Carlo Calenda smentisce Carlo Calenda

Quando l'incoerenza e la bramosia della poltrona portano il politico a rinnegare se stesso.

Qualche mese fa, precisamente nel novembre 2021, nel corso della trasmissione “L’Aria che Tira” di Myrta Merlino, Carlo Calenda, fondatore e leader di “Azione”, diceva: “del Centro di Renzi non me ne frega nulla. Io non dico che non bisogna fare allenze, anzi, penso che bisogna fare un’alleanza tra tutti i partiti che sono europeisti, democratici e liberali. Io non ho nessuna intenzione, noi non abbiamo nessuna intenzione, di fare un partito con Renzi. Posso dire una cosa: ‘di Renzi non me ne frega niente’. Non farò politica con Renzi perché questo modo di far politica mi fa orrore”.

Peccato che, solo qualche giorno fa, il buon Calenda si sia rimangiato tutto ed abbia siglato un’alleanza con Matteo Renzi e la sua “Italia Viva” al fine di garantirsi una poltrona in Parlamento alle elezioni del prossimo 25 settembre.

L’11 agosto scorso, infatti, su Twitter il leader di “Azione” ha scritto: “Nasce oggi per la prima volta un’alternativa seria e pragmatica al bipopulismo di destra e di sinistra che ha devastato questo paese e sfiduciato #Draghi. Ringrazio @matteorenzi per la generosità. Adesso insieme @ItaliaViva e @Azione per #ItaliaSulSerio”.

Quel che fa specie non è che un politico abbia mentito al Popolo Italiano: a questo siamo abituati da quando è nata la Repubblica ! Quel che fa davvero riflettere è che Carlo Calenda è quell’uomo che, criticando gli avversari politici, disse: “Se la parola non ha valore, la politica non ha valore”.

Alleandosi con Matteo Renzi il buon Calenda ha dimostrato di essere uno pronto a venir meno alla parola data e, rifacendosi alle sue parole, vien da credere che, dunque, anche la sua azione politica non avrà alcun valore.

A dare una stoccata non da poco al leader di “Azione” è stato il senatore Maurizio Gasparri, “Forza Italia”, che con pungente ironia ha scritto: “Calenda la Trottola continua a girare come un ossesso. Confermandosi la persona meno affidabile del panorama politico. Firma il patto con Letta, rompe il patto con Letta. Dà baci a Letta sapendo che entrerà in campo nella loro coalizione anche Fratoianni ma poi si rimangia il bacio emulando noti precedenti di baci seguiti da tradimenti. Adesso si allea con Renzi dopo aver proclamato precedentemente in maniera drastica e convinta: ‘non mi alleerò mai con Renzi’. Difatti questa settimana si allea con lui. Che farà Calenda la Trottola la prossima settimana?”.

Due giorni fa il nostro direttore editoriale Francesco Rossa, nel fare una disamina precisa e puntuale della neonata alleanza, ha scritto che “è l’incontro dei cani sciolti, le cronache di questi giorni ci hanno dimostrato il volto vero di gran parte dei nostri politicanti, ma la danza macabra non è ancora terminata!”. Mai parole furono più ben scritte!

Continueremo a monitorare la situazione politica certi che assisteremo a qualche altro coup de théâtre prima del 25 settembre. Che cosa ci regalerà questa volta il poliedrico ed incoerente Carlo Calenda?

Per vedere il video in cui Calenda dice che non farà politica con Renzi cliccare qua.

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 14/08/2022