«Concorso Nazionale di Narrativa Terra dei Padri», a Vasto (Chieti)

L’edizione di quest’anno è dedicata a “Il giorno del Ricordo”

A Vasto (Chieti), venerdì 9 settembre, alle ore 17:00 presso il Liceo Artistico Pantini Pudente in via Conti Ricci n. 1, si terrà la cerimonia di Premiazione della III edizione del “Concorso Nazionale di Narrativa Terra dei Padri” dedicato, quest’anno, al “Giorno del Ricordo”.

Un tragico evento storico che, a partire dal 2004, celebra la sua giornata commemorativa nella data del 10 febbraio.

Un argomento drammatico che l’Associazione culturale “Terra dei padri” ha scelto di ricordare attraverso le innumerevoli elaborazioni letterarie che hanno posto in essere i risvolti più agghiaccianti e drammatici dei massacri delle foibe e dell’esodo giuliano dalmata.

Il Concorso Nazionale di Narrativa “Terra dei Padri – Il Giorno del ricordo” mai come quest’anno ha ricevuto una straordinaria adesione da parte di numerosi appassionati di scrittura provenienti da ogni regione d’Italia mossi dalla volontà di trasmettere, attraverso l’uso della parola scritta, sensazioni ed emozioni dalla forte valenza esistenziale.

La Giuria di qualità, composta dal Presidente Pierfranco Bruni (Presidente Centro Studi Francesco Grisi), Stefania Romito (scrittrice e giornalista), Nina De Leo (poetessa e scrittrice), Vito Fumarola (docente), Roberto Biffis (ANVGD Treviso), Marco Solfanelli (editore) e Franca De Santis (Presidente Terra dei Padri), ha riconosciuto a tutti i partecipanti delle tre sezioni (Giovani, Racconto, Poesia) una grande abilità interpretativa nell’aver saputo penetrare il tema coniugando la testimonianza storica a una profonda indagine ontologica.

Durante l’evento si terrà la suggestiva Mostra d’arte a tema per suggellare la prodigiosa potenza evocativa dovuta alla simbiotica fusione tra parola scritta e arte figurativa.

A condurre l’evento sarà la giornalista e scrittrice Stefania Romito insieme a Giuseppe Terone.

L’accompagnamento musicale sarà affidato ai musicisti Guerino Taresco (contrabbasso) e Luca Barbati (pianoforte).

La Cerimonia di Premiazione verrà inaugurata dalla lettura del toccante brano “Mio padre in Dalmazia”, tratta dal libro di Pierfranco Bruni “Quando mio padre leggeva Carolina Invernizio” (Tabula Fati).

Un argomento, quello delle atrocità umane perpetrate a danno di vittime innocenti, molto caro a Pierfranco Bruni il quale ne ha fatto oggetto di indagine anche suo ultimo capolavoro letterario “Luisa portava in una mano una scarpetta di lana” (Tabula Fati) la cui presentazione si terrà in anteprima il 10 settembre a Pescara.

La Cerimonia di Premiazione sarà introdotta dai saluti istituzionali dell’Assessore alla cultura della città di Vasto, Nicola Della Gatta e della Presidente dell’Associazione Terra dei Padri, Franca De Santis.

Seguiranno gli interventi dei relatori: Pierfranco Bruni, Nina De Leo, Roberto Biffis, Marco Solfanelli, Antonio Fares.

L’evento godrà anche della presenza della poetessa Magda Rover, esule polana, la cui testimonianza storica contribuirà ad attribuire all’incontro una notevole valenza documentaristica.

I nomi dei vincitori e degli autori che hanno ottenuto una Menzione di merito, indicati in ordine alfabetico, sono:

Sezione “Giovani”

Vincitori: “Più non lo ricordo” di Gabriele Casafino (Torino), “Un mare di dolore, un mare di amore” di Istituto Omnicomprensivo (Città Sant’Angelo – PE), “Abisso” di Andrea Verrocchio (Pescara);

Menzioni di merito: “Mio nonno un profugo istriano” di Francesca Marin (Udine), “Il treno dei colori spezzati” Alessio Manfredi Selvaggi (Campobasso), “Senza terra madre” di Roberta Smargiassi (Vasto)

Sezione “Racconto”

Vincitori (con due posizioni a pari merito): “Dal grande raccordo anulare” di Giuliana Donorà (Torino) e Marco Brecevich (Roma), “Mi chiamo Graziano” di Roberta Mazzoni (Jesi – AN), “Io ci sono già stato” di Alessandro Mella (Viu’ – TO), “Sinfonia” di Gioia Senesi (Matelica – MC)

Menzioni di merito: “Frammenti di luce e memoria” di Cristina De Giorgi (Roma), “Fovea, il peso dei corpi” di Rosa Pugliese (Venosa – PZ), “Cambio” di Eligio Burul Simat (Mantova)

Sezione “Poesia”

Vincitori (con due posizioni a pari merito): “Fiume lontana” di Lamberto Maria Amedei (Verona), “Restare o andare” di Alfonso Gargano (Salerno), “La bambina con la valigia” di Serenella Minichetti (Cascina – PI), “Martirio” di Alessandra Sorcinelli (Cagliari)

Menzioni di merito: “Il sorriso di Norma” di Cristina De Giorgi (Roma), “Nonna Maria” di Tony Fabrizio (Bonito – AV), “Pasqua Toffetti” di Patrizia Stefanelli (Itri – LT)

L’ordine di classificazione verrà comunicato durante la Cerimonia di Premiazione.

Il Concorso, che gode del patrocino del Comune di Termoli, di ENAC (ente nazionale attività culturali), del Comitato 10 febbraio e di ANGV (associazione nazionale Venezia Giulia e Dalmazia), rappresenta un momento da condividere per non dimenticare l’efficace funzione pedagogica della storia.

Non riconoscere questo requisito essenziale equivale a disconoscere il nostro immanente potere salvifico: se la storia insegna, noi abbiamo il dovere di imparare dai nostri errori. È la nostra unica via per la salvezza.

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 02/09/2022