Cuneo manifesta solidarietÓ ad Israele

La Destra di Governo non ha dubbi: condanna unanime ad Hamas e al popolo palestinese violento e terrorista.

Oggi pomeriggio, alle ore 17:00, a Cuneo, davanti al Monumento della Resistenza, una manifestazione in sostegno al Popolo Israeliano, dopo i recenti attacchi criminali di Hamas e dei palestinesi.

Dal gruppo “+ Europa” della Provincia di Cuneo fanno sapere: “Con nettezza vogliamo esprimere il nostro sostegno al Popolo Israeliano per i violenti attacchi subiti da Hamas. Chiediamo anche che la Sindaca di Cuneo Manassero dia disposizioni affinché si illumini la torre civica con i colori della bandiera israeliana”.

Intervento degno di menzione quello del Senatore cerverese Giorgio Maria Bergesio (nella foto a sinistra), “Lega”, che ha scritto: “Non possiamo accettare il barbaro attacco dei terroristi islamici di Hamas allo Stato di Israele. Azioni atroci per colpire le democrazie e le libertà occidentali. In Senato abbiamo approvato una mozione a sostegno del Popolo Israeliano relativa agli attacchi di Hamas contro Israele. Non è possibile accettare barbari attacchi terroristici islamici alle democrazie occidentali. Continueremo a garantire il nostro sostegno allo Stato di Israele”.

Mario Adinolfi (nella foto a destra), fondatore e presidente del “Popolo della Famiglia”, riferendosi ai video di propaganda palestinese, non è stato tenero: “Guardo i terribili video degli ostaggi presi da Hamas e mi chiedo perché li diffondano. Sanno che tutti i musulmani godono nel vedere israeliani e occidentali soffrire. Noi siamo tenerelli e siamo terrorizzati. Gli islamici, anche i non fanatici, invece pensano: “Bravi questi di Hamas, gliela stanno facendo pagare, ora tocca agli infedeli avere paura”. In pratica questi video sono marketing che eccita i musulmani in tutto il mondo. Dobbiamo fare molta attenzione”.

La Destra di Governo non ha dubbi: massimo sostegno ad Israele e condanna unanime ad Hamas e al popolo palestinese violento e terrorista.

A Sinistra, invece, posizioni ambigue di chi – da sempre – sostiene il terrorismo palestinese mascherato da difesa di un non si sa bene quale diritto di proprietà sulla Terra Santa.

Ciò che conta – al di là di tutto – è che l’Organizzazione delle Nazioni Unite intervenga in modo forte – e se serve coercitivo – al fine di ristabilire un clima di pace reale e duratura.

 

© 2023 CIVICO20NEWS - riproduzione riservata

Stampa solo il testo dell'articolo Stampa l'articolo con le immagini

Articolo pubblicato il 14/10/2023