APRI
IL
MENU'
Recensioni
"Relazioni", di Sonia Lotti
Piccola antologia di racconti introspettivi di una esordiente scrittrice milanese.
Articolo di Giancarlo Guerreri
Pubblicato in data 27/10/2023

Umberto Galimberti, il noto filosofo italiano, ha spesso affermato che la Donna, a differenza dell’Uomo vive di relazioni.
Potremmo forse interpretare questa frase come una dichiarazione di inferiorità degli uomini nei confronti delle donne, dal momento che tutta la storia della vita su questo bizzarro Pianeta si svolge tra azioni e pensieri che s’intrecciano in mille tipologie di collegamenti, che fungono da canali di comunicazioni tra gli individui e l’ambiente.


Pertanto non credo sia un caso che il primo bambino di carta di Sonia Lotti, dia voce soprattutto alle donne, le vere protagoniste di storie mirabilmente avvolte intorno ad un nucleo evanescente di armoniche relazioni personali.


Come le note di una sinfonia, i racconti sembrano vivere di vita propria, ma si tratta solamente di una pura illusione perché proseguendo nella piacevole lettura ci accorgiamo che nulla di casuale ha determinato la tessitura della narrazione, e che quelle stesse note trovate nel “Divano scaccia ospiti” si ripresentano oltre, quando la scrittrice narra se stessa nell’episodio della “Scelta”. 


Il fluire delle immagini è molto ben regolato da tempi che potremmo definire musicali.

Le protagoniste, come attrici pirandelliane, si discostano dalle fisionomie degli Autori più moderni, regalandoci una patina di rassicurante nostalgia che domina una scena, intima e conosciuta.


Come i viaggi freudiani nell’inconscio delle dimensioni oniriche, i percorsi proposti da Sonia, appartengono ad una dimensione atemporale che racconta se stessa con la lucida follia di altri viaggiatori, narrati da scrittori di grande spessore come E.A. Poe o il più recente Philip Roth.
Sonia Lotti ama la scrittura quanto la parola.

La sua è vera necessità di comunicare emozioni in qualsiasi modo. Scrive con una spontaneità straordinaria, rimandando la correzione dei testi ad un momento successivo, per non perdere la Vis letteraria che diventa il fil rouge del suo percorso descrittivo.

Prima i contenuti e dopo la forma che li dovrà contenere. In una lunga intervista Sonia racconta che la sua passione per la scrittura è maturata solo dopo l’adolescenza, diventando una reale necessità in questa fase della sua vita.


Dare voce alle sue protagoniste significa anche dirigere un’orchestra fatta di numerosi strumenti, ognuno dei quali desidera esprimersi indipendentemente dagli altri, ma al tempo stesso concertando e amalgamando la sua partecipazione al risultato finale che deve corrispondere a criteri di necessaria armonia.


Gli argomenti dei racconti, siano esami universitari, rapporti tra padre e figlia o dinamiche strettamente famigliari sono solo pretesti psicologici che hanno lo scopo di indagare nel profondo di questioni irrisolte o microdrammi personali dipinti sulla piacevole grammatica di una lettura scorrevole.


Un’antologia di sei racconti da bere tutti d’un fiato, sei piccoli spiragli nell’anima di Sonia che desidera condividere con il Lettore l’intimità dei suoi pensieri, narrati con una penna lieve e apparentemente innocua. 


Per far pensare è necessario aver pensato molto, e per dire qualche cosa di nuovo bisogna aver imparato a far tacere il banale ed eliminato il superfluo, e questo è quello che Sonia è riuscita a fare.

 

Sonia Lotti

Relazioni

ROBIN EDIZIONI

Biblioteca del Vascello

pagine 124
euro 14
genere: Racconti
pubblicato: 2022
ISBN 9791254674284

http://www.robinedizioni.it/nuovo/relazioni

Acquistabile online

 

© 2023 CIVICO20NEWS - riproduzione riservata

 

 


 

COMMENTA L'ARTICOLO
Altre notizie di
Recensioni