.

Pepé. Una vita piena di scatti. Storia autentica di un paparazzo”, a cura di Cristiano Sabre, Francesca Staltari, pp.94 ill. b/n e col. Gruppo CTL Nino Bazzi Editore, Livorno 2022,€ 23.00

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 22/06/2022